Diritto e Fisco | Articoli

Se la ruota dell’auto finisce nella buca coperta di foglie

20 Maggio 2014
Se la ruota dell’auto finisce nella buca coperta di foglie

Risarcimento a carico del Comune per responsabilità da cose in custodia, a causa dell’omessa segnalazione dell’insidia.

Quando la fossa sulla strada è particolarmente visibile e ampia, il conducente che vi sia finito dentro, danneggiando la propria auto, non può chiedere il risarcimento al Comune: e ciò perché non si può considerare pericoloso un ostacolo facilmente evitabile.

Diverso è il discorso se la buca appare tutta coperta di foglie. In tal caso, essendo l’ostacolo poco distinguibile, l’ente pubblico è tenuto all’indennizzo.

Come avevamo detto in un precedente articolo, per quanto paradossale possa sembrarvi, tanto più la strada è ricoperta di buche e queste sono di grosse dimensioni – e quindi visibili – tanto meno il Comune sarà tenuto a risarcire il conducente per il danno al mezzo: con la conseguenza che l’amministrazione potrebbe ritenere più conveniente (almeno in teoria) mantenere la strada in stato di dissesto piuttosto che ripararla (leggi l’articolo “Se il Comune non ripara la strada dissestata non è responsabile”).

Dall’altro lato, la singola fossa, nascosta o coperta da foglie, dà diritto al cittadino a chiedere il risarcimento all’ente proprietario della strada. E questo perché l’amministrazione ha un dovere di segnalare le insidie e i trabocchetti che possono riscontrarsi sul manto della strada.

A tale condivisibile conclusione è pervenuta una recente sentenza del Tribunale di Palermo [1]. Nel caso di specie, i giudici hanno accolto la richiesta di risarcimento di un conducente il quale, mentre percorreva la carreggiata, era scivolato in una cunetta coperta dalle foglie al margine della via pubblica, sprovvista di guard-rail e non adeguatamente segnalata.

Il Comune, in quanto proprietario delle strade, è obbligato alla manutenzione. Di conseguenza, esso è responsabile dei danni subiti dagli utenti [2].

Insomma, tutte le volte in cui vi è una situazione di “pericolo occulto”, qualificabile come una insidia – cioè quando esso non sia oggettivamente visibile e non prevedibile – l’ente pubblico ha il dovere di evitare che gli utenti della strada possano subìre danni. Il che comporta l’obbligo di segnalazione dell’ostacolo.

Se il proprietario della strada, che ne è – di conseguenza – anche custode, non controlla e non vigila sulla corretta manutenzione della strada stessa, deve rispondere delle richieste di risarcimento del danno.

Le difficoltà per l’automobilista

È però il danneggiato ad avere l’onere della prova più difficile. Infatti, in tutta questa “disquisizione giurisprudenziale”, di cui nelle norme non vi è affatto traccia, secondo la Cassazione è il danneggiato a dover dimostrare, davanti al giudice, i caratteri propri dell’insidia ossia la non visibilità oggettiva e la non prevedibilità del pericolo.

Dal canto suo, il proprietario della strada si libera da ogni responsabilità solo dimostrando di avere adottato tutte le misure idonee a prevenire o impedire che il bene demaniale presenti per l’utente una situazione di pericolo.

Una seconda valutazione che il giudice dovrà fare – e che, di fatto, complica ulteriormente la vita del danneggiato – è verificare se le dimensioni della strada possano consentire, in concreto, la possibilità di un effettivo e costante controllo da parte dell’amministrazione.

In pratica, sulla scorta della considerazione che una strada particolarmente lunga è difficile da tenere sempre sotto controllo in ogni sua parte, il giudice deve anche accertare se, per la notevole estensione del tratto interessato, per l’uso generalizzato degli utenti o per un dinamismo interno alla cosa, il Comune sia impossibilitato a esercitare un controllo continuo ed efficace tale da impedire l’insorgenza di cause di pericolo per l’utente.


note

[1] Trib. Palermo, sent. n. 750/2014.

[2] Ai sensi degli articoli 2043 e 2051 cod. civ.

Autore immagine: 123rf. com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube