Diritto e Fisco | Articoli

Costituzione: 7 cose che non sai

2 Novembre 2021
Costituzione: 7 cose che non sai

Curiosità sulla Costituzione: valore, fonti del diritto e modifiche.

In quanti conoscono la Costituzione? Eppure sono solo 139 articoli, facili da leggere e comprendere. Ecco alcune cose che non tutti sanno.

Costituzione maschilista

Dei 556 padri costituenti che nel 1947 scrissero la nostra Costituzione solo 21 erano donne.

Una costituzione di centro sinistra

A scrivere la Costituzione furono soprattutto la Democrazia Cristiana (col 35,2% dei voti e 207 seggi), il Partito Socialista (20,7% dei voti e 115 seggi), il Partito Comunista (18,9% e 104 seggi).

A chi è rivolta la Costituzione

A differenza delle leggi, rivolte a tutti i cittadini, la Costituzione è indirizzata solo al legislatore ossia al Parlamento e al Governo: sono solo questi ultimi a dover rispettarne i principi per non esorbitare dai loro poteri.

Modifiche della Costituzione

Si possono modificare le norme della Costituzione salvo l’art. 139 (la forma repubblicana) e, secondo alcuni, i principi fondamentali (artt. da 1 a 12).

Nessun Governo potrà quindi trasformare l’Italia in una monarchia o in una dittatura.

Diritto al lavoro

La Costituzione riconosce a tutti il diritto al lavoro (art. 4) ma sappiamo che in molti sono disoccupati. Si tratta di una norma «programmatica», che fissa solo un obiettivo, senza però essere vincolante per lo Stato.

Disobbedienza civile

La Costituzione serve a garantirci da leggi ingiuste. La legge ingiusta viene cancellata dalla Corte Costituzionale. Ecco perché non esiste la disobbedienza civile che poteva, tutt’al più, giustificarsi dinanzi a monarchi, tiranni o dittatori.

Gerarchia delle fonti

La Costituzione è la fonte del diritto più alta e, quindi, importante. Non possono violarla neanche i regolamenti e le direttive dell’UE. Al pari di essa, ci sono solo le leggi costituzionali e i trattati istitutivi dell’UE.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. “Nessun Governo potrà quindi trasformare l’Italia in una monarchia o in una dittatura”. Ma vi leggete prima di pubblicare? Il fatto che la nostra libertà è legata ad un QR Code, in qualsiasi modo la si pensi su pandemia e inoculazioni, è proprio da Repubblica democratica.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube