Diritto e Fisco | Articoli

Pensione notai

29 Agosto 2021 | Autore:
Pensione notai

Quali trattamenti pensionistici possono ottenere i notai: pensione diretta, di vecchiaia, di anzianità, per inabilità alla professione.

I notai sono iscritti alla Cnn, la Cassa nazionale del notariato: l’ente, privatizzato in forma di associazione dal 22 settembre 1995, è un’associazione senza scopo di lucro e non commerciale, che svolge attività previdenziali ed assistenziali a favore dei notai e dei loro familiari. Nel dettaglio, sono iscritti d’ufficio alla cassa, senza bisogno di inviare un’apposita domanda, tutti i notai che esercitano la professione, dal momento dell’iscrizione a ruolo. Ma, in merito alla pensione notai, quali trattamenti sono erogati dalla cassa?

La Cnn riconosce la pensione diretta o di anzianità, la pensione di vecchiaia in regime di cumulo o totalizzazione, la pensione di anzianità in regime di totalizzazione, la pensione anticipata in regime di cumulo, la pensione di inabilità, la pensione speciale e la pensione indiretta.

Il sistema previdenziale del notariato è fondato sulla mutualità e, in particolare, sulla tutela della funzione pubblica del notaio e sui tratti distintivi della categoria, caratterizzati dal principio di uguaglianza. In buona sostanza, in merito alle pensioni, l’aspetto solidaristico prevale sulla valutazione della posizione individuale.

Pensione diretta

La Cassa nazionale del notariato riconosce agli iscritti, innanzitutto, la pensione diretta. Nello specifico, ha diritto alla pensione diretta, o di anzianità, il notaio che cessa dall’esercizio dell’attività:

  • al compimento dei 75 anni, purché abbia esercitato per almeno 20 anni la professione di notaio;
  • dopo 35 anni di esercizio dell’attività, di cui 30 anni devono essere di lavoro effettivo ed i restanti 5 possono:
    • essere riscattati o ricongiunti in base alla normativa vigente in materia;
    • derivare dal riconoscimento di anzianità convenzionali in base ad altre disposizioni di legge;
  • dopo 30 anni di lavoro effettivo, purché abbia compiuto i 67 anni d’età.

La pensione ha decorrenza dal giorno successivo a quello in cui il provvedimento di cessazione è divenuto definitivo.

Pensione di inabilità

I notai iscritti alla Cassa possono anche ottenere una pensione per inabilità assoluta e permanente all’esercizio dell’attività, indipendentemente dagli anni di lavoro effettivi [1].

Il notaio si ritiene inabile all’esercizio dell’attività quando risulta invalido a causa di infermità o lesioni organiche o funzionali permanenti, tali da determinare un’assoluta incapacità all’esercizio della professione, accertata, su richiesta dell’interessato, anche prima della cessazione dell’attività.

L’inabilità è accertata, dietro disposizione del Comitato esecutivo, attraverso una visita di un medico designato dal Comitato stesso, a meno che, in base alle informazioni o ai documenti prodotti, lo stato di inabilità non risulti comprovato.

Il medico incaricato di eseguire la visita redige una relazione nella quale dichiara se, secondo le condizioni di salute riscontrate, il notaio risulti inabile all’esercizio della professione in modo assoluto e permanente.

Eventualmente, se il Comitato esecutivo lo ritiene necessario, può essere disposta un’ulteriore visita di revisione, eseguita, a spese della Cassa, da un collegio di tre medici scelti dal Comitato stesso.

Il notaio può farsi assistere, per gli accertamenti sanitari, da un medico di sua fiducia.

La pensione di inabilità è calcolata sulla base dell’anzianità di esercizio/contributiva maturata; l’importo minimo è comunque rapportato a 10 anni di attività.

Pensione speciale

Ha diritto alla pensione speciale il notaio iscritto alla Cnn che, a causa di infermità o lesioni dipendenti da fatti inerenti all’esercizio della professione (anche come concausa), abbia subito menomazioni dell’integrità personale [2].

La pensione speciale è liquidata qualora le menomazioni abbiano reso il notaio assolutamente e permanentemente inabile all’esercizio della professione.

L’importo della pensione è determinato in misura pari al trattamento spettante ai notai che esercitino ininterrottamente la professione fino al raggiungimento del limite di età massimo.

Pensione in regime di totalizzazione

I notai che possiedono contributi previdenziali presso gestioni diverse, oltreché nella Cassa del notariato, possono ottenere la pensione in regime di totalizzazione dei contributi, cioè sommando i versamenti presenti in fondi differenti ai fini del diritto alla pensione. Ai fini dell’importo del trattamento, ciascuna cassa calcola la quota di propria competenza.

La pensione in totalizzazione [3], nel dettaglio, può essere ottenuta:

  • come pensione di vecchiaia, con un minimo di 66 anni di età (requisito valido sino al 31 dicembre 2022) e almeno 20 anni di contributi complessivi non coincidenti, conteggiati tra tutte le casse di previdenza, previa attesa di una finestra di 18 mesi che parte dalla maturazione dell’ultimo requisito;
  • come pensione di anzianità, con un minimo di 41 anni di accrediti complessivi non coincidenti, tra le gestioni previdenziali coinvolte nell’operazione, previa attesa di una finestra di 21 mesi; non è previsto alcun requisito minimo di età.

Attraverso la totalizzazione, a determinate condizioni, si può anche ottenere la pensione d’inabilità o ai superstiti.

La pensione in totalizzazione è calcolata col sistema contributivo previsto per le casse professionali [4], a meno che il periodo di iscrizione e contribuzione alla Cnn non risulti uguale o superiore a quello minimo per il conseguimento della pensione di vecchiaia- diretta. In quest’ultimo caso, il sistema di calcolo interamente contributivo non si applica.

L’assegno pensionistico è liquidato dall’Inps, anche per la quota di competenza della cassa professionale.

Pensione in regime di cumulo

Se il notaio iscritto alla Cnn desidera sommare gratuitamente i contributi accreditati presso la cassa professionale con quelli presenti in altre gestioni, può ottenere la pensione non solo attraverso la totalizzazione, ma anche tramite il regime del cumulo [5].

In particolare, il notaio può ottenere la pensione di vecchiaia in regime di cumulo con 20 anni di contributi complessivi- non coincidenti-e 67 anni di età (requisito valido per tutti, uomini e donne, sino al 31 dicembre 2022), come confermato dall’Inps [6].

Tuttavia, al perfezionamento di questi requisiti, l’iscritto può ottenere la sola quota di pensione maturata presso le gestioni Inps: la quota di pensione di competenza della Cassa notariato, invece, viene liquidata solamente al compimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia dal regolamento di previdenza della Cnn.

La Cassa può inoltre riconoscere all’iscritto la pensione anticipata in regime di cumulo nel caso il notaio, tra tutte le gestioni previdenziali, possieda un minimo di 42 anni e 10 mesi di contributi non coincidenti, 41 anni e 10 mesi se donna, 41 anni di contributi se lavoratore precoce rientrante in particolari categorie agevolate.

Al requisito contributivo, che resterà tale sino al 2026, si applica una finestra di attesa pari a 3 mesi.

Per quanto riguarda il calcolo della pensione in cumulo, relativo alla quota a carico della Cassa notariato, sono applicate le previsioni ordinarie del Regolamento per l’attività di previdenza e solidarietà.

La pensione, come avviene per la totalizzazione, è liquidata dall’Inps unitariamente.

Attraverso il cumulo, a determinate condizioni, è possibile ottenere la pensione d’inabilità o ai superstiti.


note

[1] Art. 25 del Regolamento per l’Attività di Previdenza e Solidarietà Cnn.

[2] Ascrivibili ad una delle categorie delle tabelle annesse alla L. 313/1968 e succ. mod.

[3] D.lgs. 42/2006.

[4] Art. 4, Co. 3 e 5, D.lgs. 42/2006.

[5] Art.1, co. 239 e ss. L. 228/2012, come modificata dalla L. 232/2016.

[6] Circ. Inps 60/2017; Circ. Inps 140/2017.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube