L’esperto | Articoli

Responsabilità consulente finanziario: Cassazione e ultime sentenze

15 Agosto 2021
Responsabilità consulente finanziario: Cassazione e ultime sentenze

Illecita appropriazione da parte del promotore finanziario; danni arrecati ai terzi; responsabilità indiretta della banca.

Responsabilità del consulente finanziario

L’agente finanziario, consulente di una società, che indirizzi la clientela verso un intermediario non autorizzato, con la consapevolezza dell’impossibilità della società di stipulare polizze fideiussorie nei confronti della P.A., viene meno agli obblighi di trasparenza e collaborazione nei riguardi della clientela, integrando il reato di cui all’art. 16 L. 108\96

Corte appello Taranto, 25/02/2021, n.630

Intermediazione finanziaria, responsabilità della banca

La responsabilità della banca è inquadrabile quale responsabilità oggettiva ex art. 2049 c.c. , norma rispetto alla quale l’art. 31, comma 3, d.lgs. n. 58 del 1998 si pone in rapporto di specie a genus, cioè quale ipotesi di responsabilità indiretta per il danno provocato dal proprio incaricato, in quanto agevolato o reso possibile dalle incombenze demandategli, su cui la preponente aveva la possibilità di esercitare poteri di direttiva e di vigilanza. Per la sua configurabilità è necessario e sufficiente provare il rapporto di occasionalità necessaria tra la condotta antigiuridica posta in essere dall’agente promotore finanziario e le incombenze che gli erano state affidate dal preponente, nel senso che l’incombenza disimpegnata abbia determinato una situazione tale da agevolare o rendere possibile il fatto illecito e l’evento dannoso, anche se il dipendente (o, comunque, il collaboratore dell’imprenditore) abbia operato oltre i limiti delle sue incombenze, purché sempre nell’ambito dell’incarico affidatogli.

Corte appello Ancona sez. I, 01/02/2021, n.91

Comportamento tenuto dal promotore finanziario

In tema di intermediazione mobiliare e responsabilità del promotore finanziario, il fatto che la società preponente abbia creato un legittimo affidamento circa la riconducibilità a sé dell’attività del preposto la rende responsabile del comportamento illecito di quest’ultimo anche ove i prodotti di investimento collocati non siano quelli da essa gestiti”, né, tanto meno, rileva “che il comportamento del promotore abbia esorbitato dal limite fissato dalla società.

Corte appello Milano sez. I, 21/10/2020, n.2661

Responsabilità solidale dell’intermediario finanziario e del promotore finanziario

In tema di intermediazione finanziaria, nel nostro ordinamento vige il sostanziale principio della responsabilità solidale dell’intermediario finanziario e del promotore finanziario, in base al disposto di cui al comma 3 del suddetto art. 31 T.U.F. per cui ‘il soggetto che conferisce l’incarico è responsabile in solido dei danni arrecati a terzi dal consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede, anche se tali danni siano conseguenti a responsabilità accertata in sede penale’.

Tribunale Forli’ sez. II, 25/09/2020, n.728

Danni arrecati a terzi dal consulente finanziario

Le banche e le imprese di investimento rispondono solidalmente, ai sensi dell’art. 31 d.lg. 24 febbraio 1998, n. 58, e a titolo di responsabilità indiretta, ex art. 2049 c.c., dei danni arrecati a terzi dal promotore finanziario incaricato per l’offerta fuori sede, quando l’illecito sia stato agevolato o reso possibile dalle incombenze demandate allo stesso, sulla cui attività l’ente abbia avuto la possibilità di esercitare poteri di direttiva e di vigilanza.

(In applicazione del principio, la Corte ha ritenuto immune da censure la condanna, quale responsabile civile, della banca conferente per una serie di truffe perpetrate dal promotore finanziario incaricato in danno di clienti investitori).

Cassazione penale sez. V, 16/10/2020, n.32514

Fatto illecito del promotore finanziario

In tema di fatto illecito del promotore finanziario sussiste la responsabilità indiretta della banca ex art. 2049 c.c. indipendentemente dall’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato e dal carattere di continuità dell’incarico affidato all’agente, purché l’attività sia stata agevolata o resa possibile dal suo inserimento nell’attività d’impresa e sia stata realizzata nell’ambito e coerentemente alle finalità dell’incarico conferito.

(Nel caso di specie, si trattava di prestiti obbligazionari sottoscritti e a scadenza che avevano natura meramente apparente inidonee a costituire un rapporto con la banca).

Tribunale Grosseto, 11/04/2020, n.302

Responsabilità indiretta dell’istituto di credito

La responsabilità dell’istituto di credito che agisce come intermediario finanziario autorizzato per il fatto illecito del suo promotore si fonda sul D.Lgs. n. 58 del 1998, art. 31, comma 3, in forza del quale il soggetto abilitato allo svolgimento dei servizi e delle attività di investimento è solidalmente responsabile dei danni arrecati ai terzi dal promotore finanziario, nel periodo in cui questi ha agito appunto quale promotore sulla base del rapporto -contrattuale in essere con la banca.

La responsabilità dell’istituto di credito, di cui al menzionato art. 31, terzo comma, costituisce applicazione del generale principio di cui all’art. 2049 c.c.. Perché lo stesso possa operare, non è necessario altro che il rapporto di occasionalità necessaria tra la condotta antigiuridica posta in essere dall’agente o promotore e le incombenze che gli erano state affidate dal preponente o intermediario finanziario autorizzato, in quanto ciò che rileva è che al terzo in buona fede apparisse in concreto come l’attività posta in essere nei suoi confronti, e che gli ha causato un danno, rientrasse nell’incarico affidato al promotore dall’intermediario abilitato.

Tribunale Brescia, 18/01/2020, n.110

Versamenti del cliente e appropriazione del consulente finanziario

Sussiste la responsabilità del promotore qualora questi abbia distratto i versamenti del cliente senza dare corso agli investimenti promessi (ancorché tale condotta si sia innestata su quella certo imprudente dell’investitore) perché tale condotta è da sola idonea a determinare il danno, con esclusione quindi della rilevanza di ogni antecedente ai sensi dell’art. 41 c.p..

Tribunale Milano sez. VI, 10/06/2019, n.5503

Intermediario finanziario: l’estraneità delle operazioni eseguite dal promotore

La responsabilità dell’intermediario finanziario per attività illecite del promotore finanziario presuppone l’esistenza di un rapporto di “occasionalità necessaria” tra la condotta illecita e le attività normalmente affidategli. Nell’azione di risarcimento del danno il cliente deve provare di avere affidato al promotore il denaro oggetto di illecita distrazione, ma l’eventuale confessione del promotore non è opponibile all’intermediario.

Provata la consegna, la responsabilità dell’intermediario è oggettiva e solidale con il promotore. L’intermediario è liberato solo se prova che l’investitore aveva percepito l’estraneità delle operazioni eseguite dal promotore rispetto al suo ambito di attività o addirittura fosse compartecipe delle finalità di elusione della legge.

Cassazione civile sez. I, 14/12/2018, n.32514

Risarcimento del danno

Sussiste la responsabilità indiretta della banca, ex art. 2049 c.c., per l’attività illecita posta in essere dal promotore finanziario, a prescindere dall’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato e dal carattere continuativo dell’incarico affidato all’agente, laddove detta attività sia stata agevolata o resa possibile dall’inserimento di questi nell’attività d’impresa e sia stata realizzata nell’ambito e coerentemente alle finalità in vista delle quali l’incarico è stato conferito, in maniera tale da far apparire al terzo in buona fede che l’attività posta in essere per la consumazione dell’illecito rientrasse nell’incarico affidato dalla banca mandante.

(Fattispecie di condanna di una banca al risarcimento del danno, anche non patrimoniale, cagionato ai propri clienti dalla condotta di un promotore finanziario infedele).

Tribunale Arezzo, 06/07/2015, n.787

Attività del promotore finanziario: consumazione dell’illecito

Sussiste la responsabilità indiretta della banca, ex art. 2049 c.c., nei confronti dei terzi in relazione all’attività illecita posta in essere da un promotore finanziario, allorché, indipendentemente dall’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato e dal carattere di continuità dell’incarico affidato all’agente, detta attività sia stata agevolata o resa possibile dal suo inserimento nell’attività d’impresa (nella specie emersa dalla sua presenza nei locali della banca, dall’utilizzo della modulistica di pertinenza e dalla spendita del nome), e sia stata realizzata nell’ambito e coerentemente alle finalità in vista delle quali l’incarico è stato conferito, in maniera tale da far apparire al terzo in buona fede che l’attività posta in essere per la consumazione dell’illecito rientrasse nell’incarico affidato dalla banca mandante.

Cassazione civile sez. I, 24/07/2009, n.17393

Appropriazione di somme versate dai risparmiatori

L’attribuzione all’agente della facoltà di riscuotere i premi secondo la previsione dell’art. 1744 c.c. presuppone un potere rappresentativo o, comunque, un’indicazione al creditore della persona autorizzata a ricevere il pagamento a norma dell’art. 1188, che instaura quel rapporto di commissione idoneo, a norma dell’art. 2049 c.c., a far sorgere la responsabilità del soggetto che ha conferito l’incarico, per il fatto illecito compiuto dall’incaricato nell’esercizio dell’incombenza affidatagli.

(Nel caso di specie la S.C. ha rigettato il motivo di ricorso con il quale si contestava la responsabilità ex art. 2049 per il fatto illecito compiuto dall’agente che, nell’attività di promotore finanziario, si era appropriato di somme versate dai risparmiatori, costituenti l’importo dell’investimento).

Cassazione civile sez. III, 17/05/1999, n.4790



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube