Diritto e Fisco | Articoli

Incidente stradale: se svolti a sinistra e attraversi la strada

15 maggio 2014


Incidente stradale: se svolti a sinistra e attraversi la strada

> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 maggio 2014



Il conducente che svolta a sinistra per immettersi in un luogo privato è tenuto a dare la precedenza a tutti gli altri veicoli, pertanto, oltre, a segnalare tempestivamente il cambio di direzione egli deve accertare, prima dell’inizio della manovra, che non sopraggiungano veicoli, anche a tergo.

Sono passate solo 24 ore dalla pubblicazione dell’interessante sentenza della Cassazione in materia di attraversamento di incrocio e obbligo di guardare nello specchietto retrovisore che già si presenta un caso del tutto simile (leggi l’articolo: “Responsabile dell’incidente chi non guarda nello specchietto retrovisore”) e altrettanto utile per il cittadino.

In particolare, il Tribunale di Firenze [1] ha analizzato la seguente situazione, rappresentata nello schizzo qui sotto:

Incidente stradale se svolti a sinistra schema

L’autovettura “A”, mentre percorre la carreggiata, rallenta e mette la freccia per immettersi in una strada privata sulla sinistra. Sopraggiunge, da dietro, l’auto “B”, la quale, a causa dell’alta velocità, non riesce a frenare per tempo e va ad urtare contro “A”.

Il Tribunale di Firenze ha ritenuto addebitabile alla vettura “B”, danneggiante, il 70% della responsabilità visto che, pur avendone la possibilità, ha percepito tardivamente il pericolo, ossia quando “A” era in fase di svolta, per cui non è riuscita ad evitare l’impatto.

Ma perché ad “A” è stato riconosciuto il 30% della responsabilità? Anch’essa, secondo i giudici, ha la sua parte di colpa. Ed ecco perché.

Secondo la sentenza, il conducente che deve svoltare a sinistra ha l’obbligo di dare la precedenza ai veicoli provenienti da destra ed ha altresì l’obbligo – derivante dalla comune prudenza – di assicurarsi, prima di svoltare, che non sopravvengano veicoli da dietro, ai quali spetta al pari la precedenza: e ciò vale anche se questi ultimi si trovino in una illegittima fase di sorpasso.

Bisogna sempre ispezionare la strada di dietro prima di svoltare (attraverso un attento sguardo nello specchietto retrovisore), per assicurarsi che non sopraggiungano veicoli in fase di sorpasso. Tale obbligo è limitato solo al momento che precede la manovra; al contrario, nella successiva fase di esecuzione della svolta, il conducente del veicolo non può guardare indietro, perché non deve distrarre l’attenzione dal suo normale campo visivo.

Pertanto, se il conducente che svolta a sinistra (nella fattispecie, “A”) vuole evitare di essere dichiarato co-responsabile del sinistro, deve dimostrare che il veicolo proveniente da dietro lo ha urtato quando già questi era in fase di esecuzione della manovra di svolta, poiché – come detto – in tale momento temporale non ha l’obbligo di distrarsi dal proprio normale campo visivo, controllando i veicoli che provengano da tergo.

Inoltre, il conducente che deve svoltare, nel momento in cui controlla chi viene da dietro nel proprio specchietto, qualora manchi una sufficiente visibilità che impedisce di rendersi conto in tempo utile del sopraggiungere dei veicoli favoriti, deve astenersi dal compiere la manovra o, almeno, se essa costituisce un’assoluta necessità, deve adottare cautele idonee per poter cedere la precedenza.

note

[1] Trib. Firenze, sent. n. 129/2014.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. “…e ciò vale anche se questi ultimi si trovino in una illegittima fase di sorpasso.”??????Solite norme all’italiana,se c’è divieto di sorpasso oltre al danno la beffa,spetta pari diritto a chi??Mi sta bene che bisogna guardare il retrovisore per evitare sempre e comunque un incidente ma la responsabilità in caso di divieto è del veicolo sorpassante….io NON Transigo su questo. Fanta giurisprudenza italica.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI