Assegno figli, cashback, Green pass: cosa cambia dal 1° luglio

1 Luglio 2021 | Autore:
Assegno figli, cashback, Green pass: cosa cambia dal 1° luglio

Assegno unico temporaneo per le famiglie, addio al cashback di Stato e nuovo certificato rivisto per muoversi all’interno dell’Ue.

Tutto in un solo giorno: il 1° luglio. Il cashback di Stato che doveva dare una spinta a consumi e una mano alla lotta all’evasione fiscale, sparisce dopo un mese sperimentale (quello di dicembre 2020) ed altri sei mesi di polemiche tra consumatori furbi, esercenti penalizzati e politici litiganti sull’opportunità di tenere in vita l’agevolazione.

Al via, invece, l’erogazione dell’assegno unico per i figli, ma in versione ridotta: da oggi e per sei mesi, ci sarà un piccolo incremento dell’aiuto al reddito familiare per i dipendenti ed un’autentica novità per gli autonomi, che non si sono mai visti riconoscere un centesimo per il fatto di avere un figlio. Semaforo verde anche per il Green pass europeo, ma non così com’è stato scaricato fino a ieri da qualche milione di italiani: per poterlo utilizzare non basterà una sola vaccinazione ma sarà necessaria la seconda dose.

Addio al cashback di Stato

Sette mesi dopo il suo debutto, il cashback è già sparito. Il 30 giugno è stato l’ultimo giorno per fare degli acquisti con moneta elettronica ed accumulare transazioni per avere indietro una parte della spesa sostenuta con carta di credito o di debito e con app. In realtà, sarebbe il caso di dire che non è un addio ma un arrivederci: il cashback tornerà a gennaio 2022. Almeno così è stato detto, giusto per tenere tranquille le acque all’interno della maggioranza, dove qualcuno (leggi il M5S) ha protestato per la sospensione dell’iniziativa introdotta dal Governo Conte-bis.

Per l’attuale premier, Mario Draghi, è più opportuno destinare le risorse del cashback a questioni più urgenti, come il sostegno agli ammortizzatori sociali. D’altro canto, Draghi non ha mai visto di buon occhio questa sorta di «ricompensa» per l’utilizzo della moneta elettronica da parte dei consumatori. Nell’ultimo Consiglio dei ministri, aveva già osservato che il cashback «ha carattere regressivo ed è destinato ad indirizzare le risorse verso le categorie e le aree del Paese in condizioni economiche migliori». Insomma, per il premier ci guadagna chi più si può permettere di spendere e basta.

Parte l’assegno unico temporaneo per i figli

Il 1° luglio 2021 è anche la data in cui parte, in modalità ridotta fino al 31 dicembre, l’assegno unico per i figli, ovvero il nuovo strumento di sostegno al reddito per le famiglie che comprende tutti gli aiuti erogati finora e che, da questo momento, spetta anche ai lavoratori autonomi. Per i dipendenti, in questa prima fase, ci sarà comunque un piccolo ritocco al rialzo.

L’assegno temporaneo è erogato dall’Inps alle famiglie con figli minori di 18 anni che non abbiano diritto all’assegno per il nucleo familiare. L’importo è determinato dall’Isee: una soglia minima di 7.000 euro dà diritto ad un assegno di 167,5 euro per ciascun figlio in caso di nuclei con uno o due figli, ovvero a 217,8 euro per figlio in caso di nuclei più numerosi. L’importo diminuisce fino ad arrivare alla soglia dei 50mila euro, oltre la quale non spetta il trattamento.

Le domande vanno presentate entro e non oltre il 31 dicembre 2021. Per le richieste arrivate entro il 30 settembre 2021, saranno corrisposte le mensilità arretrate a partire dal mese di luglio 2021. Dopodiché, la decorrenza della misura corrisponderà al mese di presentazione della domanda.

Il nuovo Green pass europeo

Con il mese di luglio parte, infine, il Green pass europeo, ovvero il certificato che renderà più semplice muoversi all’interno dei Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen. Il documento viene rilasciato a chi è stato vaccinato contro il Covid, è guarito dal coronavirus o ha ottenuto un risultato negativo al test molecolare/antigenico.

Il Green Pass contiene un Qr Code che dovrà essere mostrato all’ingresso nel Paese di destinazione in modo da evitare quarantene o tamponi. Sarà valido a partire da 14 giorni dopo l’ultima dose di vaccino anti-Covid.

In Italia, il Green pass verrà emesso soltanto attraverso la piattaforma nazionale del ministero della Salute. Per i certificati già emessi dalle Regioni, è previsto un periodo di 6 settimane perché possano essere resi compatibili con il nuovo modello Ue.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube