Diritto e Fisco | Articoli

Quando va in prescrizione l’acqua?

19 Agosto 2021
Quando va in prescrizione l’acqua?

Bolletta dell’acqua non pagata: quando si prescrive il debito. 

Un nostro lettore ci chiede quando va in prescrizione l’acqua. 

Come noto, la prescrizione non è altro che il termine oltre il quale il creditore perde la possibilità di ottenere, dal giudice, una intimazione di pagamento nei confronti del debitore benché questi non abbia ottemperato al proprio obbligo. In buona sostanza, una volta avvenuta la prescrizione, il debitore è definitivamente libero da ogni adempimento. 

Ad avvalersi della prescrizione può quindi essere sia chi non ha pagato la bolletta dell’acqua, sia chi ha perso la relativa ricevuta di versamento: in entrambi i casi, infatti, basterà opporre, alla pretesa del creditore, l’avvenuto decorso dei termini per non subire alcuna conseguenza di tipo legale.

Il termine di prescrizione della bolletta dell’acqua è cambiato a partire dal 2 gennaio 2020. Vediamo allora, alla luce di ciò, quando va in prescrizione l’acqua.

Cosa comporta la prescrizione?

I debiti hanno tutti una “data di scadenza”. Il creditore può esigere il pagamento – e, in caso di inadempimento, rivolgersi a un giudice per ottenere la condanna del debitore – solo entro tempi predeterminati. Questi tempi, che variano a seconda del tipo di credito, si chiamano appunto «prescrizione».

Quando va in prescrizione la bolletta dell’acqua?

L’attuale termine di prescrizione della bolletta dell’acqua è di due anni. Lo stesso vale anche per la bolletta della luce e del gas.

Questo termine è mutato a partire dal 2 gennaio 2020. Prima di allora, la prescrizione era di cinque anni.

Sicché, tutte le bollette riferite a consumi anteriori al 2 gennaio 2020 continuano a prescriversi in 5 anni. Le bollette riferite ai consumi a partire dal 2 gennaio 2020 si prescrivono invece in 2 anni.

Il termine di prescrizione di 2 anni della bolletta dell’acqua si applica anche alle richieste di conguaglio: anch’esso si prescrive in 2 anni.

Come funziona la prescrizione?

La prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui il debito è dovuto: quindi, nel nostro caso, dalla scadenza della bolletta. 

La prescrizione può essere interrotta tuttavia da qualsiasi richiesta formale di pagamento spedita, da parte del creditore, con raccomandata a.r., pec o lettera consegnata a mano. Non hanno alcun valore le telefonate (anche quelle dei call center), le e-mail ordinarie o le lettere semplici.

Se interviene un atto di interruzione della prescrizione, il decorso del termine si interrompe e inizia a decorrere nuovamente da capo. Ad esempio, se l’utente riceve, a gennaio 2022, un sollecito di pagamento per una bolletta riferita a gennaio 2021, la prescrizione si compirà solo a gennaio 2024, ossia due anni dopo l’atto interruttivo.

Vale a interrompere la prescrizione anche un riconoscimento del debito da parte del debitore, sia esso esplicito o implicito. Ad esempio, una contestazione dell’entità del debito, dei sistemi di calcolo della fattura, o anche una semplice richiesta di rateazione non fa altro che ammettere l’esistenza del debito e, dunque, interrompe la prescrizione. 

Ricevute di pagamento delle bollette: per quanto tempo conservarle?

Poiché, una volta intervenuta la prescrizione, ogni iniziativa giudiziaria del creditore è destinata a fallire, il debitore può limitarsi a conservare le ricevute di pagamento solo per due anni, tanti quanti sono necessari per compiere la prescrizione. Non è invece necessario conservare le bollette nel caso di domiciliazione bancaria: difatti, in tale ipotesi, la prova del pagamento è data dalla documentazione bancaria, di per sé sufficiente a dimostrare l’adempimento.

Acqua caduta in prescrizione: come contestare?

Se l’utente dovesse ricevere una richiesta di pagamento di una bolletta dell’acqua ormai prescritta dovrà comunque procedere alla formale contestazione, non potendo limitarsi a non pagare (diversamente, scaduti i termini per la difesa giudiziale, il debito sarà ugualmente dovuto).

A tal fine, l’utente dovrà innanzitutto inviare una contestazione scritta alla società fornitrice. Dopodiché, dovrà promuovere un tentativo di composizione bonaria tramite l’Autorità Garante Arera (il tutto tramite una procedura online che non richiede l’assistenza legale ed è completamente gratuita). Infine, in caso di naufragio di tale esperimento, potrà ricorrere al giudice di pace tramite un avvocato. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Quindi, i cittadini di un comune che hanno ricevuto l’ultima fattura il 31gennaio 2016 e che dal 17giugno 2016 il comune vieta l’utilizzo dell’acqua a scopi potabili (acqua NON POTABILE, quindi!) ed a tutt’oggi non revocata, come si dovranno comportare quando e se il gestore del S.I.I., dovesse emettere le fatture arretrate (dal 01022016 ad oggi)? Sono già andate in prescrizione, giusto? Grazie

    1. Nei contratti di fornitura del servizio idrico, si applica la prescrizione biennale a partire dal 2 gennaio 2020, mentre prima il termine di prescrizione era di cinque anni. Ricordiamo che la prescrizione inizia a decorrere dalla scadenza della bolletta. Per sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione dei professionisti del nostro network, richiedi una consulenza cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube