Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimenti automatici dalle assicurazioni per i premi troppo alti

28 maggio 2014


Risarcimenti automatici dalle assicurazioni per i premi troppo alti

> Diritto e Fisco Pubblicato il 28 maggio 2014



Consumatori: sufficiente produrre al giudice il provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) per ottenere il ristoro sulle maggiorazioni di polizza.

Poche ore fa una sentenza della Cassazione [1] ha dato una seria “botta” alle assicurazioni, stabilendo, in favore dei consumatori, un principio di portata senza precedenti. Tutte le compagnie Rc auto multate dall’Antitrust nel 2000 a causa del “grande cartello” che aveva determinato prezzi di polizza più elevati di quelli di mercato, sono tenute a indennizzare i propri clienti. Questi ultimi, in caso contrario, possono ricorrere al giudice, intraprendendo un giudizio, senza però dover dimostrare alcunché: dovranno limitarsi a produrre in giudizio – ed è questa la portata innovativa della sentenza –il semplice provvedimento dell’Agcm di condanna delle compagnie (facilmente reperibile). Quest’ultimo viene considerato dalla Suprema Corte una “prova privilegiata” con una elevata attitudine a dimostrare non solo la condotta anticoncorrenziale da parte dell’assicurazione, ma anche il danno ai consumatori.

Fatto ciò, il consumatore avrà assolto all’onere della prova a suo carico. Sarà poi la Compagnia Rc auto, se vuol evitare la condanna, a dover documentare che l’illecito anti-concorrenziale da essa posto in essere non si è riversato, concretamente, in un danno per il proprio cliente. L’assicurazione potrebbe provare che l’aumento del premio è stato dovuto a fattori estranei al cartello, come la crisi economica o la propensione ai sinistri.

Se tale dimostrazione non viene assolta, l’assicurazione sarà tenuta a pagare il risarcimento del danno.

 

Come fornire la prova del danno?

Se il consumatore è nella difficoltà di quantificare, con esattezza, il danno subìto per via del cartello, potrà anche chiederne la liquidazione “in via equitativa (criterio a cui si fa riferimento quando non sia possibile provare l’esatto ammontare della perdita subita).

In questo modo, si potrà ottenere la liquidazione del danno in una percentuale del premio pagato.

Presunzione di danno

Niente da fare, dunque, per le principali compagnie Rc auto multate dall’Agcm per lo scellerato cartello a scapito degli automobilisti.

Secondo la Cassazione è legittimo giungere a una sentenza di condanna al risarcimento del danno sulla base di una semplice presunzione: ossia che l’intesa anticoncorrenziale abbia determinato un aumento generalizzato del premio di tutte le polizze. Da ciò dovrà poi desumersi, in via automatica, l’esistenza del danno a carico del singolo assicurato, benché invece l’aggravio potrebbe non essersi verificato in concreto.

Il cartello sanzionato nel lontano 2000 aveva determinato la realizzazione, da parte di tutte le compagnie, di condizioni di polizza stardard e particolarmente onerose, mediante “contratti di massa” sottoposti ai consumatori e da questi ultimi firmati senza poterne modificare i contenuti. Contenuti che, appunto, risultavano sostanzialmente uguali per ogni assicurazione. Una intesa contraria alla libera concorrenza, al solo scopo di incrementare i profitti da parte delle compagnie.

La Cassazione però non si limita qua. La “presunzione” di danno è, infatti, doppia: da un lato l’esistenza del danno stesso, dall’altro il suo ammontare, che potrà essere determinato in via equitativa (cioè in base a quanto appare giusto al giudice) anche in assenza di una precisa prova sul punto.

Quali compagnie?

Tra le compagnie multate nel 2000 figurano Ras, Sai, Generali, Lloyd Adriatico, Winterthur, Milano, Unipol, Fondiaria, Axa e Toro.

La questione – è bene sottolinearlo – si pone per quanti hanno inviato, in questi anni, richieste di pagamento interrompendo così i termini di prescrizione, poiché, diversamente, la richiesta di indennizzo verrebbe respinta dal giudice.

note

[1] Cass. sent. n. 11904/14 del 28.05.14. Cfr. anche Cass. ord. n. 5327/13.

Autore immagine: 123rf . com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

6 Commenti

  1. Scusi ma trattandosi di premi assicurativi relativi agli anni prima del 2000, il diritto di richiedere il risarcimento non è ormai prescritto?

    1. @Sara: per chi intraprende oggi il giudizio, il rischio prescrizione sarebbe evidente. Ma in molti, all’indomani della multa dell’Antitrust, hanno inviato atti interruttivi con richiesta di risarcimento. In tal caso il termine comincia a decorrere nuovamente dalla data della richiesta.

  2. Sono lino, vorrei sapere visto che ho avuto come assicurazione per 5 anni dal 2008 al 2013 la MAA per 2 auto posso chiedere alla MAA il risarcimento?
    Vi ringrazio per la Vostra eventuale risposta.
    Nel caso fosse si come faccio a richiedere il risarcimento.
    Distinti Saluti
    lino

  3. gentili signori,
    grazie per il vostro articolo, ma vorrei capire una cosa.
    Mi sembra di capire che il diritto non sia applicabile a chi non ha scritto alle assicurazioni nel 2000.
    Fosse così, sarebbe un’ingiustizia: se reato è stato commesso e pertanto sono condannate, devono risarcire tutti i raggirati dal cartello, a prescindere se hanno scritto o no.
    Potete darmi delucidazioni in merito, ed a seguito di queste vedrò che fare, in quanto io non scrissi all’epoca dell’inizio dell’indagine contro le assicurazioni.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI