Diritto e Fisco | Articoli

Come si dimostra la donazione indiretta?

23 Luglio 2021
Come si dimostra la donazione indiretta?

Prova per evitare la nullità della donazione e per contrastare un accertamento fiscale per il pagamento dell’imposta sulle donazioni. 

Come si dimostra la donazione indiretta? Quando si parla di donazione indiretta ci si riferisce a quei casi in cui il donante, anziché regalare al donatario il bene in sé (nel qual caso si parla di «donazione diretta»), gli regala i soldi per acquistarlo oppure paga direttamente il venditore. 

Ad esempio, costituisce una donazione diretta l’atto del padre che intesta la propria casa al figlio. 

Costituisce invece una donazione indiretta il bonifico che il padre fa sul conto corrente del figlio affinché questi possa poi acquistare una casa proprio grazie ai soldi del padre. Ed è anche una donazione indiretta quella che si realizza quando il padre paga personalmente il prezzo del bene al venditore.

È importante sapere – per quanto diremo a breve – che, sulla donazione indiretta, se finalizzata all’acquisto di immobili o di aziende, non si paga l’imposta sulle donazioni.

Perché mai chiedersi: come si dimostra la donazione indiretta? La domanda è conseguenza di due problemi. 

Il primo: come fare a dimostrare (in assenza di una scrittura privata o di un atto notarile) che il denaro ricevuto dal donante è il frutto di una donazione e non già di un prestito? 

Il secondo: come fare a contrastare l’eventuale accertamento fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate che, accortasi del bonifico dal conto del donante a quello del donatario, esiga il versamento dell’imposta sulle donazioni?

Ecco le risposte pratiche a questo problema.

Come dimostrare che è una donazione e non un prestito?

Partiamo dal primo problema: come dimostrare che i soldi donati sono il frutto di un regalo e non di un prestito? In realtà, si tratta di un falso problema. Non spetta infatti al donatario dimostrare la donazione ma è piuttosto onere di chi ha effettuato il pagamento fornire la prova del proprio diritto di credito e, quindi, l’esistenza di un contratto di mutuo (il prestito). E quando si tratta di somme di rilevante valore, come quello che serve per l’acquisto di un’auto o di una casa, è assolutamente inverosimile che il prestito sia avvenuto senza la stipula di una scrittura privata. Sicché il giudice, in un caso del genere, potrebbe rigettare la richiesta di prova testimoniale avanzata dal donante. 

Come si dimostra la donazione indiretta?

Il vero problema della donazione indiretta deriva dalle pretese che potrebbe muovere l’Agenzia delle Entrate per il versamento dell’imposta sulle donazioni. 

Il rischio però è piuttosto raro nel caso di donazioni tra genitori, figli e nipoti. Difatti, le donazioni tra questi sono comunque esenti dall’imposta per valori inferiori a 1 milione di euro. Dunque, in caso di bonifico di qualche centinaio di migliaio di euro dal padre al figlio non ci sarà alcuna possibilità di un avviso di accertamento. 

Negli altri casi, però, è bene sapere che, per dimostrare la donazione indiretta, è sufficiente che nell’atto di acquisto l’acquirente dichiari che il pagamento del corrispettivo è avvenuto a cura di un altro soggetto, senza bisogno che questo intervenga all’atto notarile. Quindi, il figlio dovrà far mettere per iscritto che il prezzo viene pagato attraverso i soldi che gli sono stati donati dal padre. 

Tale formulazione è quindi dimostrazione della donazione indiretta e del fatto che la stessa non è soggetta a tassazione. Questo peraltro evita che la donazione, per essere valida, richieda l’atto pubblico notarile. 

Questa dichiarazione, accompagnata dalla tracciabilità del pagamento fatto dal padre al figlio o dal padre direttamente al venditore, mette al riparo il donatario da eventuali accertamenti fiscali effettuati con il redditometro. Se difatti l’Agenzia delle Entrate dovesse accorgersi che il donatario è divenuto titolare di un bene che non potrebbe altrimenti permettersi – magari perché disoccupato – tali precauzioni serviranno ad evitare un accertamento fiscale. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube