Diritto e Fisco | Articoli

7 cose sui giudici e sulla giustizia che non sai

11 Settembre 2021
7 cose sui giudici e sulla giustizia che non sai

Magistratura, processi e sentenze: ecco le curiosità dal mondo della giustizia. 

Quando viene commesso un illecito civile o penale, il cittadino non può farsi giustizia da sé ma deve rivolgersi a un giudice. Scopriamo alcune curiosità sul mondo della giustizia.

Si può parlare col giudice?

Non è possibile prendere un appuntamento o parlare col giudice nel suo ufficio: il giudice si pronuncia solo in udienza.

Si può assistere a un processo?

I processi sono aperti a tutti (salvo quelli a porte chiuse). Chiunque quindi può entrare in tribunale e assistere alle udienze conoscendo “i fatti degli altri” senza che vi sia violazione della privacy.

Processo civile e penale: chi paga?

Nel processo civile, le spese sono a carico di chi inizia la causa (ma se ha un reddito fino a 11.746,68 euro). Chi perde rimborsa le spese all’avversario. Nel processo penale, invece, le spese sono a carico dello Stato.

Il giudice di pace chi è?

Il Giudice di pace non è un giudice a cui ci si può rivolgere informalmente. La sua è solo una competenza limitata a cause di valore ridotto o che riguardano determinate materie (ad esempio, i rapporti condominiali).

Il valore di una sentenza

Le sentenze non possono modificare o cancellare la legge (salvo quelle della Corte Costituzionale): esse la interpretano soltanto e hanno valore solo tra le parti in causa e non vincolano i terzi. La sentenza, quindi, non è una nuova legge che tutti devono rispettare.

Cosa fare contro le sentenze ingiuste?

Contro le sentenze ingiuste si può fare appello. Ma in appello non si possono mai presentare nuove prove né sono ammesse nuove contestazioni.

A che serve la Cassazione?

La Cassazione non è un terzo grado di giudizio. La Cassazione verifica solo che i giudici dei precedenti gradi abbiano interpretato correttamente la legge e applicato per bene la procedura.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube