Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimento ridotto se il terzo trasportato è consapevole del rischio

27 Maggio 2014
Risarcimento ridotto se il terzo trasportato è consapevole del rischio

Passeggero consapevole dell’alta velocità, risarcimento ridotto.

L’Assicurazione può ridurre il risarcimento del danno da versare al passeggero, terzo trasportato, in caso di un incidente stradale, nell’ipotesi in cui quest’ultimo semplicemente abbia accettato il rischio di viaggiare con un guidatore “ad altissimo rischio“, ossia con la consapevolezza che la “corsa” sarebbe stata ad elevata velocità.
Si basa su questo principio la sentenza di ieri della Cassazione [1]. Il principio non è nuovo negli incidenti stradali in genere (è applicato, per esempio, a chi non indossa la cinture), ma lo è nel caso in cui il danneggiato è consapevole che la circolazione avviene in condizioni in cui la comune prudenza sconsiglia di salire a bordo.
Nel caso su cui si è pronunciata la Cassazione, la vittima è deceduta in una gara clandestina, di cui aveva contezza in anticipo. Non risulta abbia concorso col conducente nella dinamica del sinistro, ma per la Corte ciò non conta.
La sentenza ribalta l’unico precedente specifico della Cassazione [2] relativa a una persona che accettò di viaggiare con un guidatore in evidente stato di ebbrezza.
Tutte le volte, dunque, in cui il terzo trasportato sale a bordo, consapevole dell’alta velocità che prenderà l’automobile e, così, accettando il rischio, il risarcimento che gli spetta in caso di incidente sarà ridotto. Egli, però, non sarà responsabile per eventuali reati conseguenti alla guida pericolosa, in ossequio al principio per cui la responsabilità penale è sempre personale (ossia di colui che ha commesso materialmente l’azione).

note

[1] Cass. sent. n. 11698/14.

[2] Cass. sent. n.  27010/2005.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube