Diritto e Fisco | Articoli

Le norme anti infortuni sul luogo di lavoro si applicano anche ai clienti

4 Giugno 2014 | Autore:
Le norme anti infortuni sul luogo di lavoro si applicano anche ai clienti

Il datore di lavoro che non osserva le norme antinfortunistiche risponde dei danni subiti non soltanto dai propri dipendenti-lavoratori ma anche da soggetti terzi che si trovano occasionalmente in azienda.

La legge obbliga il datore di lavoro ad adempiere obblighi di sicurezza e manutenzione del luogo di lavoro, dei macchinari e delle attrezzature al fine di tutelare la salute, non soltanto dei dipendenti, ma di tutti i soggetti che accedono ai locali dell’impresa.

È quanto affermato da una recente sentenza della Cassazione [1].

Secondo i giudici, gli obblighi di prevenzione degli infortuni, pur se inseriti nell’ambito della normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro [2], non si riferiscono solo a coloro che sono legati all’imprenditore da un rapporto lavorativo.

La manutenzione e sicurezza del luogo di lavoro è volta a garantire la tutela della salute di chiunque vi acceda per un valida ragione.

Ne deriva la responsabilità del datore di lavoro anche in caso di infortunio subito da un soggetto non lavoratore che si trova occasionalmente nell’azienda, il quale sia venuto, per esempio, a contatto con macchinari difettosi, locali insalubri ecc.

La responsabilità del datore è di carattere oggettivo, cioè sorge per il solo fatto della mancata adozione delle misure antinfortunistiche previste dalla legge.

Il datore di lavoro è esente da responsabilità solo qualora riesca a dimostrare di aver adempiuto gli obblighi di sicurezza e aver fatto il possibile per prevenire ed evitare l’infortunio del soggetto leso.

Il datore di lavoro dovrebbe dimostrare che l’evento lesivo sia avvenuto per colpa dell’infortunato stesso (per esempio per una sua disattenzione) e non per colpa propria, avendo egli provveduto alla messa in sicurezza dei luoghi di lavoro.


note

[1] Cass. sent. n. 22965/2014.

[2] D. Lgs. n. 626/1994.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube