Diritto e Fisco | Articoli

POS non installato: cosa rischia il professionista se il cliente chiede di pagare con carta?

2 Giugno 2014
POS non installato: cosa rischia il professionista se il cliente chiede di pagare con carta?

La legge ha istituito un obbligo, a richiesta del cliente, ma non sanzionato: se il cliente rifiuta di pagare con altre modalità il credito del commerciante o professionista permane e il primo si considera inadempiente.

È diventato ormai un tormentone quello del cosiddetto obbligo di “Pos” istituito da una legge del 2012 [1] e che diverrà operativa il prossimo 30 giugno. Si è detto molto a riguardo cosicché, all’alba della “deadline”, è giunto il momento di fare il punto della situazione.

La nuova norma stabilisce che tutti i soggetti che effettuano attività di vendita di prodotti (negozi, anche ambulanti, ecc.) o prestazioni di servizi professionali (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro, medici, ecc.) saranno obbligati ad accettare anche pagamenti attraverso carte di debito.

Quindi, il cliente, sia esso persona fisica o impresa, soggetto IVA o privato cittadino, potrà richiedere di effettuare il pagamento – oltre che in contanti (ma solo per importi fino a 999,99 euro) – con assegni o con bonifico con carte di debito (bancomat); con l’ esclusione, in sostanza, delle carte di credito.

La nuova norma, dunque, non fa altro che introdurre una nuova modalità di pagamento, a scelta del cliente/debitore: tale modalità, però, potrà essere pretesa solo per pagamenti superiori a 29,99 euro.

Tuttavia, tanto la Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro quanto il Consiglio Nazionale Forense concordano su una cosa: se il professionista non ha il POS non subisce alcuna sanzione. Il che – di fatto – priva di ogni utilità la nuova norma. È diritto del committente, dunque, richiedere il pagamento con il cosiddetto POS, ma nulla succede se il negozio o lo studio ne è sprovvisto.

Ma non è tutto. Se, ciononostante, il cliente continua a pretendere di pagare con carta di debito, rifiutando di eseguire il versamento con le altre modalità, egli resta inadempiente sul piano contrattuale. Contro di lui, pertanto, il creditore potrà adire le vie legali, attivando le misure di recupero del credito per come previste dalla normativa.

Restano immutati, dunque, i metodi di pagamento previsti dalla normativa vigente (assegni, bonifici, contanti nei limiti previsti).

Per comprendere cosa potrebbe accadere in ipotesi di rifiuto ad accettare pagamenti con carta di debito, è intervenuto il CNF: con una recente circolare ha sottolineato che la disposizione qui esaminata introduce un “onere”, piuttosto che un “obbligo giuridico”, ed il suo campo di applicazione è necessariamente limitato ai casi nei quali saranno i clienti a richiedere al professionista di poter saldare tramite di carta di debito.
Nessuna sanzione viene comunque prevista in caso di diniego di accettare il pagamento tramite carta di debito.

La mancata installazione del POS non produce, dunque, un inadempimento sanzionabile né tantomeno una perdita del credito; bensì obbligherebbe il professionista ad attivare le misure di recupero del credito coattivo.


note

[1]  Art. 15, d.l. 18 ottobre 2012, n. 179 (convertito in l. n. 221/2012).

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

APPROFONDIMENTI

2 Giu 2014 | di Alessandro Marescotti

I nuovi POS senza costi fissi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube