HOME Articoli

Lo sai che? Se passa il divorzio breve che succede a chi si è separato da poco?

Lo sai che? Pubblicato il 29 maggio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 maggio 2014

Mi sono separata lo scorso anno e pertanto non sono ancora passati i tre anni per il divorzio: se passa la legge sul divorzio breve, posso chiedere anche io il divorzio entro sei mesi?

Proprio oggi la Camera dei Deputati ha approvato la proposta di legge sul divorzio breve che riduce i tempi dello scioglimento del matrimonio. In pratica, l’attuale termine di tre anni scende a:

6 mesi per chi, trovando un accordo, intende procedere con un divorzio consensuale;

12 mesi per chi, invece, intraprende il percorso del divorzio giudiziale (in tal caso, il termine decorre dalla notifica del ricorso).

In entrambi i casi, il termine resta lo stesso anche in presenza di figli.

In tali casi, la comunione dei beni si scioglie già quando il giudice della separazione autorizza i coniugi a vivere separati o al momento di sottoscrivere la separazione consensuale.

Per maggiori dettagli sulla nuova legge si rinvia all’articolo: “Divorzio con sei mesi di separazione”.

Nessun dubbio, dunque, che tale riforma si applicherà di certo a tutte le separazioni successive a quando il testo sarà approvato anche dal Senato e, quindi, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale (o meglio, dopo 15 giorni dalla suddetta pubblicazione).

Che succede, invece, per chi si è già separato e, ciononostante, non sono ancora decorsi gli attuali tre anni per chiedere il divorzio? Se il testo dovesse essere confermato, il divorzio breve sarà operativo anche per i procedimenti in corso. In altre parole, sia nell’ipotesi in cui si sia già presentata la domanda di separazione, sia nell’ipotesi in cui la sentenza di separazione sia già intervenuta, gli ex coniugi potranno avvantaggiarsi dei nuovi e più brevi termini. Infatti, sembra che la riforma debba essere considerata avente effetti retroattivi.

I punti chiave

TEMPI BREVI

Basteranno 6 mesi per divorziare. O, al più tardi, 12. La Camera ha approvato ieri, con un ampio consenso, il disegno di legge che taglia i tempi della separazione dagli attuali 3 anni. I 6 mesi saranno sufficienti in caso di separazione consensuale; altrimenti, se manca un’intesa tra i coniugi, sarà necessario un anno. Il decorso inizia sempre dalla notifica della domanda

DIVISIONE RAPIDA

Il disegno di legge che ora passa al Senato, dal quale è atteso un sì in tempi stretti, prevede anche l’anticipo del momento in cui scatta la divisione dei beni. Ora il presupposto è la pronuncia definitiva di separazione, mentre in futuro la domanda che scioglie la comunione verrà presentata insieme a quella di separazione oppure di divorzio

ORDINANZA AMPIA

Nel testo trova posto anche un chiarimento sul fatto che l’ordinanza del presidente del tribunale con la quale si prendono misure urgenti nell’interesse di figli e coniugi conserva efficacia anche dopo l’estinzione del processo (fino a nuove disposizioni) anche in materia di cessazione degli effetti civili o per lo scioglimento del matrimonio

SUBITO IN VIGORE

L’ultimo articolo interviene per chiarire la fase transitoria di applicazione delle novità. Viene così puntualizzato che la riduzione dei tempi di proposizione della domanda di divorzio si applica alle domande proposte dopo la data di entrata in vigore del provvedimento, anche in caso di pendenza, alla stessa data, del procedimento di separazione

note

Autore immagine: Matilde Pappalardo www arpadloppa blogspot it


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Se sono gia separato da 4 anni e ancora nn ho ottenuto il divorzio in questo caso con la nuova legge il divorzio va in automatico???

  2. Stessa situazione di Salvatore, anche se io sono separato consensualmente dal 2009 e vivo in Spagna, cosa bisogna fare e quanto tempo bisogna attendere?

  3. io non sono sposato, convivo da 12 anni, ho due figli, se fossi stato sposato quasi sicuramente 4 anni fa mi sarei separato e con la vecchia normativa sarei anche separato, e non esisterebbe il mio secondo figlio… secondo me il problema (perchè esiste un problema…) non va affrontato modificando la durata per il divorzio (che può anche essere di 6 mesi…) ma va educata la coppia a superare le crisi … e il mio unico pensiero non è il tempo necessario per il divorzio ma se sarò in grado di superare la prossima crisi… che sicuramente arriverà… perchè fa parte della vita!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI