TFR e TFS: rinvii di 5 anni per dipendenti pubblici

6 Giugno 2014
TFR e TFS: rinvii di 5 anni per dipendenti pubblici

Previdenza: la circolare dell’Inps sulla liquidazione non porta buone notizie per chi deve percepire il trattamento di fine rapporto o servizio.

 

Donne optanti e prepensionamenti sono al centro della circolare emanata ieri dall’Inps [1] che si sofferma sui nuovi termini di pagamento dei trattamenti di fine servizio/rapporto previsti dall’ultima legge di Stabilità 2014.

Per i dipendenti pubblici che maturano il diritto a pensione dopo il 2013, il trattamento sarà messo in pagamento secondo queste modalità:

1. se l’importo non supera 50mila euro: in un’unica soluzione;

2. se l’importo è tra 50mila e 100mila euro, il pagamento avverrà in due tranche con il differimento di un anno tra il primo di 50mila e la differenza;

3. se la prestazione dovesse risultare superiore a 100mila euro, la dilazione sarà prolungata di un ulteriore anno per la parte eccedente tale ultima soglia.

I trattamenti comunque non sono messi in pagamento immediatamente rispetto alla data di cessazione dal servizio, ma subiscono un differimento a seconda della causa che determina l’estinzione del rapporto:

1. per i decessi e le inabilità entro 105 giorni;

2. per le dimissioni volontarie non prima di 24/27 mesi;

3. in tutti gli altri casi entro 12/15 mesi.

Su questo argomento assume particolare rilevanza la posizione assunta dall’Inps in materia di regime sperimentale, conosciuto anche come “donne optanti“.

L’istituto di previdenza precisa che il perfezionamento del requisito anagrafico (57 anni 3 mesi) e contributivo (35 anni) non può essere considerato come un autonomo requisito per il diritto alla pensione se non si verifica anche la cessazione del rapporto di lavoro. Tale orientamento assume maggior rilevanza anche in considerazione della temporaneità del regime sperimentale che può essere esercitato non oltre il 31 dicembre 2015.

Requisiti ancora più stringenti in relazione ai prepensionamenti che le pubbliche amministrazioni possono attivare [2]. Per le posizioni dichiarate in soprannumero o in eccedenza, i lavoratori possono continuare ad accedere alla pensione con i vecchi requisiti a condizione che perfezionino il diritto a riscuotere il trattamento pensionistico entro il 31 dicembre 2016.

In deroga al regime generale, però, il termine di pagamento del trattamento di fine servizio/rapporto non decorre dalla data di cessazione dal servizio secondo le regole ante decreto “salva Italia” bensì dalla data in cui il personale maturerebbe il teorico diritto secondo le regole introdotte dalla riforma Monti-Fornero. Il differimento potrà arrivare anche fino a 5 anni.


note

[1] Inps, Circolare n. 73 del 05.06.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube