Diritto e Fisco | Articoli

I doveri dei figli verso i genitori

29 Giugno 2021
I doveri dei figli verso i genitori

I diritti dei genitori e la possibilità di costringere i figli: dall’obbedienza al mantenimento. 

Non esiste un manuale per diventare dei bravi genitori. Si impara soltanto con l’esperienza.

L’articolo 147 del Codice civile spiega quali sono i doveri di un padre e di una madre, riferendosi all’obbligo di mantenimento, di istruzione e di educazione dei figli, anche se nati al di fuori del matrimonio, nel rispetto delle loro inclinazioni naturali, capacità ed aspirazioni. Vediamo, più nello specifico, quali sono i doveri dei figli verso i genitori.

In questa guida risponderemo a questa e ad altre domande. In particolare, ti spiegheremo che il figlio minorenne è tenuto a rispettare i genitori, il maggiorenne deve aiutare mamma e papà nelle spese per la gestione domestica in rapporto alle sue capacità economiche. Inoltre, analizzeremo quando un figlio può essere querelato per il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare oppure per il reato di abbandono di persone incapaci.

Ma procediamo con ordine e scopriamo insieme quali sono i doveri dei figli verso i genitori.

I figli devono obbedire al padre e alla madre? 

Anche se l’articolo 315-bis del Codice civile stabilisce che il figlio minorenne deve rispettare i genitori, la violazione di questa norma non è punita con alcuna sanzione. Un figlio minorenne deve quindi obbedire al padre e alla madre, ma dall’altro lato il volere di questi ultimi non può mai andare contro gli interessi del figlio stesso. Questo significa che anche le punizioni devono essere proporzionate al comportamento da reprimere e limitate nel tempo. È possibile costringere il figlio a rimanere in camera per qualche ora ma non per un’intera giornata. È lecito vietare al figlio di frequentare una persona ma solo se la presenza di questa può essere di grave pregiudizio per la crescita del minore.

Le punizioni troppo severe costituiscono un reato, quello di abuso dei mezzi di correzione, che può essere oggetto di denuncia. Se però le punizioni diventano vere e proprie vessazioni continue, allora scatta il più grave reato di maltrattamenti in famiglia.

Il figlio può andare a vivere da solo se minorenne?

Un figlio minorenne non può andare a vivere da solo, salvo vi sia il consenso dei genitori. Se questi dovesse scappare, i genitori potrebbero chiedere l’intervento delle autorità affinché lo riportino a casa.

Il figlio che convive coi genitori deve aiutarli nelle spese?

Il figlio minorenne non ha alcun obbligo economico nei confronti dei genitori. Il figlio maggiorenne che lavora e che convive ancora con il padre e la madre deve invece contribuire ai bisogni del nucleo familiare. Questo non significa mantenere il padre e la madre, ma partecipare alle spese per la gestione domestica (vitto, alloggio, ecc.). Insomma, chi vive in casa con mamma e papà non può pensare di lasciare sulle loro spalle tutti gli incombenti economici che ne derivano. Naturalmente, il contributo del figlio al ménage familiare deve essere rapportato alle sue capacità economiche. 

Il figlio deve aiutare i genitori anziani e bisognosi?

Nel momento in cui decide di andare a vivere da solo, il figlio non ha più alcun obbligo economico nei confronti dei genitori, anche se questi sono anziani e soli. Non ha il dovere, ad esempio, di andarli a trovare e di prestare loro un’assistenza morale. Tuttavia, la legge stabilisce che, laddove le condizioni di salute e di reddito di un genitore siano talmente precarie da pregiudicarne la salute o la stessa vita ed il suo coniuge (ossia l’altro genitore) non può prendersene cura (perché anche lui anziano e malato o perché già defunto) allora il figlio deve intervenire economicamente. Egli deve versare al genitore in difficoltà i cosiddetti «alimenti»: non si tratta di un mantenimento ma di una somma strettamente necessaria per la sopravvivenza.

Il figlio che spende una somma superiore agli alimenti per il padre e la madre non può poi chiedere, ai fratelli, la restituzione di tali importi. 

Chi deve somministrare gli alimenti può scegliere se farlo mediante assegno periodico o accogliendo e mantenendo nella propria casa il genitore. Quest’ultimo non può rifiutarsi, a pena di perdita degli alimenti. 

Se il figlio non versa gli alimenti ai genitori può essere querelato per il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare o, nel peggiore dei casi, per il reato di abbandono di persone incapaci.

Un fratello può costringere l’altro fratello a prendersi cura dei genitori?

Può chiedere gli alimenti solo il diretto interessato, che è il genitore che si trova in difficoltà, ma non i suoi figli, che non hanno nessun potere di agire contro il fratello.

La divisione delle spese si fa in ragione delle rispettive capacità economiche e non per quote uguali. Chi, ad esempio, ha sostenuto una spesa per il padre non può chiedere il 50% al fratello se quest’ultimo guadagna molto di meno, ma una somma inferiore.

Un genitore può vietare al figlio di vedere il/la fidanzato/a?

È il giudice a valutare queste situazioni caso per caso, bilanciando da un lato il diritto del minore di esplicare la propria personalità e, dall’altro, il dovere dei genitori di tutelarlo. Ad esempio, il tribunale di Napoli ha ritenuto gravemente pregiudizievole la condotta del genitore che ostacolava il fidanzamento tra la figlia e un coetaneo, autorizzando conseguentemente la figlia a lasciare la residenza familiare.

Un genitore può imporre la propria religione al figlio?

I genitori non possono imporre la propria religione al figlio. Il figlio che ha acquisito sufficiente capacità di autodeterminarsi può fare scelte autonome nell’ambito della sfera religiosa, politica, o nella selezione della scuola secondaria superiore. Gli studenti della scuola secondaria superiore esercitano personalmente all’atto dell’iscrizione, a richiesta dell’autorità scolastica, il diritto di scegliere se avvalersi o meno dell’insegnamento della religione cattolica.

Approfondimenti

Per maggiori informazioni leggi: I diritti dei figli verso i genitori.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube