Politica | News

Che cos’è il semestre bianco e come schivarlo

2 Agosto 2021 | Autore:
Che cos’è il semestre bianco e come schivarlo

La Costituzione vieta al Capo dello Stato di sciogliere le Camere negli ultimi sei mesi di mandato. Ma se volesse mandare tutti a casa, avrebbe un’altra arma.

Di sicuro, fino a febbraio 2022, l’Italia si terrà l’attuale Parlamento. Dal 3 agosto, data di inizio del semestre bianco, non è possibile sciogliere le Camere e indire nuove elezioni politiche fin quando non verrà eletto il nuovo presidente della Repubblica. Ma che cos’è il semestre bianco? Quali sono i poteri del Capo dello Stato in questo lasso di tempo, ultimo del suo settennato?

Per semestre bianco si intende il periodo che corrisponde agli ultimi sei mesi di mandato del presidente della Repubblica, che resta in carica per sette anni. La Costituzione italiana stabilisce all’articolo 88 che «può, sentiti i loro Presidenti, sciogliere le Camere o anche una sola di esse. Non può esercitare tale facoltà negli ultimi sei mesi del suo mandato, salvo che essi coincidano in tutto o in parte con gli ultimi sei mesi della legislatura». Questa modifica, che consente la convocazione di elezioni durante il semestre bianco, è stata introdotta da Francesco Cossiga, il cui mandato finiva il 3 luglio 1992 e si sovrapponeva agli ultimi mesi della X Legislatura, che andava a naturale scadenza il 2 luglio, cioè il giorno prima. Di conseguenza, il Capo dello Stato non avrebbe potuto sciogliere il Parlamento e ci sarebbe stato un pasticcio burocratico non indifferente, con il rischio di un pericoloso vuoto di potere.

Tuttavia, con questa norma i padri costituenti hanno voluto evitare eventuali manovre da parte del Quirinale. Come linea di principio generale, ovviamente, non è certo un’insinuazione sull’attuale Presidente uscente. Il divieto di sciogliere le Camere durante il semestre bianco è stato concepito per impedire che senatori e deputati vengano mandati a casa agli sgoccioli del mandato presidenziale per posticipare l’elezione del successore e restare più tempo in carica o per cambiare un Parlamento ostile alla scelta di un candidato gradito dal Capo dello Stato uscente.

C’è, quindi, chi vede nel semestre bianco un vantaggio e un ombrello per la nostra democrazia. E chi, invece, lo ritiene un’arma a doppio taglio: l’impossibilità di sciogliere le Camere comporta, infatti, il rischio di una crisi politica nei poteri esecutivo e legislativo senza che la Presidenza della Repubblica abbia la possibilità di fare ordine tirando una riga e chiudendo la Legislatura anzitempo. Governo e parlamentari lo sanno e, volendo, ci possono marciare. Se finora hanno sbandierato senso di responsabilità, questo è il momento di dimostrarlo fino in fondo. Anche perché, in caso di necessità, al Quirinale si potrebbe giocare d’astuzia.

C’è da ricordare che l’unico potere che il Capo dello Stato perde durante il semestre bianco è quello dello scioglimento delle Camere così come previsto dalla Costituzione. Per il resto, non cambia nulla: il Presidente può, fino alla fine, decidere di non promulgare una legge e di rinviarla alle Camere. Ma può, soprattutto, calare un asso che nessuna norma gli impedisce di giocare: quello delle dimissioni anticipate. Il che vorrebbe dire provvedere anzitempo ed il più presto possibile all’elezione del suo sostituto il quale, lui sì, potrebbe mandare tutti a casa prima della fine della Legislatura.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube