Diritto e Fisco | Articoli

Unione civile: obbligo comunicazione a lavoro?

2 Ottobre 2021
Unione civile: obbligo comunicazione a lavoro?

Io e il mio compagno siamo in procinto di contrarre unione civile. La mentalità nel mio Paese è alquanto retrograda e bigotta. Attualmente, siamo entrambi celibi. Sono obbligato a comunicare al mio datore di lavoro il mio nuovo stato?

Lei non è obbligato a comunicare l’intervenuta unione civile al datore di lavoro, in quanto dato sensibile non richiesto dalla legge e non funzionale all’attività lavorativa che presta presso la struttura pubblica.

Tuttavia, la mancata comunicazione comporta per Lei la perdita dei benefici del congedo matrimoniale, secondo cui i novelli coniugi hanno diritto ad un periodo retribuito di astensione dal lavoro.

Così come confermato dalla Corte di Giustizia, l’art. 2, par. 2, lett. a), della direttiva 2000/78/Ce, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, deve essere interpretato nel senso che esso osta a una disposizione di un contratto collettivo a termini della quale a un lavoratore dipendente unito in un patto civile di solidarietà con una persona del medesimo sesso sono negati benefici — segnatamente giorni di congedo straordinario e premio stipendiale — concessi ai dipendenti in occasione del loro matrimonio, quando la normativa nazionale dello Stato membro interessato non consente alle persone del medesimo sesso di sposarsi, allorché, alla luce della finalità e dei presupposti di concessione di tali benefici, detto lavoratore si trova in una situazione analoga a quella di un lavoratore che contragga matrimonio (Corte giustizia UE, sez. V, 12/12/2013, n. 267).

Pertanto, il congedo matrimoniale, seppur inizialmente previsto per il matrimonio tradizionale, ad oggi, deve essere concesso anche alle unioni civili, equiparate – in tutto e per tutto – ai matrimoni concordatari.

A ciò, potrebbero aggiungersi altri potenziali diritti:

  • indennità previste dagli artt.2118 (indennità sostitutiva del preavviso) e 2120 (trattamento di fine rapporto) del c.c., in caso di morte del prestatore di lavoro, da corrispondersi al partner dell’unione civile;
  • in caso di scioglimento dell’unione civile, diritto del partner titolare dell’assegno di mantenimento a percepire il 40% del TFR maturato dall’altra parte, in caso di cessazione del rapporto di lavoro;
  • assegni per il nucleo familiare, in quanto nucleo familiare composto dalla coppia unita civilmente;
  • rendita Inail in caso di morte del lavoratore per infortunio sul lavoro nonché pensione indiretta o di reversibilità in caso di morte del pensionato o del lavoratore assicurato;
  • permesso di 3 giorni per gravi motivi familiari che può essere concesso in caso di decesso o di comprovata grave infermità del coniuge;
  • tre giorni di permesso per assistere il coniuge con handicap in situazione di gravità;
  • congedo straordinario della durata massima di due anni, per assistere il coniuge con handicap in situazioni di gravità accertata;
  • facoltà di revocare il consenso alle clausole elastiche e diritto di trasformare il rapporto a part time per assistere il partner affetto da patologie oncologiche;
  • non concorrenza a formare il reddito dei compensi corrisposti dall’imprenditore/altra parte dell’unione civile; tali compensi non possono essere dedotti dal reddito dell’imprenditore;
  • detrazioni fiscali previste per il coniuge a carico;
  • agevolazioni e benefici previsti dal welfare aziendale: considerando che queste norme richiamano i familiari indicati nell’art.12 Tuir, si può dedurre la possibilità di estendere al partner di una coppia unita tramite unione civile, anche se non fiscalmente a carico, le agevolazioni in tema di servizi di istruzione, ricreazione, assistenza sociale o sanitaria, che fino a ieri erano riservate al coniuge;
  • benefici regolamentati nei contratti collettivi di lavoro (es. permessi aggiuntivi).

Posso comprendere la situazione di astio, o solo di fastidio, che Lei potrebbe provare in un ambiente lavorativo retrogrado per il lieto evento; tuttavia, rinunciare ai propri diritti per l’ignoranza di terzi è ingiusto e, per tale motivo, La invito a riflettere bene su questa situazione, al fine di analizzare il rapporto tra costi-benefici a cui andrebbe incontro in caso di (mancata) comunicazione del Vostro matrimonio.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube