Droghe leggere e pesanti: torna la distinzione

15 Maggio 2014
Droghe leggere e pesanti: torna la distinzione

La cannabis viene classificata tra le droghe leggere.

Con il sì definitivo alla legge di conversione, il decreto legge [1] su droghe e farmaci off label diventa legge e torna la distinzione tra droghe “leggere” e “pesanti“.

Il provvedimento ripristina e riscrive le tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope per renderle coerenti con il regime sanzionatorio antecedente alla legge Fini-Giovanardi, dichiarata incostituzionale dalla Corte Costituzionale [2].

Le tabelle sono cinque. Le prime quattro riguardano le sostanze stupefacenti e psicotrope sotto controllo internazionale e nazionale, mentre la quinta comprende i medicinali (a base di sostanze attive stupefacenti o psicotrope) di corrente uso terapeutico.

Vengono previste anche semplificazioni per la prescrizione dei farmaci contro il dolore e per le cure palliative.

La cannabis, nonostante le polemiche, è classificata tra le droghe leggere. Anche se, come sottolinea il relatore del provvedimento, Carlo Giovanardi (Ncd), “il governo ha accolto in commissioni riunite Giustizia e Sanità un ordine del giorno che impegna il ministro della Salute a valutare la pericolosità della cannabis arricchita di ultima generazione, per collocarla in tabella uno unitamente ai cannabinoidi sintetici assieme a cocaina ed eroina già presenti in quella tabella”.

La legge alleggerisce le sanzioni per fatti di lieve entità (il cosiddetto piccolo spaccio) e ripristina la possibilità per il giudice di applicare i lavori di pubblica utilità al posto del carcere per i tossicodipendenti, su richiesta dell’imputato e sentito il pm.

La misura sostitutiva non è irrogabile per più di due volte.

Ripristinate poi le sanzioni amministrative (depenalizzazione) per l’uso personale di sostanze stupefacenti. Sanzioni che sono differenziate per droghe leggere (da uno a 3 mesi) e pesanti (da 2 mesi a un anno).


note

[1] D.L. n. 36/2014.

[2] C. Cost. sent. n. 32/2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube