Diritto e Fisco | Articoli

Scuola: maestra assolta se il bambino si fa male per violenza improvvisa

25 Maggio 2014
Scuola: maestra assolta se il bambino si fa male per violenza improvvisa

Se la dinamica dell’incidente è imprevedibile l’insegnante non è responsabile personalmente per le lesioni riportate dall’alunno.

La maestra non è responsabile se l’alunno si fa male durante la ricreazione a causa di una azione repentina di un compagno di classe. Lo ha detto la Cassazione in una recente sentenza [1].

La vicenda

Nel caso di specie, una bambina aveva fatto male a una compagna (con prognosi, per quest’ultima, di 35 giorni), perché, nel corso dell’intervallo, le aveva tirato il braccio per prendersi la merendina.

Quando la dinamica è imprevedibile

Non si può addebitare all’insegnante il reato di “lesioni colpose” per il danno subìto da un alunno quando la dinamica del sinistro sia imprevedibile. Sebbene, infatti, in determinati casi sia possibile evitare, a monte, qualsiasi rischio di incidente imponendo ai bambini di stare seduti al banco, di certo non si può comunque impedire ai giovani di socializzare durante le ore di ricreazione. Pertanto, in tali casi, non si vi è alcun omesso controllo da parte del maestro.

L’insegnante riveste quella che i giudici chiamano una “posizione di garanzia”: egli, cioè, ha l’obbligo di garantire che non si verifichino danni durante le ore in cui i bambini sono sotto la sua supervisione.

Tuttavia, quando dalla ricostruzione dell’episodio risulta che il danno si è verificato in modo del tutto accidentale e imprevedibile – per cui, anche volendo, il docente non avrebbe potuto evitarlo – non scatta la responsabilità penale.

In altre parole, bisogna verificare se una eventuale maggiore attenzione da parte del maestro avrebbe potuto impedire, a priori, la serie di eventi che ha portato all’incidente e alla lesione del bambino.


note

[1] Cass. sent. n. 21056/14 del 23.05.2014.

Autore immagine: 123rf . com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube