| News

Utenze e cambi residenza solo per occupazioni legali: necessario ora il titolo

21 Maggio 2014


Utenze e cambi residenza solo per occupazioni legali: necessario ora il titolo

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 Maggio 2014



Contrasto agli abusivi degli appartamenti: va provato il titolo di detenzione dell’immobile.

Più difficile ottenere l’allaccio della fornitura di luce, gas, acqua o telefono. Stessa cosa per ottenere la residenza. Dall’entrata in vigore della legge di conversione del Dl casa, infatti, su nuovi contratti (ma anche volturazioni e rinnovi) di forniture scatta il formale “onere della prova” al fornitore del servizio che il richiedente occupi l’alloggio legalmente.

Lo prevede il nuovo decreto casa, il cui scopo è contrastare l’occupazione abusiva dell’alloggio.

A carico degli occupanti abusivi scatta la nullità dei contratti, ove la titolarità dell’alloggio non sia appunto comprovata con il “titolo che attesti la proprietà di regolare possesso o la regolare detenzione dell’unità immobiliare”.

Il titolo può essere fornito in originale, in copia autentica o tramite dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. Peraltro non è chiaro se la nullità del contratto (evidentemente stipulato senza i requisiti) sia sanabile.

Si fa più complicata anche la richiesta della residenza al Comune. Anche in questo caso, spetta al richiedente l’onere di dimostrare al Comune di avere titolo a ricevere la residenza.

Solo che – diversamente dalla richiesta di servizi – il decreto non fornisce alcuna indicazione. In mancanza di chiarimenti, non è da escludere che gli uffici anagrafe degli enti locali possano temporaneamente tirare il freno sulle nuove residenze.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Voglio far notare che il DL casa, all’art.5 riporta un errore che darà luogo a molte controversie per errata interpretazione.

    “Chiunque abusivamente occupi un alloggio senza titolo …!

    C’è una parola di troppo, o “abusivamente” va cancellato per rimanere “Chiunque occupi un alloggio senza averne titolo”, oppure “Chiunque occupi abusivamente un alloggio …”

    Non conosco alloggi che in se stessi non abbiano titolo ….
    Mi occupo di fronteggiare le occupazioni abusive di case popolari … conosco molto bene la tematica.
    E’ una parolina, un cavillo e rende inefficace l’attuazione.
    Cordiali saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI