Diritto e Fisco | Articoli

Pensione di reversibilità e ricongiunzione dei contributi

3 Ottobre 2021 | Autore:
Pensione di reversibilità e ricongiunzione dei contributi

Se il lavoratore o il pensionato muoiono prima di aver terminato di pagare l’onere di ricongiunzione, gli eredi sono obbligati a saldare il debito rimanente?

Il lavoratore, per arrivare prima alla pensione e ottenere un importo del trattamento più alto, può riunire i contributi accreditati presso casse di previdenza diverse verso un’unica gestione, attraverso un’operazione, a titolo oneroso, chiamata ricongiunzione.

Grazie a questa misura, tutti i versamenti dell’assicurato, compresi gli accrediti derivanti da riscatto e figurativi, sono trasferiti verso la cassa di destinazione e diventano utili per maturare i requisiti per la pensione ed aumentarne l’importo: ci si domanda, però, che cosa accade se il pensionato muore prima di aver terminato di pagare l’onere di ricongiunzione. In merito a pensione di reversibilità e ricongiunzione dei contributi, gli eredi sono obbligati a pagare l’onere?

Non esiste un’unica risposta a questa domanda: bisogna innanzitutto sottolineare che le disposizioni sono diverse per i dipendenti pubblici, iscritti presso la gestione ex Inpdap, rispetto ai lavoratori del settore privato.

Inoltre, l’attuale disciplina stabilita dall’Inps distingue tra le situazioni in cui gli eredi hanno diritto alla percezione della pensione ai superstiti (di reversibilità o indiretta) e le situazioni in cui non esiste il diritto a pensione, oppure in cui i contributi da ricongiunzione non sono determinanti per il diritto alla pensione ai superstiti.

Ricordiamo, a questo proposito, che la pensione ai superstiti, che può essere di reversibilità o indiretta, è una prestazione che viene riconosciuta ai familiari dell’assicurato deceduto, lavoratore o pensionato: in particolare, parliamo di pensione di reversibilità se l’assicurato era già pensionato e di pensione indiretta se l’assicurato lavorava ancora.

Non tutti i familiari o gli eredi hanno poi diritto alla pensione ai superstiti, ma il trattamento spetta in via prioritaria al coniuge, ai figli (sino a una determinata età o inabili), in alcuni casi ai nipoti, ai genitori over 65 senza pensione o ai fratelli ed alle sorelle inabili; regole particolari valgono per i separati e i divorziati. Ma procediamo con ordine.

Come si calcola il costo della ricongiunzione?

La ricongiunzione si calcola col sistema:

  • della riserva matematica, se il periodo da riunire è da calcolare, ai fini della pensione, con sistema retributivo o reddituale; il sistema della riserva matematica si basa sulla quota di pensione corrispondente al periodo ricongiunto, attraverso l’utilizzo dei coefficienti di riserva matematica, che variano in base alla categoria di appartenenza, al sesso, all’età ed agli anni di contributi complessivi [1];
  • percentuale, se il periodo da recuperare è da calcolare, ai fini della pensione, con sistema contributivo; in questo caso, l’onere è determinato sulla base della retribuzione o reddito assoggettato a contribuzione nei dodici mesi meno remoti rispetto alla data della domanda di ricongiunzione, nonché sull’aliquota contributiva IVS (invalidità, vecchiaia e superstiti) vigente alla data di presentazione della domanda;
  • per cassa, qualora si facciano semplicemente confluire i contributi ricongiunti al montante contributivo della gestione di destinazione (si tratta di un sistema utilizzato presso alcune gestioni dei liberi professionisti): in questo caso, l’operazione non ha oneri ma i contributi non sono utili ai fini del diritto a pensione.

L’onere in ogni caso può essere rateizzato dall’interessato. Nel caso in cui le somme versate al fondo di destinazione siano sufficienti a coprire l’importo totale necessario per la ricongiunzione, il lavoratore non ha costi a carico, ma non ha diritto alla restituzione dell’eventuale eccedenza dei contributi versati [2].

Che cosa succede se il pensionato Inpdap muore prima di aver terminato di pagare la ricongiunzione?

Se il pensionato ex Inpdap muore prima di aver terminato di pagare le rate della ricongiunzione, la legge [3] prevede l’estinzione nei confronti degli eredi del debito residuo da ricongiunzione, per le rate non ancora scadute. In altre parole, gli eredi non sono tenuti a versare l’onere di ricongiunzione residuo.

Che cosa succede se il pensionato Inps muore prima di aver terminato di pagare la ricongiunzione?

Se il pensionato Inps muore prima di aver terminato di pagare le rate della ricongiunzione, bisogna distinguere tra le situazioni in cui gli eredi hanno diritto alla percezione della pensione di reversibilità e le ipotesi in cui non esiste il diritto a pensione, oppure in cui i contributi da ricongiunzione non sono determinanti per il diritto alla pensione ai superstiti.

Se gli eredi hanno diritto alla reversibilità, l’Inps procede al recupero del debito residuo, in quanto è determinante l’onere di ricongiunzione per il diritto a pensione.

Se gli eredi non hanno diritto alla reversibilità, oppure se i contributi da ricongiunzione non sono determinanti per il diritto alla reversibilità, non si procede al recupero del debito residuo a carico degli eredi, con l’avvertenza che i pagamenti già eseguiti alla data del 27 febbraio 2001 non vengono restituiti dall’Inps [4].

In quest’ultimo caso, se i superstiti intendono comunque portare a termine la ricongiunzione, possono usufruire di tutte le agevolazioni previste per il lavoratore, poi deceduto.

Se invece i superstiti non vogliono avvalersi della ricongiunzione, dal calcolo della reversibilità sono esclusi i contributi oggetto della ricongiunzione stessa.

Che cosa succede se l’erede non ha diritto alla reversibilità?

Qualora l’erede non abbia diritto alla pensione ai superstiti, l’Inps ha precisato che [5] è consentito liberarlo dal debito del dante causa, se:

  • la sua posizione non coincide con quella di superstite avente diritto alla reversibilità;
  • almeno un superstite decide di avvalersi in proprio della facoltà di ricongiunzione, già attuata dall’assicurato deceduto, quindi decide di assumersi l’onere dell’operazione.

note

[1] DM 31/08/ 2007; DM 06/05/2008.

[2] Corte costituzionale sent. 374/1997; Cass. sent. 740/1989.

[3] Art. 10 Co. 4 L. 274/1991.

[4] Delibera Inps 56/2001.

[5] Circ. Inps 602/1982.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube