Diritto e Fisco | Articoli

Pensione ragionieri

23 Ottobre 2021 | Autore:
Pensione ragionieri

Trattamenti pensionistici di vecchiaia e anticipati per gli iscritti presso la Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei ragionieri e periti commerciali.

La Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei ragionieri e periti commerciali, o Cnpr, è un ente di previdenza obbligatoria, privatizzato nel 1995. Si tratta, nel dettaglio, di un ente di diritto privato che assicura, senza scopo di lucro e in autonomia, le prestazioni di previdenza e assistenza a favore dei ragionieri, degli esperti contabili e dei loro familiari. Ma, in merito alla pensione ragionieri, quali trattamenti pensionistici possono essere ottenuti dagli iscritti alla Cnpr?

La Cassa riconosce diverse tipologie di trattamento pensionistico: la pensione di vecchiaia ed anticipata, la pensione di invalidità e di inabilità e la pensione ai superstiti.

Per chi possiede contribuzione anche presso altre gestioni di previdenza obbligatoria, la Cnpr può riconoscere la pensione di anzianità, di vecchiaia, di inabilità e ai superstiti in regime di totalizzazione [1] o la pensione anticipata, di vecchiaia, di inabilità e ai superstiti in regime di cumulo [2].

Per gli iscritti che continuano a lavorare, la gestione riconosce il supplemento di pensione.

Infine, per i ragionieri ai quali sia stata liquidata una pensione diretta a carico di un’altra forma di previdenza obbligatoria, è possibile chiedere la liquidazione di una pensione supplementare di vecchiaia. Il trattamento è liquidato in base ai contributi versati o accreditati, qualora i versamenti non siano sufficienti né per il diritto alla pensione di vecchiaia né per il diritto alla pensione anticipata presso Cnpr.

Pensione di vecchiaia ragionieri

In base al Regolamento della Previdenza della Cnpr [3], il diritto alla pensione di vecchiaia presso la Cassa si consegue con:

  • 68 anni di età;
  • 40 anni di iscrizione e di contribuzione.

In via transitoria, per i nati entro il 31 dicembre 1962, il diritto alla pensione di vecchiaia si consegue al raggiungimento dei seguenti requisiti di età, di iscrizione e di contribuzione:

  • nati fino al 31 dicembre 1947: 65 anni di età e 30 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1948 al 31 dicembre 1949: 66 anni di età e 31 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1950 al 31 dicembre 1951: 67 anni di età e 32 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1952 al 31 dicembre 1953: 68 anni di età e 33 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1954 al 30 giugno 1955: 68 anni di età e 34 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° luglio 1955 al 31 dicembre 1956: 68 anni di età e 35 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1957 al 30 giugno 1958: 68 anni di età e 36 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° luglio 1958 al 31 dicembre 1959: 68 anni di età e 37 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1960 al 30 giugno 1961: 68 anni di età e 38 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° luglio 1961 al 31 dicembre 1962: 68 anni di età e 34 di iscrizione e contribuzione;
  • nati dal 1° gennaio 1963 in poi: 68 anni di età e 40 di iscrizione e contribuzione.

L’età di pensionamento non può essere comunque inferiore a quella prevista per i lavoratori autonomi uomini la cui pensione è liquidata a carico dell’Assicurazione generale obbligatoria Inps (attualmente pari a 67 anni) nonché della gestione Separata, considerando anche gli incrementi della speranza di vita [4].

La pensione di vecchiaia è calcolata:

  • con sistema reddituale, per la quota di pensione corrispondente alle anzianità anteriori al 1° gennaio 2004;
  • con sistema contributivo, per la quota di pensione corrispondente alle anzianità successive al 31 dicembre 2003.

Pensione anticipata ragionieri

La pensione anticipata per ragionieri si raggiunge con un minimo di:

  • 63 anni di età;
  • 20 anni di contributi.

Si applicano però gli incrementi connessi alla speranza di vita [4].

Per il 2021 e 2022, la pensione anticipata si raggiunge dunque con un minimo di 63 anni e 9 mesi di età.

La pensione è calcolata con il sistema integralmente contributivo, a prescindere dagli anni di contributi accreditati.

Pensioni in regime di cumulo per ragionieri

Presso la Cnpr è possibile ottenere le pensioni di vecchiaia, anticipata, di inabilità e ai superstiti in regime di cumulo [2]: il cumulo, lo ricordiamo, è una misura che consente di sommare gratuitamente la contribuzione accreditata presso gestioni di previdenza obbligatoria differenti.

Per quanto riguarda la pensione anticipata in regime di cumulo [5] il trattamento può essere ottenuto qualora si raggiungano complessivamente, tra tutte le gestioni d’iscrizione, 42 anni e 10 mesi di contributi, per gli uomini, o 41 anni e 10 mesi di contributi, per le donne, previa finestra di attesa, dalla maturazione dei requisiti, pari a 3 mesi.

La quota di pensione di competenza della Cassa ragionieri è ricalcolata col sistema integralmente contributivo [6].

La pensione di vecchiaia in regime di cumulo, per quanto riguarda la quota liquidata dalla Cnpr è, invece, calcolata con il sistema misto, ossia reddituale sino al 2003, poi contributivo [6].

L’eventuale quota di pensione Inps non subisce in ogni caso il ricalcolo contributivo.

Per ottenere la pensione in regime di cumulo, inoltre, l’interessato:

  • non deve essere titolare di autonoma pensione (salvo pensione ai superstiti, pensione erogata da un fondo diverso dalle gestioni potenzialmente coinvolte nella totalizzazione, o pensione estera) e non aver accettato la ricongiunzione;
  • deve possedere gli ulteriori requisiti, diversi da quelli di età ed anzianità contributiva, previsti dai rispettivi ordinamenti per l’accesso al trattamento pensionistico richiesto.

Pensioni in regime di totalizzazione per ragionieri

Anche la totalizzazione [1], come il cumulo, consente di ottenere la pensione di vecchiaia, di anzianità, di inabilità e ai superstiti sommando gratuitamente la contribuzione accreditata presso gestioni di previdenza obbligatoria differenti. I requisiti previsti per la pensione di vecchiaia ed anzianità risultano però differenti.

Per ottenere la pensione di vecchiaia in regime di totalizzazione, l’interessato deve:

  • aver compiuto 66 anni di età;
  • possedere, tra tutte le gestioni obbligatorie d’iscrizione, almeno 20 anni di contributi non coincidenti;
  • non essere titolare di un autonomo trattamento pensionistico (salvo pensione ai superstiti, pensione erogata da un fondo diverso dalle gestioni potenzialmente coinvolte nella totalizzazione, o pensione estera) e non aver accettato la ricongiunzione (cioè non aver riunito i contributi facendoli riunire presso un’unica cassa);
  • possedere gli ulteriori requisiti, diversi da quelli di età ed anzianità contributiva, previsti dai rispettivi ordinamenti per l’accesso alla pensione di vecchiaia (ad esempio trattamento pensionistico almeno pari a 1,5 volte l’assegno sociale, presso le gestioni Inps, per chi è privo di contributi alla data del 31 dicembre 1995).

Dal momento di maturazione dei requisiti per la pensione di vecchiaia alla decorrenza del trattamento, si applica una finestra di attesa pari a 18 mesi.

La pensione di anzianità in regime di totalizzazione si ottiene se l’interessato, tra tutte le gestioni, possiede almeno 41 anni di contributi non coincidenti. A partire dalla maturazione dei requisiti, l’interessato, per la liquidazione, deve attendere un periodo di finestra pari a 21 mesi.

La pensione in totalizzazione non è calcolata come un unico trattamento, ma ciascuna gestione liquida la parte di propria competenza, determinando il trattamento pro quota in rapporto ai rispettivi periodi di iscrizione maturati:

  • normalmente, con sistema di calcolo interamente contributivo;
  • solo se risulta verificato il diritto ad autonoma pensione presso una gestione Inps, non si applica il ricalcolo contributivo (salvo richiesta di ricalcolo contributivo da parte dell’interessato); presso le casse professionali, il ricalcolo contributivo non si applica se si raggiunge il requisito assicurativo utile alla pensione di vecchiaia presso la stessa gestione (come esposto pari a 40 anni presso la cassa ragionieri).

Supplemento di pensione per ragionieri

I contributi che i titolari di pensione diretta Cnpr sono tenuti a versare alla Cassa successivamente al pensionamento, qualora continuino a svolgere l’attività professionale, sono comunque utili a pensione. Nel dettaglio, i periodi di contribuzione successivi alla decorrenza della pensione danno luogo alla liquidazione di uno più supplementi di pensione, a favore dei pensionati di vecchiaia, di anzianità e di pensione anticipata che proseguono la professione.

Il supplemento di pensione è determinato con il sistema di calcolo contributivo, considerando il montante non utilizzato per il calcolo della pensione e dei supplementi già liquidati e facendo riferimento all’età alla decorrenza del supplemento.

Pensione supplementare per ragionieri

L’iscritto alla Cnpr al quale sia stata liquidata una pensione diretta a carico di un’altra forma di previdenza obbligatoria ha facoltà di chiedere la liquidazione di una pensione supplementare di vecchiaia, in base ai contributi versati o accreditati, qualora i versamenti presso la Cassa non siano sufficienti né per il diritto alla pensione di vecchiaia né per il diritto alla pensione anticipata.

Il diritto alla pensione supplementare di vecchiaia è subordinato alla condizione che il richiedente abbia compiuto l’età stabilita per il pensionamento di vecchiaia e sia cancellato dall’Albo e dalla Cassa.

La pensione supplementare di vecchiaia è determinata interamente secondo il sistema contributivo; i contributi versati successivamente alla decorrenza della pensione supplementare di vecchiaia danno invece diritto al supplemento di pensione.


note

[1] D.lgs. 42/2006.

[2] Art.1 Co. 239 E Ss. L. 228/2012.

[3] Art. 19 Regolamento della previdenza Cnpr.

[4] Art.12 DL 78/2010.

[5] Art.24, Co. 10, DL 201/2011.

[6] Circolare Cnpr sul Cumulo del 12.01.2018, punti 1.1.3 (pensione di vecchiaia) e 1.2.3 (pensione anticipata).

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube