HOME Articoli

Lo sai che? Ipoteca taciuta: quando il notaio è responsabile

Lo sai che? Pubblicato il 23 gennaio 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 23 gennaio 2012

Il notaio che ha taciuto l’esistenza di un’ipoteca sull’immobile deve risarcire il cliente solo se questi subisce un danno effettivo.

In caso di vendita di un immobile ipotecato, il notaio che omette di riferire ai clienti che l’ipoteca si estende anche al box non deve automaticamente risarcire il danno.

Sulla scrivania della Corte di Cassazione è stato portato il caso di un notaio negligente citato dai suoi clienti per non averli informati, al momento del rogito, che l’ipoteca, già presente sull’immobile, si estendeva anche al box auto. Gli acquirenti, dunque, non avevano esitato a pretendere dal professionista il risarcimento del danno.

La Corte di Cassazione [1], conformandosi alle sue precedenti pronunce [2], ha tuttavia riconosciuto la sussistenza e la risarcibilità del danno solo quando, dall’errore del professionista, derivi con sufficiente probabilità un danno reale ed effettivo al cliente.

 



note

[1] Cass., sent n. 546/12.

[2] Cass. sentt. n. 6123/00, n. 13957/05 e n. 264/06 come parzialmente rivisitata da Cass. sent. n. 10072/10.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Dopo aver letto con attenzione la sentenza qui commentata e per la miliardesima volta il codice civile, mi siano permesse alcune osservazioni.

    [1.] Il risarcimento del danno non avviene mai «automaticamente». Avviene mediante la prova delle conseguenze patrimoniali sofferte, come danno emergente o lucro cessante.

    [2.] Questa prova non è stata raggiunta né in primo né in secondo grado.

    [3.] La Cassazione, applicando le norme del codice civile in tema di risarcimento del danno contrattuale, ha rinviato alla corte d’Appello di Roma in diversa composizione per nuovi accertamenti di merito, che tengano conto dei «limiti» stabiliti nella sentenza e nelle precedenti sentenze 6123 | 2000, 13957 | 2005, 264 | 2008 (non: 2006), 10072 | 2010.

    [4.] Finché la corte d’Appello non deciderà, non è dato sapere se il notaio è responsabile e in quale misura.

    [5.] Il problema è semmai questo: ma il Tribunale e la corte d’Appello lo conoscevano o non lo conoscevano il codice civile?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI