Diritto e Fisco | Articoli

Niente TFR alla moglie divorziata se l’ex marito lavora ancora

22 Giugno 2014
Niente TFR alla moglie divorziata se l’ex marito lavora ancora

Il coniuge titolare dell’assegno ha diritto alla all’attribuzione del trattamento di fine rapporto solo quando questo risulti ormai maturato.

La moglie divorziata non può pretendere la propria quota del Tfr dell’ex marito se quest’ultimo non ha ancora terminato il proprio rapporto di lavoro. Solo dopo che sarà maturata, a tutti gli effetti, l’indennità di fine rapporto per l’uomo, la donna – titolare dell’assegno divorzile – potrà pretendere l’attribuzione dell’esatta quota a lei spettante.

A dirlo è stato il tribunale di Milano con una recente sentenza [1].

Secondo il giudice meneghino, nel corso del giudizio di divorzio, il giudice che attribuisce alla donna l’assegno divorzile deve rigettare la richiesta di attribuzione della quota di TFR dell’uomo se quest’ultimo è ancora lavoratore dipendente.

Infatti, in tale ipotesi, non si è ancora verificato il presupposto per ottenere la percezione del Tfr, ossia la cessazione del rapporto di lavoro. È solo da questo momento che – salvo vi sia già un accordo tra le parti – il giudice dovrà valutare i presupposti per l’attribuzione (in relazione agli anni di matrimonio) alla ex moglie della esatta quota a lei riservata dalla legge [2] sul trattamento di fine rapporto dell’uomo.  Ogni domanda anteriore a tale momento deve ritenersi, quindi, inammissibile.

La legge [2] stabilisce che il diritto alla quota di Tfr spetta al coniuge titolare di assegno divorzile anche se l’indennità viene a maturare dopo la sentenza di divorzio. Il che significa che tale domanda può essere sempre fatta valere in un momento successivo al divorzio stesso, ma non già prima che il diritto al TFR maturi per il lavoratore.


note

[1] Trib. Milano, sent. n. 10474/14.

[2] Art. 12 bis della 898/70.

Autore immagine: 123rf . com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube