Diritto e Fisco | Articoli

Stato di necessità: come far annullare le multe in caso di urgenze

26 Maggio 2014 | Autore:
Stato di necessità: come far annullare le multe in caso di urgenze

Se porti un ferito in ospedale, ti senti male o hai un’altra urgenza, e sfori il limite di velocità, attraversi le Ztl o la corsia di emergenza, puoi chiedere al giudice l’annullamento della multa; importante lo stato di buona fede e l’aver commesso la violazione in situazione di emergenza anche presunta.

 

Quando viene contestata una violazione del Codice della strada e il destinatario del verbale ha commesso questa violazione perché si trovava in situazione di emergenza o grave pericolo per sé o per gli altri, la relativa multa può essere annullata, invocando il cosiddetto “stato di necessità”.

Lo stato di necessità è infatti una situazione che esclude la punibilità per la commissione di un reato; consiste in un comportamento che giustifica chi ha commesso un illecito penale o amministrativo, in quanto costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona [1]. Si pensi a chi, trasportando un ferito in ospedale, supera il limite di velocità previsto in un determinato tratto stradale e viene perciò fotografato da un autovelox, oppure transita, non autorizzato, in zona a traffico limitato; oppure a chi viene multato perché sosta in corsia di emergenza, essendosi dovuto improvvisamente fermare per un impellente bisogno fisiologico.

Ciò ovviamente a condizione che il comportamento illegittimo tenuto sia proporzionato al pericolo che si intende evitare: in parole povere, se io corro a 150 km/h violando il limite di 130 km/h, devo aver un motivo così valido che sia ‘superiore’ alla norma del Codice della strada infranta.

Documentando e provando quindi la situazione di emergenza, o pericolo in ragione del quale è stata commessa la violazione, il Giudice dovrà procedere all’annullamento del relativo verbale, dovendosi considerare esclusa l’illegittimità del fatto commesso.

La Corte di Cassazione e il Giudice di Pace hanno addirittura ritenuto, in materia, che non sia indispensabile provare che la violazione è avvenuta in quanto inevitabile per scongiurare il danno grave o pericolo invocato, essendo sufficiente indicare come la condotta stessa potesse anche solo fornire un contributo determinante al fine di evitare il danno [2].


note

[1] Art. 54 c.p. e art. 4 della Legge 24/11/1981 n. 689;

[2] Si vedano ad esempio: Cass., sent. n. 287/2005; Cass., sent. n. 5877/2004; Cass., sent. n. 9756/90; G.d.P. Prato, sent. del 06/02/2009; G.d.P. Taranto, sent. n. 537 del 15/02/2012.

Autore immagine: 123rf . com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube