Diritto e Fisco | Articoli

Nasce l’app gratuita sui prezzi della benzina

22 Maggio 2014
Nasce l’app gratuita sui prezzi della benzina

L’applicazione del ministero dello Sviluppo per smartphone e tablet con tutte le informazioni sul carburante, già disponibile sul sito dell’Osservatorio Carburanti.

Occorrerà un po’ di rodaggio perché vada a regime e non mancano le lacune ma l’iniziativa – garantire maggiore trasparenza agli automobilisti – potrebbe rivelarsi una buona idea. Ieri il ministero dello Sviluppo economico ha lanciato un’applicazione gratuita per conoscere e comparare i prezzi dei gestori dei carburanti durante il viaggio, da smartphone o tablet in versione per Android e iOS.

L’app, sviluppata con Unioncamere e Infocamere e disponibile sugli store Googleplay e iTunes, consentirà di individuare il punto di rifornimento più conveniente, con un sistema di icone colorate: il verde indicherà il prezzo più basso fino al rosso del prezzo più alto.

In sostanza si estendono sulle piattaforme mobili le informazioni già disponibili sul sito dell’Osservatorio prezzi carburanti (https://carburanti.mise.gov.it), frutto di un obbligo che risale alla legge sviluppo del 2009. Attraverso la app si potrà indicare il tipo di carburante, trovando i distributori presenti in un raggio di 5 chilometri in ordine di economicità di prezzo, con la possibilità di ottenere il percorso.

Le informazioni di geolocalizzazione sono disponibili al momento per l’85% degli impianti e vengono comunicate dal singolo gestore su base volontaria: per questo, avverte il ministero, potrebbero non essere precise. Ma il problema principale è la parziale adesione (almeno fino ad oggi) dei gestori.

Dopo un periodo di graduale applicazione, infatti, dal 16 settembre 2013 l’obbligo di comunicazione dei prezzi è operativo sull’intero territorio nazionale senza eccezioni.

Ma, anche per la mancata applicazione delle sanzioni, attualmente sulla piattaforma del ministero sono registrati 17.113 impianti su circa 24mila presenti in Italia: 480 sulla rete autostradale, 2.206 sulle statali e 14.427 sulle altre strade. Spicca inoltre una certa disomogeneità, se è vero che si va dall’88% di impianti iscritti in Trentino-Alto Adige al 53% della Calabria.

Per il sottosegretario Simona Vicari, che ha presentato l’iniziativa al ministero, ci potrà essere però un effetto positivo anche sul piano della concorrenza e dunque dell’adesione al sistema di monitoraggio. “L’obiettivo principale è rendere più trasparenti prezzi e servizi ma al tempo stesso mettiamo i vari esercizi commerciali in diretta competizione, stimolandoli a offrire prezzi più vantaggiosi”.


note

Autore immagine: 123rf. com

Fonte Sole24Ore


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube