Diritto e Fisco | Articoli

Green Pass incostituzionale: tutte le fake news

25 Luglio 2021
Green Pass incostituzionale: tutte le fake news

Illegittimità del Green pass e dei DPCM: tutte le bufale demolite una per una. 

In questi giorni circolano, sui social, le ennesime fake news – in gran parte dettate da strumentalizzazioni politiche – sui provvedimenti adottati dal Governo di contrasto all’emergenza. Le pseudo-notizie, in questo caso, hanno di mira il Green Pass. Abbiamo raccolto le più frequenti, spiegando perché sono mostruosamente false.

Il Green Pass è incostituzionale?

1. «Draghi ha firmato un DPCM pertanto è illegittimo». Non è vero: Draghi ha firmato un D.L. che significa Decreto Legge e che ha lo stesso valore della legge.

2. «Il Green Pass era già stato approvato dal Governo ma poi il parlamento lo ha abrogato». Non è vero: il D.L. sul Green pass è stato approvato per la prima volta il 23 luglio 2021 e solo questo, all’articolo 3, prevede il certificato verde.

3. «Il Green pass è incostituzionale perché limita la libertà di spostamento». Il Green pass non limita la libertà di spostamento (non è un lockdown) ma vieta l’ingresso in alcuni esercizi e luoghi aperti al pubblico e secondo specifiche modalità. La libertà di movimento non viene limitata dal Green pass.

4. «Il Green pass è incostituzionale perché contrario all’art. 16 Cost.». L’articolo 16 della Costituzione consente invece alla legge di limitare la libertà di circolazione con una legge approvata dal Governo o dal Parlamento come succede nel caso di specie.

5. «Se vi fate il vaccino e poi state male lo Stato non vi risarcisce». Non è vero: la sent. n. 118/2020 della Corte Costituzionale ha esteso il diritto all’indennizzo a tutti i casi di vaccinazioni raccomandate dallo Stato o dalle Regioni e non solo a quelle obbligatorie.

6. «Il Green pass non può essere obbligatorio perché viola l’art. 340 del codice penale e chi lo richiede commette reato e rischia la galera». L’articolo 340 cod. pen. prevede il reato di interruzione di pubblico servizio: non c’entra nulla con il vaccino.

7. «La Corte Costituzionale, con sent. n. 308/1990 ha detto che “non è permesso il sacrificio della salute individuale a vantaggio di quella collettiva”». Non è vero. Questa sentenza della Corte Costituzionale ha ad oggetto tutt’altro argomento. Basta leggerla.

8. «I DPCM sono stati dichiarati illegittimi, quindi non è valida alcuna multa». Nessuna sentenza ha mai dichiarato illegittimi i DPCM. Tutt’al più qualche giudice (pochissime sentenze) li ha disapplicati al caso concreto, visto che il giudice ordinario non può annullare o dichiarare incostituzionali i DPCM. I DPCM, in quanto atti amministrativi, non possono essere dichiarati incostituzionali.

9. «Abbiamo un Governo non votato da nessuno, che ha varato DPCM illegali». Il Governo non viene votato dal popolo. Il popolo vota il Parlamento.

10. «L’art. 32 della Cost. vieta trattamenti sanitari obbligatori». La seconda parte del secondo comma dell’art. 32 dice però «se non per disposizione di legge»: vuol dire che la legge può prevedere deroghe nell’interesse collettivo, come già avviene per le vaccinazioni attualmente obbligatorie.

11. «Il Governo ha prorogato lo stato di emergenza solo per emettere provvedimenti che limitano la libertà». L’articolo 16 e 32 della Costituzione non subordinano le limitazioni alla previa dichiarazione dello stato di emergenza. Con o senza “emergenza sanitaria” i diritti del singolo possono essere compressi in ragione dell’interesse pubblico.

12. «Il Green pass è illegittimo perché ti impone il vaccino». Non è vero: puoi avere il Green pass anche se ti fai un tampone o se sei guarito dal Covid da non più di 6 mesi.

Principi base della nostra Costituzione

Ribadiamo  a beneficio dei neo-costituzionalisti che, anche senza aver letto un commento alla Costituzione, pretendono di spiegarla agli altri, quali sono i principi della nostra Carta:

1 – non esiste la libertà assoluta;

2 – la tua libertà cessa dove inizia la mia libertà;

3 – la libertà del singolo può essere sempre limitata a favore dell’interesse collettivo;

4 – l’interesse collettivo viene sempre prima di quello del singolo;

5 – nessun principio prevede la disobbedienza civile;

6 – non è il cittadino a stabilire se una legge é legittima o meno ma la corte costituzionale;

7 – Facebook non è la Gazzetta Ufficiale. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

30 Commenti

  1. Buongiorno,

    vi informo che, ancorché guarita da Covid, presentando quindi una NATURALE acquisizione immunitaria di Anticorpi Antispike SARS-COV2nIg totali nella unità di 1.296,3, titolo di immunizzazione questo di gran lunga superiore a quanto ottenibile con il vaccino, comprovato da referto di laboratorio del mio ospedale locale, non ho diritto ad alcun certificato di guarigione, ergo a nessun greenpass. Questo stante l’ultima circolare del ministero della salute.
    Avete un suggerimento per me, affinché possa io ottenere quanto necessario per muovermi, senza dover sottopormi ad alcun TSO a questo punto superfluo?
    Sarebbe veramente un piacere avere un Vostro parere a riguardo.
    In attesa di un cortese riscontro, porgo distinti saluti.

    d.ssa Bellagambi Teresina

  2. Questo portale di consulenza e informazione legale non dovrebbe interpretare la Costituzione a uso e consumo per favorire e giustificare l’abominio e lo scempio che sta accadendo in Italia,allora dovreste interpretare anche i trattati di Norimberga i quali vietano la sperimentazione di sieri/farmaci sulle persone.Dietro a questo pseudo vaccino ci sta un giro d’affari non indifferente,per non parlare dei tamponi e le mascherine che non servono a nulla,ma fa tutto parte di un piano di spopolamento su scala mondiale e per renderci schiavi di un regime dittatoriale.Sono anni che i poteri oscuri bramano il controllo sull’umanità sia a livello materiale che spirituale.La storia si ripete…come ai tempi degli ebrei,cambia lo scenario,ma il succo è uguale.

  3. Mi sembra che il Regolamento Europeo 953 e successiva integrazione 954/2021 vieti la discriminazione tra chi ha scelto di inocularsi il siero (perché non si tratta di vaccino come da definizione medica) e chi per sua scelta ( ricordo che non esiste alcun obbligo di inoculazione su un siero sperimentale che in tutti i casi non previene dall’infezione Sarscov2 ne dalla patologia Covid19, come dimostrano gli eventi in Islanda, Israele e UK .

  4. In fondo ciò che sta accadendo oggi era preparato da molto, anzi lo hanno pure teorizzato e scritto, basta solo leggere gli autori giusti.
    Era il 1956 quando il filosofo ebreo e tedesco Günther Anders scrisse questo passaggio all’interno del suo libro.: “Per soffocare in anticipo ogni rivolta, non bisogna essere violenti.
    I metodi del genere di Hitler sono superati. Basta creare un condizionamento collettivo così potente che l’idea stessa di rivolta non verrà nemmeno più alla mente degli uomini. L’ ideale sarebbe quello di formattare gli individui fin dalla nascita limitando le loro abilità biologiche innate. In secondo luogo, si continuerebbe il condizionamento riducendo drasticamente l’istruzione, per riportarla ad una forma di inserimento professionale. Un individuo ignorante
    ha solo un orizzonte di pensiero limitato e più il suo pensiero è limitato a preoccupazioni mediocri, meno può rivoltarsi. Bisogna fare in modo che l’accesso al sapere diventi sempre
    più difficile ed elitario. Il divario tra il popolo e la scienza, che l’informazione destinata al grande pubblico sia anestetizzata da qualsiasi contenuto sovversivo. Niente filosofia. Anche in questo caso bisogna usare la persuasione e non la violenza diretta: si diffonderanno massicciamente, attraverso la televisione, divertimenti che adulano sempre l’emotività o l’istintivo. Affronteremo gli spiriti con ciò che è futile e giocoso. E’ buono, in chiacchiere e musica incessante, impedire allo spirito di pensare. Metteremo la sessualità al primo posto degli interessi umani. Come tranquillante sociale, non c’è niente di meglio. In generale si farà in modo di bandire la serietà dell’esistenza, di ridicolizzare tutto ciò che ha un valore elevato,
    di mantenere una costante apologia della leggerezza; in modo che l’euforia della pubblicità diventi lo standard della felicità umana. E il modello della libertà.
    Il condizionamento produrrà così da sé tale integrazione, che l’unica paura, che dovrà essere mantenuta, sarà quella di essere esclusi dal sistema e quindi di non poter più accedere alle condizioni necessarie alla felicità. L’ uomo di massa, così prodotto, deve essere trattato
    come quello che è: un vitello, e deve essere monitorato come deve essere un gregge Tutto ciò che permette di far addormentare la sua lucidità è un bene sociale, il che metterebbe a repentaglio il suo risveglio deve essere ridicolizzato, soffocato,
    Ogni dottrina che mette in discussione il sistema deve prima essere designata come sovversiva e terrorista e coloro che la sostengono dovranno poi essere trattati come tali. ”
    Günther Anders, “L’uomo è antiquato”, 1956

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube