Diritto e Fisco | Articoli

Come recuperare oggetti caduti dal balcone

13 Luglio 2021
Come recuperare oggetti caduti dal balcone

Le cose cadute dal balcone o dalla finestra devono essere restituite al proprietario? Che fare se il gatto o il cane entra nel cortile o nel giardino del vicino?

A tutti può capitare di stendere i panni dal balcone e di vederli poi cadere sul giardino di sotto, spinti magari da una folata di vento. Se lo spiazzo è privato e il proprietario dovesse opporsi alla restituzione (o se questi dovesse essere assente), come ci si deve comportare? In altri termini, come recuperare gli oggetti caduti dal balcone? Cerchiamo di fare il punto della situazione.

Se un oggetto cade dal balcone nel giardino privato di chi è la proprietà?

Rispondiamo subito a una domanda che, per quanto ovvia, il più delle volte, ci si pone tutte le volte in cui un oggetto cade dal balcone del piano superiore sul terreno sottostante: a chi appartiene la cosa dopo che questa è finita sulla proprietà altrui? 

Il fatto di perdere il possesso di un oggetto o di smarrirlo non implica la perdita della proprietà. Chi lascia, ad esempio, per sbadataggine, un cellulare su una panchina ne resta titolare e, pertanto, commette reato chi se ne impossessa. La proprietà si perde solo quando c’è la volontà di disfarsene: si pensi a chi getti nella spazzatura un oggetto.

Esiste il diritto ad ottenere la restituzione della cosa caduta dal balcone?

Se è vero che la proprietà dell’oggetto caduto dal balcone resta in capo al medesimo soggetto, è anche vero che questi ha diritto alla restituzione della cosa. Tanto è sancito in modo chiaro dall’articolo 843 del Codice civile a norma del quale «Il proprietario [di un terreno] deve permettere l’accesso [al proprio terreno] a chi vuole riprendere la cosa sua che vi si trovi accidentalmente o l’animale che vi si sia riparato sfuggendo alla custodia».

Dunque, il proprietario del giardino, del cortile o dello spiazzo su cui è caduto l’oggetto – sia esso un indumento o qualsiasi altra cosa – deve riconsegnarlo al relativo titolare. Ciò vale anche per gli animali: se un gatto scappa nel cortile altrui, il padrone ha diritto di andare a riprenderselo o di farselo consegnare secondo le modalità che vedremo a breve. 

Come recuperare un oggetto caduto dal balcone?

Una volta stabilito il diritto alla restituzione della cosa caduta dal balcone, non resta che comprendere come recuperarla. È da escludere che, senza richiesta e autorizzazioni, si possa entrare nella proprietà privata. Chi si comporta in tale modo – anche se il relativo proprietario dovesse essere assente – commetterebbe reato. Difatti, entrare nel giardino privato è violazione di domicilio.

Pertanto, il citato articolo 843 del Codice civile prevede due diverse soluzioni: 

  • o lo stesso proprietario del terreno si impegna a ridare spontaneamente l’oggetto caduto nel proprio confine; 
  • oppure questi deve consentire al titolare dell’oggetto di entrare nell’area ove questo è caduto e riprenderlo da solo. 

Che fare se il proprietario del giardino non vuol restituire l’oggetto caduto dal balcone?

Si sa che nei condomini possono sorgere rivalità piuttosto accese. Pertanto, se il titolare del giardino non volesse restituire la cosa caduta nella sua proprietà, cosa si può fare contro di lui?

Innanzitutto, sarà bene diffidarlo con una raccomandata a.r. con cui gli viene chiesta l’immediata restituzione dell’oggetto. Dopodiché, si potrà procedere alla querela per appropriazione indebita. 

In alternativa, è possibile rivolgersi al giudice civile affinché emetta un ordine nei confronti del responsabile con il quale gli imponga la restituzione dell’oggetto caduto dal balcone. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. La mia vicina era un disturbo continuo.. Un giorno sì e l’altro pure veniva a bussare alla porta perché un giorno le cadeva la palla del cane, un altro giorno il giocattolo del figlio, l’altro ancora la tovaglia. Insomma, era diventata stressante tanto che quando vedevo che qualcosa cadeva, andavo direttamente alla sua porta e gliela consegnavo senza farla entrare in casa perché magari c’era un po’ di disordine oppure i miei familiari giravano comodi per casa.

  2. Il mio vicino aveva la pessima abitudine di buttare le cicche delle sigarette sul mio terrazzo. Ed io puntualmente, quando veniva a bussare perché doveva raccogliere qualcosa caduta dal balcone glielo facevo notare con tono seccato.

  3. Il figlio dei miei vicini aveva preso il mio balcone come il suo raccoglitore di giocattoli. Li lanciava sul terrazzo e poi pretendeva che io glieli lanciassi al volo sul suo balcone. Ovviamente, evitavo: non sia mai qualcosa gli fosse andato addosso avrei rischiato di fargli del male, seppur involontariamente. Allora, chiamavo la madre e lei scendeva a recuperare i giocattoli.

  4. Quante volte i pigiami, gli slip del mio vicino mi sono caduti sul balcone ed io con un certo imbarazzo glieli portavo appena suonava al mio campanello. Qualche volta ho pensato lo facesse apposta perché mi chiedeva continuamente di fermarci a parlare, ma io andavo sempre di fretta e poi visto che convivevo con il mio compagno non mi sembrava proprio il caso. Così un bel giorno si è trovato lui di fronte e allora gli ha fatto capire di fare attenzione al suo bucata altrimenti la prossima volta sarebbe dovuto scendere a raccogliere i panni in giardino e non sul nostro balcone. Combinazione, dopo quell’episodio, non si è più verificato nulla del genere.

  5. Che imbarazzo, una volta mi è caduto un babydoll sullo stendino del vicino. Per evitare di andare a bussare alla sua porta, il mio ragazzo è riuscito a prenderlo con una “canna da pesca” improvvisata in casa e con un gancetto siamo riusciti a recuperarlo

  6. Una volta, prendendo i panni dalla lavatrice, può capitare che alcuni siano arrotolati e che nel prendere un vestito e stenderlo, possa cadere un altro pezzo sul balcone del vicino. Allora, quando mi è successo, essendo nuova nel palazzo, ho chiesto gentilmente di recuperarlo, ma i vicini visto il Covid hanno provveduto direttamente a consegnarlo alla porta per evitare di farmi entrare in casa. capisco la situazione Covid e quindi non mi sono offesa, però, in un’altra circostanza avrei considerato poco cortese l’approccio.

  7. Stavo giocando con mio figlio sul balconico perché abitando all’ultimo piano lui voleva far volare l’aeroplano che gli avevo regalato. allora, giocando lo ha fatto cadere. Era disperato. Allora, per insegnargli come comportarsi, l’ho portato con me dai vicini e gli ho detto di chiedere direttamente la restituzione del giocattolo e vincere la sua timidezza, altrimenti nessuno gli avrebbe restituito il suo giocattolo. Lui tutto deciso ha bussato al campanello e orgoglioso del suo “coraggio” ha ripreso l’aeroplano e mi ha detto: stavolta, non giochiamo dal balcone, perché poi se cade non possiamo disturbare i vicini…. Che dire? Certe cose riescono a capirle i bambini e, spesso, non riescono a capirle i grandi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube