Diritto e Fisco | Articoli

Illegittimo il vincolo di destinazione puro: non tutela i creditori

2 Giugno 2014
Illegittimo il vincolo di destinazione puro: non tutela i creditori

Necessaria sempre la presenza di un altro contratto o atto a cui il vincolo di destinazione deve collegarsi, per evitare che esso si risolva in un atto in frode ai creditori.

Il nuovo vincolo di destinazione previsto dal Codice civile [1] è – come abbiamo già spiegato nelle pagine di questo portale – un sistema volto a  sottrarre un determinato immobile (o mobile registrato) dalle aggressioni dei creditori per destinarlo, invece, al soddisfacimento di un interesse “meritevole di tutela” del titolare del bene stesso.

Tuttavia tale strumento non deve risolversi in un facile espediente per evitare di pagare i propri debiti. Proprio per arginare le frodi ai creditori, una recente ordinanza del tribunale di Reggio Emilia [2] ha precisato che il vincolo di destinazione su determinati beni del debitore non può essere istituito se non è collegato a un altro “negozio giuridico” dotato di autonoma causa. Il che, in parole più semplici, significa che, per rendere lecito il vincolo, è necessario che esso sia giustificato da autonome ragioni; al contrario, è inammissibile il “negozio destinatorio puro” in quanto contrario alla responsabilità patrimoniale del debitore.

La vicenda

Un padre aveva disposto un vincolo di destinazione su un proprio bene a favore della figlia fino al quarantesimo anno di quest’ultima. Il Tribunale, però, ha dichiarato tale vincolo inefficace nei confronti della banca e quindi ha ritenuto pignorabile il bene “vincolato”.

Secondo i giudici, la norma che consente il vincolo di destinazione va interpretata in modo restrittivo, per non svuotare di significato il principio giuridico secondo cui “ogni soggetto risponde delle proprie obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri” [3].

In base a questa interpretazione, dunque, il vincolo di destinazione non può essere istituito dal titolare del bene con un atto di destinazione “puro”: affinché il vincolo “regga” occorre che esso sia in qualche misura collegato a un qualche altro contratto o atto (ad esempio: una donazione da padre a figlio, con contestuale istituzione del vincolo sul bene entrato per donazione nel patrimonio di quest’ultimo), dotato di una propria autonoma giustificazione.

Le argomentazioni del Tribunale (forse influenzato dal maldestro tentativo di proteggere il patrimonio dai creditori) appaiono, però, poco convincenti. Il codice civile [1], infatti, non dice nulla a riguardo: la norma richiede solo che vi siano “interessi meritevoli di tutela”: se essi sussistono, il vincolo di destinazione può essere opponibile ai terzi.

Al contrario, il vincolo soccombe alle pretese dei creditori – che pertanto potranno pignorare ugualmente il bene “vincolato” – se gli interessi meritevoli di tutela non sussistono; ma, se sussistono, la consistenza del vincolo non può essere messa in forse dall’assenza di presupposti che la legge non richiede.

In ogni caso,  ricordiamo che anche il vincolo di destinazione è suscettibile di azione revocatoria nei primi cinque anni dall’istituzione.


note

[1] Art. 2645-ter cod. civ.

[2] Trib. Reggio Emilia, ord. del 12.05.2014.

[3] Di cui all’articolo 2740 cod. civ.

Autore immagine: 123rf . com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube