Nuovo bonus per acquisto di mobili: come funziona

21 Maggio 2014


Nuovo bonus per acquisto di mobili: come funziona

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 Maggio 2014



Dal frigo ai mobili, bonus semplificato: è legge il decreto casa; Sgravi anche oltre la spesa per ristrutturazione, ma entro i 10mila euro.

Bonus mobili operativo, dopo l’approvazione definitiva, ieri alla Camera del decreto casa, che ha fatto seguito al voto di fiducia di lunedì.

La scadenza per lo sgravio è fissata alla fine di quest’anno, ma la norma consente di recuperare, entro i massimali consentiti, anche le spese sostenute a partire dal 6 giugno 2013.

La detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di arredi viene liberata da una serie di vincoli: in sintesi, lo sconto non sarà più legato all’ammontare della ristrutturazione e potrà, eventualmente, anche superarlo.

È utile, per fare ordine, riepilogare come funziona il bonus in questa nuova versione.

Come funziona il nuovo bonus

La prima condizione è che sia in corso una ristrutturazione edilizia, per la quale siano state chieste detrazioni. Coloro che ne fruiscono potranno richiedere anche lo sconto del 50% per le ulteriori spese, documentate e sostenute appunto dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, per l’acquisto di mobili, grandi elettrodomestici, come frigoriferi e lavatrici, in classe non inferiore alla A+ e forni di classe A. Dovrà trattarsi di mobili nuovi.

Bisogna ricordare che

a) per la ristrutturazione resta fermo il limite massimo di spesa di 96mila euro;

b) mentre per il bonus mobili il tetto massimo di spesa, ancora in vigore, è di 10mila euro.

Inoltre, gli arredi dovranno servire l’unità immobiliare alla quale è collegata la ristrutturazione.

Una nota importante: nei 10mila euro potranno essere conteggiate anche le spese di trasporto e montaggio. Lo sconto, comunque, andrà spalmato su più dichiarazioni dei redditi, ripartendolo in dieci quote annuali di pari importo. E dividendolo, eventualmente, tra tutti gli aventi diritto, ad esempio nel caso in cui ci siano più proprietari.

Le spese per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici “sono computate, ai fini della fruizione della detrazione di imposta, indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione che fruiscono delle detrazioni”. Si tratta di una formulazione piuttosto oscura che sembra, però, alludere a un chiarimento importante: le spese per gli arredi andranno conteggiate separatamente da quelle per le ristrutturazioni. E i relativi massimali (10mila e 96mila euro) andranno calcolati in maniera indipendente.

note

Autore immagine: 123rf. com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI