Diritto e Fisco | Articoli

Quanto costa prendere la patente da privatista?

2 Novembre 2021 | Autore:
Quanto costa prendere la patente da privatista?

È economicamente più conveniente prendere la patente B presso la Motorizzazione civile che tramite un’autoscuola.

Se vuoi conseguire la patente B le alternative possibili sono due: iscriverti ad un’autoscuola oppure studiare in autonomia, occupandoti personalmente di tutte le pratiche burocratiche e sostenendo gli esami da privatista presso la Motorizzazione civile. In quest’ultima ipotesi, l’iter da seguire è sicuramente più lungo. Infatti, devi predisporre da te tutta la documentazione e nella preparazione non sei supportato da alcun istruttore ma il vantaggio economico è notevole. Quanto costa prendere la patente da privatista?

Il prezzo per prendere la patente da privatista si aggira attorno ai 450/500 euro, laddove il risparmio è legato soprattutto alle lezioni di teoria, le cui spese, in tal caso, sono totalmente azzerate. Per prepararti alla prova puoi studiare telematicamente, utilizzando il manuale patente online ed esercitandoti sull’app.

Per la prova pratica, invece, devi iscriverti ad un’autoscuola in quanto la legge [1] prevede 6 ore di guida obbligatorie da effettuare con un istruttore abilitato.

Non c’è invece alcuna differenza tra i due percorsi, da privatista oppure presso un’autoscuola, per quanto riguarda lo svolgimento degli esami. In entrambi i casi, devi superare un esame di teoria e, dopo aver ottenuto il rilascio del foglio rosa, devi affrontare la prova pratica.

Quanto costa prendere la patente B da privatista?

Le spese da sostenere per conseguire la patente B da privatista si possono così schematizzare:

  • 26,40 euro da versare sul conto corrente postale n. 9001 per l’iscrizione alla Motorizzazione civile;
  • 16,00 euro da versare sul conto corrente postale n. 4028 per l’esame di teoria;
  • 16,00 euro da versare sul conto corrente postale n. 4028 per l’esame di pratica;
  • 30,00 euro per il rilascio del certificato da parte del tuo medico curante. Si tratta comunque di un costo indicativo in quanto è possibile che il professionista richieda una somma maggiore;
  • 30,00/50,00 euro per il rilascio del certificato da parte del medico abilitato [2];
  • una marca da bollo da 16,00 euro da apporre sul certificato rilasciato dal medico abilitato.

Alle predette somme devi aggiungere i costi:

  • delle esercitazioni di guida obbligatorie, pari a circa 40,00 euro all’ora (almeno 6 ore x 40,00= 240,00 euro). Anche questa spesa può variare in aumento o in diminuzione a seconda dei casi;
  • delle fototessere, compresi tra i 5 euro e i 10 euro;
  • del materiale da studio, da 10 euro a 15 euro, se decidi di comprare qualche testo specifico.

In concreto, quindi, per prendere la patente da privatista puoi spendere all’incirca tra i 450 euro e i 500 euro. Invece, se ti iscrivi ad un’autoscuola, devi considerare gli ulteriori costi per le lezioni di teoria per cui, in tutto, puoi arrivare a pagare all’incirca a 700/750 euro.

Come si prende la patente B da privatista?

Per conseguire la patente B da privatista la prima cosa da fare è presentare l’apposita documentazione presso gli uffici competenti della Motorizzazione civile.

Più precisamente:

  • la domanda compilata su modulo TT2112, disponibile direttamente presso gli sportelli della Motorizzazione o scaricabile dal portale dell’automobilista;
  • un documento di riconoscimento in corso di validità e la sua fotocopia;
  • la fotocopia della tessera sanitaria attestante il codice fiscale;
  • 2 fotografie in formato tessera recenti;
  • il certificato medico con foto e con data non anteriore a tre mesi, rilasciato dal medico abilitato, e la fotocopia dello stesso. Per ottenere questo certificato al momento della visita devi presentare un altro certificato rilasciato dal tuo medico curante (cosiddetto certificato anamnestico), che indica le tue precedenti malattie;
  • il permesso o la carta di soggiorno, se sei un cittadino extracomunitario.

Contestualmente alla presentazione della predetta documentazione puoi prenotare la data per sostenere la prova teorica. Quest’ultima consiste nel compilare un questionario di 40 domande, alle quali devi rispondere “vero” o “falso”, potendo fare al massimo 4 errori, pena la bocciatura.

Se superi l’esame di teoria, ti viene rilasciato il foglio rosa, che ha una durata di 6 mesi, grazie al quale puoi iniziare ad esercitarti alla guida.

Nelle esercitazioni ti devi fare accompagnare da un tutor che sia dotato di specifici requisiti, ovvero deve essere in possesso di una patente di categoria B o di categoria superiore da almeno 10 anni e deve avere un’età non superiore a 65 anni.

Sul veicolo che utilizzi per le esercitazioni, devi apporre un contrassegno recante la lettera P (principiante), posizionato nella parte anteriore e posteriore, in maniera ben evidente e tale da non ostacolare la necessaria visibilità dal posto di guida e da quello occupato dalla persona che funge da accompagnatore.

Oltre alle esercitazioni di guida con il tuo accompagnatore, devi effettuare quelle obbligatorie di almeno 6 ore con un istruttore abilitato, che devono svolgersi nel seguente modo:

  • 2 ore, in condizioni di visione notturna (da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere), circolando su strade urbane strette e larghe, con veicoli parcheggiati ai lati e non, affrontando incroci regolati da segnaletica verticale e da impianti semaforici;
  • 2 ore, su strade urbane di scorrimento o su strade extraurbane secondarie, utilizzando il veicolo ed il motore a regime di coppia massima consumando e inquinando il minimo possibile;
  • 2 ore, su autostrade o strade extraurbane principali o strade extraurbane secondarie, superando la velocità di 50 km/h utilizzando la 5ª marcia e adeguando le marce alla velocità.

All’esito delle esercitazioni di guida obbligatorie, l’autoscuola ti rilascia un attestato di frequenza, con il quale puoi prenotare l’esame di pratica.

Durante la prova pratica, che viene effettuata su un veicolo dotato di doppi comandi, l’esaminatore può chiederti di eseguire diverse manovre quali ad esempio la retromarcia, il sorpasso, il parcheggio, l’arresto del veicolo, la partenza.

Superato l’esame, ti viene rilasciata la patente B.

Cosa succede in caso di bocciatura agli esami per la patente B?

Se vieni bocciato all’esame di teoria, puoi ripeterlo a distanza di 1 mese. In caso di bocciatura doppia, devi ripresentare la domanda d’iscrizione con i relativi allegati e i nuovi versamenti.

Anche se vieni bocciato all’esame di pratica puoi ripeterlo a distanza di un mese. Se non riesci a superare la prova neanche la seconda volta o se ti scade il foglio rosa senza avere sostenuto ancora un esame, non devi ripetere la prova pratica. In tal caso, puoi presentare un’altra domanda (domanda di riporto) alla Motorizzazione civile, allegando certificati medici più recenti e pagando nuovamente i bollettini postali. Tuttavia, la procedura di riporto è valida solo una volta. Ne consegue che se dopo il rilascio del nuovo foglio rosa, vieni bocciato per altre due volte alla prova pratica di guida, devi presentare un’ulteriore richiesta alla Motorizzazione civile e sostenere nuovamente l’esame di teoria.


note

[1] D.M. del 20.04.2012.

[2] L’accertamento dei requisiti fisici e psichici di idoneità alla guida e la redazione delle relative certificazioni ufficiali per il conseguimento della patente, devono essere effettuati dai medici abilitati previsti dall’articolo 119 del Codice della strada.

   


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube