Diritto e Fisco | Articoli

Se navighi durante il lavoro “rubi” l’energia elettrica: scatta il peculato

5 Giugno 2014
Se navighi durante il lavoro “rubi” l’energia elettrica: scatta il peculato

Anche per pochi minuti di connessione, l’incaricato di pubblico servizio o il pubblico dipendente devono rispondere del reato di peculato nei confronti dell’amministrazione.

Vietato navigare in internet durante le ore di lavoro. Ma le conseguenze possono essere totalmente diverse (e più gravi!) se sei un dipendente pubblico rispetto al lavoratore del comparto privato. Infatti, perdere tempo durante il servizio, utilizzando il pc per scopi personali, implica un danno erariale consistente nello spreco di energia elettrica. In altri termini, oltre alla responsabilità civile per mancato svolgimento delle attività lavorative (il che, a tutto voler concedere, potrebbe comportare una sanzione disciplinare, sino al licenziamento, nell’ipotesi più grave), si configura anche una responsabilità penale (il cosiddetto reato di peculato d’uso).

Il peculato per aver fatto lievitare la bolletta della luce all’ente datore di lavoro scatta anche per poche ore di navigazione. Lo ha detto la Cassazione in una recente sentenza [1].

Secondo la Corte, nel caso di abuso del sistema informatico, lo spreco di energia elettrica costituisce il danno diretto. Infatti, in via generale, perché possa parlarsi di peculato d’uso, occorre una apprezzabile lesione patrimoniale o funzionale – compromettente la celerità degli uffici ed il buon e spedito andamento degli affari amministrativi – ai danni della pubblica amministrazione. Ebbene, nel caso di abuso di un telefono d’ufficio o del computer per scopi personali, la Cassazione chiarisce che la lesione alla pubblica amministrazione non consiste nelle somme necessarie a mantenere attiva l’utenza internet durante la condotta illecita. Il danno, invece, sta nell’utilizzo dell’energia elettrica necessaria al funzionamento del p.c. e nella temporanea disponibilità di tale strumento da parte del dipendente della pubblica amministrazione, che ne realizza un uso non funzionale alle finalità amministrative.


note

[1] Cass. sent. n. 23352/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube