Diritto e Fisco | Articoli

Requisiti fisici nei bandi per forze armate e polizia: non sempre necessari

4 Giugno 2014
Requisiti fisici nei bandi per forze armate e polizia: non sempre necessari

La prestanza psico-fisica richiesta dai bandi di arruolamento deve essere posseduta al momento della visita medica collegiale.

Quasi tutti i bandi per l’arruolamento nelle Forze Armate e nel Corpo di Polizia penitenziaria richiedono la presenza, nel candidato, di requisiti psico-fisici. Tuttavia, con una recente sentenza [1], il Consiglio di Stato ha chiarito che tali requisiti devono essere posseduti nel momento in cui l’aspirante viene sottoposto a visita medica collegiale.

Nella pronuncia in commento si chiarisce anche un altro importante aspetto. L’idoneità psico-fisica richiesta per l’arruolamento non consiste nella semplice assenza di patologie implicanti disturbi funzionali, ma richiede una particolare prestanza fisica e psicologica (richiesta proprio per via delle caratteristiche particolari di impiego operativo degli appartenenti alle Forze Armate o di Polizia). Tali capacità potrebbero essere impedite da alterazioni od imperfezioni organiche di carattere non patologico.

Inoltre, la verifica di tale prestanza fisica è effettuata con un accertamento tecnico discrezionale da parte dell’amministrazione e che, pertanto, il giudice non può sindacare nel merito.

Non hanno, pertanto, alcun rilievo gli ulteriori accertamenti effettuati dall’interessato dopo la valutazione della commissione medica, presso altro Presidi sanitari (anche pubblici) con lo scopo di contestare le valutazioni della commissione stessa. E ciò perché – come detto – la verifica effettuata dall’Amministrazione, in ordine all’inidoneità fisica del candidato, non può essere contraddetta da certificazioni di parte. Tali ulteriori accertamenti, del resto, si riferiscono ad una situazione presente all’atto del successivo controllo, la quale potrebbe essere diversa rispetto alla precedente verifica.

Dunque le Commissioni Mediche dell’Amministrazione sono gli unici organi abilitati a compiere gli accertamenti selettivi del caso [2].


note

[1] Cons. St. sent. n. 2639/14 del 22.05.2014.

[2] Cons. St. sent. n. 5039/2012.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube