Diritto e Fisco | Articoli

Pensione quota 100: quando fare domanda?

23 Novembre 2021 | Autore:
Pensione quota 100: quando fare domanda?

Istanza di pensione anticipata con opzione quota 100: entro quando deve essere presentata, cristallizzazione dei requisiti.

Riuscire a perfezionare i requisiti per la pensione quota 100 è un traguardo importante, dato che il trattamento è previsto, in via sperimentale, per il solo triennio 2019-2021: molti lavoratori, però, non desiderano avvalersi subito di questa possibilità e preferiscono pensionarsi oltre il 2021, per ottenere dall’Inps un importo più elevato. Ma per la pensione quota 100 quando fare domanda?

Ci si chiede, in particolare, se la possibilità di avvalersi di questo trattamento agevolato resti anche dopo il 2021 per chi ha già maturato i requisiti e, in caso positivo, se sia possibile chiedere la certificazione del diritto alla pensione quota 100.

Ci si domanda, inoltre, quanto tempo prima sia necessario presentare l’istanza di pensionamento, considerando che alla generalità dei lavoratori è applicata una finestra di attesa pari a 3 mesi ed ai dipendenti pubblici una finestra di 6 mesi. I dipendenti pubblici, tra l’altro, sono obbligati a fornire un preavviso minimo di 6 mesi alla propria amministrazione per la cessazione dal servizio.

Solo i dipendenti del comparto Scuola e Afam sono esclusi da questa disciplina, in quanto soggetti a regole particolari e ad una finestra annuale.

Quali sono i requisiti per la pensione quota 100?

La pensione quota 100 richiede, per l’accesso, un’età minima di 62 anni ed una contribuzione minima pari a 38 anni. In buona sostanza, anche se il lavoratore raggiunge la quota 100, come somma di età e contributi, non può pensionarsi se non ha almeno compiuto 62 anni e non possiede almeno 38 anni di contributi.

Bisogna fare attenzione agli anni di contributi richiesti per il diritto alla pensione quota 100: 38 anni possono non essere sufficienti, se non è contemporaneamente rispettato il requisito di 35 anni di contributi al netto dei periodi di disoccupazione, o di malattia o infortunio non integrati dal datore di lavoro [1]. In ogni caso, il requisito contributivo può essere raggiunto in regime di cumulo, cioè sommando i versamenti accreditati in casse diverse, con esclusione della contribuzione accreditata presso le gestioni di previdenza dei liberi professionisti.

Ci si può pensionare con quota 100 dopo il 2021?

Anche se i requisiti per la quota 100 devono essere perfezionati entro il 31 dicembre 2021, in quanto il trattamento è sperimentale, in merito alla quota 100, la legge [2] prevede la “cristallizzazione dei requisiti”: in sostanza, chi compie 62 anni entro il 31 dicembre 2021 e, entro la stessa data, perfeziona 38 anni di contribuzione complessivi, tra tutte le gestioni Inps, può richiedere la quota 100 quando vuole (trascorso il periodo di finestra) in quanto ha perfezionato i requisiti entro il triennio di sperimentazione della misura.

Per presentare la domanda quota 100 bisogna richiedere la certificazione del diritto a pensione?

La cristallizzazione dei requisiti quota 100, per chi li matura entro il 31 dicembre 2021, opera in automatico: non è dunque indispensabile, per chi soddisfa le condizioni per la quota 100 entro tale data, richiedere all’Inps la certificazione del diritto alla pensione.

Non bisogna però dimenticare che l’estratto conto Inps ordinario, per intenderci quello che si può visionare, scaricare e stampare dal sito dell’Inps, secondo l’Istituto non ha valore certificativo (di parere contrario la Cassazione): ne abbiamo parlato nella “Guida all’estratto conto Inps“.

Per «dormire sonni tranquilli», è dunque bene richiedere all’Inps l’estratto conto certificativo, o Ecocert, documento al quale l’Istituto riconosce esplicitamente il valore di certificazione.

Finestre per la quota 100

La decorrenza della pensione quota 100 è spostata in avanti per via dell’applicazione delle finestre di attesa. In particolare:

  • i lavoratori del settore privato conseguono il diritto alla decorrenza della pensione trascorsi 3 mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi;
  • i dipendenti pubblici conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi 6 mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi; devono poi presentare la domanda di collocamento a riposo, all’amministrazione di appartenenza, con un preavviso di 6 mesi;
  • per i dipendenti del comparto scuola e Afam si applica la finestra unica annuale di uscita.

Come si invia la domanda di pensione quota 100?

Come previsto per la generalità dei trattamenti pensionistici, per inoltrare la domanda di pensione Quota 100 è possibile utilizzare il sito web dell’Inps, oppure chiamare il call center dell’Istituto o farsi assistere da un patronato.

Se si vuole inviare la domanda di pensione tramite il portale web dell’Inps bisogna innanzitutto possedere le credenziali di accesso: Pin dispositivo (che sarà inutilizzabile dal 1° ottobre 2021), Spid, oppure carta nazionale dei servizi Cns o carta d’identità elettronica Cie.

Una volta effettuato l’accesso, bisogna entrare nella sezione: “Domanda di prestazioni pensionistiche, Ricostituzione, Ratei, Ecocert, Ape Sociale e Beneficio precoci”.

Bisogna poi scegliere l’opzione “Nuova Domanda” nel menù di sinistra; successivamente, occorre selezionare, per richiedere la pensione quota 100: “Pensione di anzianità/vecchiaia”, “Pensione di anzianità/anticipata”, “Requisito quota 100”.

In seguito, bisogna selezionare il fondo e la gestione di liquidazione (ad esempio Fpld, Fondo pensione lavoratori dipendenti).

Questa modalità di presentazione delle domande può essere utilizzata da parte dei lavoratori iscritti alle gestioni private, alla gestione pubblica e alla gestione spettacolo e sport, amministrate dall’Inps, anche per chiedere, per la pensione quota 100, il cumulo dei periodi assicurativi.

Per conoscere, nel dettaglio, tutti i passaggi necessari alla presentazione della domanda di pensione, leggi: “Come presentare la domanda di pensione Quota 100“.

Quando inviare la domanda di pensione Quota 100?

La decorrenza della pensione Quota 100 non è immediata, in quanto la liquidazione del trattamento è posticipata per via delle finestre di attesa, cioè dei periodi che per legge devono intercorrere tra la data di maturazione dei requisiti e la data di primo pagamento della prestazione.

Nel corso dei mesi di finestra, nonostante i requisiti per la pensione risultino già maturati, è comunque possibile continuare a lavorare ed a versare contributi.

La domanda di pensione Quota 100 può essere inviata anche durante il periodo di finestra, purché sia indicata la decorrenza corretta del trattamento: qualora sia indicata una data di decorrenza precedente al termine della finestra, la domanda di pensione viene rigettata.

In ogni caso, se la domanda di pensione è presentata con un anticipo eccessivo, anche se la decorrenza indicata è corretta, è il sistema stesso del sito dell’Inps a non consentire l’invio dell’istanza, a causa del lasso di tempo mancante sino alla liquidazione della pensione.

Di regola, l’anticipo massimo consentito nell’invio dell’istanza di pensionamento, rispetto alla data di liquidazione del trattamento, è pari a 3 mesi.


note

[1] Art.22 L. 153/1969.

[2] Art.14 DL 4/2019.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube