Salute e benessere | Articoli

Le contraddizioni dei no-vax

31 Luglio 2021 | Autore:
Le contraddizioni dei no-vax

Torno a parlare di Covid-19. Ammetto di aver avuto anche io un certo timore nel farmi il vaccino. A nessuno piace prendere medicine, specie in un clima di incertezze come quello che abbiamo vissuto, determinato dai continui cambi di strategia medica. Peraltro, non poche volte, i farmaci, prima spacciati per buoni, sono stati poi tolti dal commercio.

Ma la paura è umana e rende ancora più valoroso il sacrificio che si affronta nel superarla.

Tuttavia, razionalmente, non si possono ignorare le contraddizioni in cui cade chi, per partito preso o immotivata contestazione, e peraltro senza alcuna conoscenza scientifica, nega i progressi della medicina. 

Proprio su queste contraddizioni ho basato queste slide: per dimostrare che, a volte, ci si accanisce contro nemici quando accanto si hanno mostri ben peggiori.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

10 Commenti

  1. Il ragionamento fila ed io sono d’accordo. Ogni giorno, la gente si intossica consapevolmente mangiando prodotti industriali, fumando schifezze, bevendo bibite zuccherine e gassate, e poi si preoccupano del vaccino inventandosi le più assurde scuse e divulgando fake news ridicole come il fatto che con il vaccino ci vogliono spiare e tenere sotto controllo, poi 5G e altre follie

  2. Vabbè il fatto che si dica che il vaccino possa arricchire le lobby e le case farmaceutiche non prendiamoci in giro e non diciamoci che non ci sono guadagni. Ovviamente, ci sono tanti interessi in gioco, proprio come per una qualsiasi grande azienda che produce beni di consumo. Il fatto a mio parere è concentrarsi sui benefici che può comportare il vaccino e su quali sono i pro a vantaggio dei contro.

  3. Dormire con il cellulare attaccato al cuscino fa male. Fumare fa male. Mangiare porcherie con tutti quegli ingredienti che provocano assuefazione fa male. Bere ti rovina il fegato e rischi di fare un incidente se irresponsabilmente ti metti alla guida. Il vaccino fa bene perché la medicina non consentirebbe la somministrazione di qualcosa di tanto dannoso come dicono i no vax all’intera popolazione

  4. Voi parlate come se sapeste quali saranno gli effetti a lungo andare sulla nostra salute. Siamo cavie di un esperimento di massa a livello mondiale. Lo volete capire che il vaccino non sempre è utile. Io ho paura per me e per mio figlio che è adolescente e per avere il green pass dovrebbe farsi il tampone valido per le 48 ore successive o vaccinarsi, Bel dilemma, soprattutto quando sono così giovani

    1. Sandra, non hai ancora inteso che ormai tu non hai un figlio tuo, se questi si permettono di discutere sull’imposizione di un obbligo sul quale tu non hai alcun diritto o voce in capitolo per il bene della tua prole. Tu non puoi decidere alcunché per il bene di tuo figlio, perché solo loro sanno cosa è bene o male per lui. Tieni duro, il tempo è galantuomo, parlano già di 3a dose perché hanno capito che quest’inverno gli ospedali si riempiranno di vaccinati, con il sistema immunitario alterato.

  5. Questo post ovviamente non vuole dare risposte certe, perché al momento nessuno le ha. Ci auguriamo solo che il vaccino possa tutelarci in qualche modo dal virus e assicurarci il ritorno ad una vita quanto più “normale” possibile. Io qui ho notato l’intenzione a riflettere sull’argomento del momento: vaccino sì o vaccino no? Chi si scaglia subito contro la medicina dovrebbe farsi un’analisi di coscienza e domandarsi se la vita che sta conducendo è salutare o, altrimenti, se è il caso di porsi qualche domanda e mettere in discussione alcune cattive abitudini piuttosto che scagliarsi senza documentarsi su ciò di cui non hanno alcuna contezza né competenza (appunto, il vaccino)

  6. Sono pienamente d’accordo con il contenuto di questo articolo. Ogni giorno, c’è chi beve, fuma, si droga, mangia a dismisura schifezze e poi si domanda con ipocrisia cosa può esserci nel vaccino… Ma domandatevi piuttosto cosa c’è in tutti questi prodotti!!! Inoltre, aggiungo che ci si vaccina per tutelare la propria salute e quella degli altri. Che ne so se anche da vaccinato non possa prendermi il covid ed io possa trasmetterlo, quindi si tratta di una decisione di responsabilità civile

  7. A parte le diverse contraddizioni, i loro discorsi sono pieni di incompetenza, ignoranza, arroganza e disinformazione. Certo che questa è l’era di costituzionalisti, virologi, esperti del pallone, esperti in qualsiasi cosa sia al centro della notizia e del dibattito sociale. E’ bene puntare l’attenzione su questi temi e divulgare notizie e informazioni corrette come avete sempre fatto

  8. La differenza è molto semplice:
    – mangiare cibo spazzatura, mi assumo la responsabilità di abusarne e stare male, lo Stato se ne frega e mi lascia fare;
    – cellulari, mi assumo la responsabilità di abusarne e stare male, lo Stato se ne frega e mi lascia fare;
    – bere alcool, mi assumo la responsabilità di abusarne e stare male, lo Stato se ne frega e mi lascia fare;
    – fumare, mi assumo la responsabilità di abusarne e stare male, lo Stato se ne frega e mi lascia fare;
    – vaccino anti covid, mi assumo la responsabilità di non farlo e stare male (sottolineo, stare male io, che rischio che un vaccinato mi mandi all’ospedale), lo Stato me lo impone.
    Qualcosa non chiude.

  9. Dall’articolo del 4 Luglio 2021 dell’autore di questo post, citando l’art. 21 della Costituzione, argomentava “c’è innanzitutto il diritto a manifestare il proprio pensiero. Ma dall’altro lato c’è un dovere: il dovere di rispettare il diritto di pensiero degli altri”, e concludeva citando Dostoevskij, scrivendo “Pensate che il fatto di non accettare un pensiero diverso dal vostro vi rende degli imbecilli.”. Ora sta facendo lo stesso con i “no vax”, trattati come ignoranti, incompetenti, arroganti, approvando i commenti di chi scrive queste cose. Innegabile coerenza, molto bene (tanto so che non lo pubblicherà).

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube