Diritto e Fisco | Articoli

Il Green pass è incostituzionale?

30 Luglio 2021
Il Green pass è incostituzionale?

Certificato verde: le ragioni per cui il decreto legge n. 105/2021 non viola la Costituzione. Ecco cosa dicono la legge italiana, la gerarchia delle fonti e le norme dell’Unione Europea. 

Il Green pass è incostituzionale? È la domanda del momento. La risposta è molto facile e si può leggere nelle stesse norme della nostra Costituzione. Cerchiamo allora di fare chiarezza e di fugare tutte le false notizie in merito.

Per essere “incostituzionale”, una norma deve violare uno o più articoli della Costituzione.

L’art. 16 Cost. riconosce la libertà di movimento a tutti i cittadini salvo che una legge disponga limiti, di carattere generale (ossia per tutti i cittadini o per categorie omogenee), dettati da motivi di salute.

Dunque, è la stessa Costituzione ad ammettere limitazioni. Ed a scegliere queste limitazioni – dice sempre la Costituzione – è la legge.

Il D.L. 105/2021 che istituisce il green pass è un atto avente forza di legge, ossia equiparato alla legge del Parlamento, immediatamente efficace e, quindi, vincolante.

Pertanto, il D.L. 105 rispetta pienamente l’art. 16 della Cost. trattandosi di una legge che pone restrizioni in ragione della salute pubblica.

A ben vedere, però, il green pass non costituisce neanche una limitazione alla libertà di spostamento (come invece il lockdown) ma è solo una condizione per l’accesso, in determinate forme, ai locali (una sorta di carta d’identità per entrare in determinati luoghi).

Il green pass non è neanche un indiretto obbligo di vaccinazione visto che si può avere anche con un tampone (purtroppo ancora a pagamento) o con l’avvenuta guarigione da non più di 6 mesi (chi dice di non spaventarsi del virus potrebbe anche infettarsi e poi chiedere il Green pass, se davvero è così coraggioso…).

Chi sostiene che il green pass è contrario al regolamento UE 953/21 non lo ha letto o compreso. Il regolamento vieta che si possa usare la vaccinazione come indiretto modo per limitare la libertà di circolazione tra Stati dell’UE, senza menzionare le limitazioni interne. Anzi, le giustifica. Tant’è che riporta testualmente quanto segue: «In conformità del diritto dell’Unione, gli Stati membri possono limitare il diritto fondamentale alla libera circolazione per motivi di sanità pubblica. Tutte le restrizioni alla libera circolazione delle persone all’interno dell’Unione attuate per limitare la diffusione del SARS-CoV-2 dovrebbero basarsi (…) sulla tutela della salute pubblica». Insomma, l’UE dice che il green pass è legittimo (tant’è che esiste proprio il green pass europeo).

Chi sostiene che il green pass violi il regolamento Ue sulla privacy (il GDPR) non lo ha letto perché non sa innanzitutto che:

  1. limitazioni alla privacy possono essere disposte dalle autorità per motivi di salute pubblica;
  2. ai privati è comunque fatto obbligo di non trattare i dati dei clienti che esibiscono il green pass;
  3. il green pass finisce per essere una documentazione al pari di un documento personale, da non pubblicare ma da esibire solo all’occorrenza come avviene appunto con gli attuali documenti di riconoscimento. Sarebbe come dire che viola la privacy il titolare del bar che chiede la carta d’identità al minorenne prima di dargli alcolici.

Ammesso e non concesso che il green pass sia un indiretto modo per portare la gente a vaccinarsi, ciò non sarebbe incostituzionale visto che la Costituzione prevede la possibilità che la legge imponga vaccini obbligatori. Difatti, l’art. 32 della Cost. vieta trattamenti sanitari obbligatori se non per disposizione di legge: vuol dire che la legge può prevedere deroghe nell’interesse collettivo, come già avviene per le vaccinazioni attualmente obbligatorie.

L’art. 32 cost, nell’ammettere trattamenti sanitari obbligatori, stabilisce che la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal «rispetto della persona umana». Questa norma sta a significare, ad esempio, che se vi fanno una puntura non possono mostrare il vostro deretano in pubblico. Quindi, non “ci azzecca” nulla col discorso del vaccino, né del green pass.

Tutti i limiti appena elencati possono essere previsti dalla legge anche senza dichiarazione di uno stato di emergenza sanitaria. Pertanto, decade anche la favola secondo cui lo stato di emergenza sarebbe stato prorogato solo per limitare la Costituzione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

89 Commenti

  1. Io mi sono vaccinato, mi sono scaricato il Green pass e ciò nonostante continuerò a stare attento e a indossare la mascherina nei luoghi affollati. Non è che mi butto nella mischia solo perché ho fatto il vaccino ed ho la certificazione verde, Questo non mi assicura la protezione da nulla, ma mi eviterà, almeno si spera, che se dovessi prendermi il virus non vado a finire in terapia intensiva. Quindi, non abbassate la guardia e non comportatevi come lo scorso anno con il rischio di rivivere un autunno peggiore

    1. buongiorno Den
      concordo pienamente con quello che dici anche se io non mi sono vaccinato per pura diffidenza nei confronti di questi vaccini sperimentali. Rispetto tutti coloro che si sono vaccinati e che rispettano le regole come tu fai.
      Distanza, mascherina, igiene personale sono le armi migliori.

  2. E’ vero che la Costituzione prevede l’obbligo della vaccinazione ove ne ravveda la necessità, ma è pur vero che il vaccino si rende obbligatorio dopo aver finito tutto l’iter della sperimentazione. Nel caso specifico, la sperimentazione avrà fine nel 2023, pertanto non si può rendere obbligatorio l’inaculazione di un siero, se non si conoscono gli effetti collaterali a breve e lungo termine.. Infatti, il D.L del 6 agosto 2021, n. 111 non prevede l’obbligo di vaccinarsi, bensì in modo indiretto te lo rende obbligatorio. Il c.d. green pass o in alternativa il tampone -eseguito ogni 48 ore- di fatto è una limitazione alla libertà e al lavoro – diritto garantito all’art. 4 Cost.-
    Questo a mio avviso è incostituzionale.

    1. Bravo. Giusta osservazione. Dovrebbero stare più attenti quando scrivono. Green Pass: Non rappresenta garanzia scientifica di non contagiosità. Quindi, incostituzionale.
      Guido

  3. Ci siamo dimenticati di citare il trattato di Norimberga sul consenso informato e sulla sperimentazione. Il green pass è un obbligo indiretto a vaccinarsi. I vaccini/siero genici contro il Covid non possono diventare obbligatori perchè sono stati autorizzati ma non approvati e la sperimentazione termina nel 2023. Per cui appellarsi all’art. 32 della Costituzione non è corretto.

  4. Più se il green pass è costruzione oppure no io farei un altra domanda se è costituzionale oppure no che una casa farmaceutica possa vaccinare una massa di persone con dei vaccini ancora in fase sperimentale con l’approvazione dello Stato guadagnando un tot per ogni Dose facendo pure esperimenti a costo zero su di essi visto che per essere vaccinati si ha l’obbligo di firmare il consenso svincolando la sessa di qualsiasi responsabilità civile e penale a lungo termine . È solo fatturato e che fatturato
    Pensateci un momento

  5. Il green pass è DISCRIMINATORIO e in totale contrasto con l’art. 3 Costituzione. Infatti allo stato attuale delle conoscenze scientifiche NON c’è alcuna certezza che anche i vaccinati non possano contagiare. Aggiungendo a questi i vaccinati sui cui il vaccino non ha fatto effetto e quelli a cui l’immunità è scaduta queste ultime due categorie possono (se contagiati) contagiare gli altri con carica virale ALTA. Questo mentre al non vaccinato si chiede la prova (tampone) di NON essere contagiato. Più DISCRIMINATORIO di così…..

  6. Green pass deve solo servire per wlencare i vaccini che hai fatto non come lascia passare, non sono immuni, possono contagiare vedi manifestazione in Olanda consentita solo a quelli con green pass 1000 contagiati. La mia collega dopo la 1 vaccinazione, poteva avere il green pass subito o max dopo una settimana, dopo 15 gg ha preso il covid. MA DI COSA STIAMO PARLANDO, CHI VOGLIAMO PRENDERE IN GIRO ? SIAMO SERI E PROFESSIONALI E SOPRATUTTO INTELLIGENTI PER FAVORE.

  7. Dopo essermi fatto il vaccino sono ancora vivo e uso il mio green pass senza mai avere problemi. P0rc0 due fatevi sto ca**o di vaccino invece di romperci il ca**o. Cercate sempre di fare qualcosa di diverso ma sc0p****i un tr4ns invece di ca*are il ca**o a noi.

    1. Guarda, grandissima testa di benemerito scroto, sentiti libero di drogarti come vuoi e non obbligare nessuno a farlo come te!
      Vuoi morire giovane? Fatti avanti e non obbligare me allo stesso!

    2. Ma tu ke hai fatto il vaccino ti reputi una persona intelligente visto ke e sperimentale, e poi ki sei tu o draghi a dire ame kosa fare e kosa nn fare io sarò il. Primo a mettere in palio la mia vita pur di non sottomettersi kome hai fatto tu e altre pekorelle kome te, fate pietà io vivo libero e lo sarò sempre tu invece fatti due konti

  8. Ma veramente questo articolo è stato scritto da avvocati? L’Art. 32 della costituzione dice “per motivi di salute…” e dunque tutto è OK! Fine dei giochi! CLAP CLAP!!!
    Vi dobbiamo pagare una parcella per questa perla di competenza?
    Poco importa se i sopra citati motivi di salute sono scientificamente inesistenti, se le limitazioni delle libertà fondamentali sono soltanto un ricatto per indurre i cittadini ad un trattamento sanitario in fase di sperimentazione, se esistono norme europee che vietano espressamente le discriminazioni che questo utilizzo provocano…
    Cari signori, vi consiglio di tornare sui banchi di scuola alla prima lezione di diritto, dove vi spiegheranno come la legge sia PRIMA DI TUTTO uno strumento di GIUSTIZIA e non un mezzuccio per burocrati che sono pagati per trovare il modo di avere ragione in un Tribunale.
    Non mi rivolgerei a voi nemmeno per fare ricorso a una multa per divieto di sosta. Anzi, fatemi un favore: lasciate stare la Costituzione che evidentemente non è il vostro pane, ed evitate di offendere chi l’ha scritta. Se i Padri Costituenti potessero leggere le vostre interpretazioni si rivolterebbero nella tomba.

    1. bravissimo, ma poi se fosse tutto vero quello che è scritto in quest’articolo… allora perchè lo Stato non impone direttamente il VACCINO OBBLIGATORIO giacchè ciò è consentito dalla Costituzione nei casi di emergenza ?
      Perchè non lo impongono senza passare tramite il GREEN CAZZ?

  9. Comunque è inutile che scrivete questi articoli. Tanto la gente è tarata e se tu dimostri che non c e niente di anticostituzionale loro risponderanno: “è anticostituzionale! Voi non capite un cazzo mio cugino me lo ha detto!”

  10. Mi chiedo cosa c’entra la richiesta del green pass nei parchi all’aperto e nei siti di interesse storico, musei all’aperto!! Non mi sembra che il decreto 105/2021 preveda anche queste situazioni. Questo si che è incostituzionale!! Vorrei una risposta…..

  11. Il greenpass dovrebbe essere un metodo per rispettare la salute pubblica. Si ottiene tramite le due dosi di vaccino e deve essere eseguito per la sicurezza della salute. Così il governo draghi si tutte nella dicendo che non violerebbe la costituzione ma è niente di più falso. Perché le due dosi di vaccino non assicurano per niente il fermo del contagio del covid le persone vaccinate possono ancora essere contagiate e possono contagiare le altre persone. Quindi sostenendo che greenpass non è per niente sicuro ma il governo obbliga e anche il vaccino può ritenersi anticostituzionale perché potrebbe articolo 16 in articolo 32 l’articolo 3 della costituzione

    1. No ma lascia perdere, questi sono dei veri fenomeni. Secondo loro, essendo prevista nell’ART 16 la possibilità di attuare restrizioni “…per motivi di salute”, un qualsiasi pirla del Governo (nemmeno del Parlamento… del Governo!) si alza al mattino e decide che non puoi uscire in strada senza la canottiera di lana e tu lo devi fare! No perché sai… poi se prendi freddo e ti ammali, “te le paghi tu le cure?” (gne gne gne!…).
      Qui non siamo nel pieno di una crisi sanitaria, ma della peggior crisi istituzionale e culturale mai vista! La nuova ignoranza diffusa della nostra società sta mandando al macello quel poco di buono che la nostra civiltà democratica era riuscita a costruire. E la cosa inquietante è che i pochi intellettuali e pensatori liberi rimasti che stanno cercando di metterci in guardia sono diventati, d’un tratto, degli emeriti idioti.

  12. Solo una domanda.
    Tutto chiaro se lo stato rendesse La vaccinazione obbligatoria, argomento se nn erro omesso dall’articolo..!
    Come può lo stato porre limitazioni che nn siano semplici esortazioni per una cosa che nn è obbligatoria?
    Un comportamento del genere nn è storicamente equiparabile a alleggi razziali?

  13. Io ho avuto il Covid,ho gli anticorpi certificato ma NON il tampone positivo :
    erano le feste e quando sono arrivato al tampone ero già negativo.

    Gli anticorpi ci sono ma “non contano” :
    come se la malattia non fosse mai esistita.

    Dovrei fare due dosi,magari con un paio di giorni di malessere per ciascuna,che si aggiungono a quanto già patito,firmare pure il consenso.
    E per un vaccino meno recente della mia malattia se vogliamo parlare di varianti.

    Cosa centra tutto questo con la mia salute?Nulla.
    Devo assoggettarmi ad una pratica per me inutlie e fonte quanto meno di malessere per “gli altri che non possono farlo e devono andare a spasso”?
    Non vi sembra un pò esagerato?

    1. Per me si è tutti liberi di vaccinarsi o no ma si dovrebbe ricordare che dove finisce la propria libertà comincia la mia e se sono , ad esempio, un bambino disabile non posso permettermi di avere a scuola un assistente educatore non vaccinato in quanto, io e i miei amici in classe, siamo non vaccinabili perchè di età inferiore a 12 anni. Che dici Francesco ? Basta questo per richiamare al senso civico ? Io penso che chi dibatte ancora su queste cose non abbia sentito le circa cinquanta ambulanze al giorno che correvano sulla Briantea a Bergamo, e non ha sofferto vedendo inghiottiti da un reparto di terapia intensiva i propri cari …. senza più rivederli. Immaginate se fosse uno di quei bambini a varcare quella soglia perchè un inconsapevole positivo non ha voluto correre il rischio di un vaccino non testato. C’ è la privacy ma c’è anche una coscienza e se fossi io l’inconsapevole non avrei più pace.

      1. intanto ognuno di noi é LIBERO DI PENSARE alla propria salute , la solidarietà è di per sè un sentimento e un sentimento non potrà mai diventare obbligatorio altrimenti si potrebbe scatenare l’odio sociale verso i deboli , il chè è assolutamente da evitare , si pensi al fatto che negli ultimi anni sono aumentati i femminicidi , a causa dell’ aumento esponenziale dei diritti giustamente concessi alle donne , ma che in effetti sono diventati causa di approfittamento di alcune maledonne nei confronti degli uomini.

    2. Infatti non è esagerato ma un delirio vaccinare una persona che ha già contratto e risolto la malattia
      Ed è per questo che io temo quello che c’è sotto e non il covid!!

      1. Si ma bisogna vaccinarsi dopo un tot di mesi dopo aver contratto il virus e ricevere una sola dose. Coloro che hanno il Covid non devono esser certi che sono esenti dalla vaccinazione e dalla malattia

        1. Il green pass è anticostituzionale per il fatto che il vaccino ha causato dei morti e pure le case farmaceutiche scrivono che non si sa cosa provocherà in futuro. Basterebbe quest’ultima frase ad inibire l’obbligo. Purtroppo, considerato il fatto che quest malattia ha causato un numero di morti ridicolo, considerato che ci sono comunque cure che tempestivamente possono bloccarlo, considerato che colpisce però lo più anziani, è stra-evidente che il vaccino nasconde qualcosa. Ma anche un idiota lo capisce. Un qualcosa che ci farà male di certo. Non so cosa. Metti insieme tutte queste strane circostanze, gli asintomatici a milioni, i morti finti per alimentare la finta epidemia, la morte di de Donno, suicida dalla contentezza… è inutile girarci intorno e cercare di autoconvincersi che c’è questa orribile malattia che sta uccidendo milioni di persone. È una balla. La verità è che ci stanno fottendo. No crediamo a tutto e loro ci fottono…si fanno miliardi in corruzione. Questa epidemia è ormai una minestra riscaldata. Vogliono vaccinare tutti tutti. Che Dio ci salvi da quello che accradra’.

        2. “Bisogna” vaccinarsi dopo tot mesi, è una scelta politica ed economica, non sanitaria, atteso che nessuno verifica la presenza dei linfociti Tnel guarito, quelli preposti alla memoria immunitaria. Chi è guarito rischia 3 volte di più una ADE rispetto a chi non ha mai contratto il virus, in caso di inoculo del siero genico. Si muore, come successo a Paternò. Si muore. Tutti gli studi pubblicati dicono la stessa cosa: i guariti sviluppano memoria anticorpale duratura pure per le varianti e sono molto molto più al sicuro e coperti dei vaccinati. Questo dice la Scienza.

  14. A cosa serve il green pass? Ad aumentare i contagiati visto che credendosi immuni si sentono sicuri e quindi vai con i baci e abbracci in luoghi affollati senza reale controllo! E lo stato? Vai con i vaccini, tamponi a pagamento ecc. ecc… money! Money! Money! Rendi il popolo ignorante, incuti paura e lo potrai governare.

    1. Ecco questo è sbagliato. Coloro che hanno fatto il vaccino dovrebbero continuare ad osservare le solite misure di sicurezza come distanziamento, uso della mascherina e igienizzazione. Io sono vaccinato e continuo a rispettare queste regole. Mi auguro che la gente ragioni sul fatto che anche se vaccinati possiamo prenderci il virus e contagiare gli altri. Davvero quello che dovremmo evitare è il fatto di finire in terapia intensiva

  15. Chi ha il vaccino e il green pass contagia quanto uno che non lo abbia, anzi e pure autorizzato a entrare liberamente nei luoghi. Quindi preoccupati di quello e delle restrizioni inutili a cui tutti siamo sottoposti.

    1. Ma cosa stai dicendo Antonio! Facendo il vaccino intanto hai una protezione ed eviti di finire in terapia intensiva: non sono io a dirlo, ma i medici con cui ho parlato. Poi, il fatto che una persona abbia il Green pass può essere in qualche modo una certificazione che in un luogo ci sia gente vaccinata, tamponata o che ha già avuto il Covid quindi difficilmente ti porta il contagio se ti sta vicino. L’idea è pian piano vaccinare tutta la popolazione affinché si possa evitare la diffusione del virus a causa dei non vaccinati

  16. Una sola domanda… Art. 3 della Costituzione riguardante alla discriminazioni? Mi pare che si potrebbe citare.

  17. Adesso tutti sulla carrozza dei forti…
    Che cercano di dimostrare come l’ABUSO di POTERE sia la NORMALITA’.
    Vi spiego io! Voi siete ignoranti o MATTI : – )
    Quando l’aria cambierà, e cambierà
    …li vedremo salire tutti sull’altro carro, con grande disinvoltura
    Se inserisci green pass anticostituzionale, il motore di ricerca di da questo POST in prima posizione.

  18. Buongiorno a tutti io non ho il grin pas e non posso mantenere la mia famiglia e secondo voi è costituzionale?

  19. Ricordiamo che io non posso più lavorare per 4 mesi perché non ho il grin pas da nessuna parte; quindi ho perso un diritto

  20. Ricordiamo però che questo è un vaccino sperimentale fino al 2023 e quindi lo stato non può renderlo obbligatorio e usa come mezzo il Green pass per renderlo obbligatorio..è un obbligo di sperimentazione

Rispondi a Den Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube