Diritto e Fisco | Articoli

Precedenza di fatto: cos’è e a chi spetta?

8 Settembre 2021 | Autore:
Precedenza di fatto: cos’è e a chi spetta?

Come regolarsi quando un altro veicolo ha già impegnato l’incrocio e si trova al centro della strada? In caso di incidente chi avrà ragione?

Stai guidando su una strada con diritto di precedenza quando, in prossimità di un incrocio, un altro veicolo non si ferma allo stop e invade la carreggiata. Te lo trovi davanti all’improvviso, proprio mentre stai sopraggiungendo. L’urto è inevitabile. Per fortuna, la velocità non era elevata e le conseguenze dell’incidente non sono gravi. Discutendo con l’altro conducente, lui sostiene, però, di avere ragione, perché aveva impegnato l’incrocio in anticipo e invoca la precedenza di fatto. Cos’è e a chi spetta questa particolare regola, che sembra privilegiare chi arriva prima, in barba a tutte le regole del Codice della strada? È mai possibile che chi taglia la strada ad un altro veicolo possa pretendere di avere ragione?

In verità, la legge non prevede la precedenza di fatto, ma diverse sentenze ne parlano e la applicano. Così, in pratica, i giudici talvolta scagionano chi ne ha usufruito, anche se apparentemente aveva torto e avrebbe dovuto fermarsi per consentire il passaggio all’altro veicolo. Questo ti sembrerà strano ed è giusto che la pensi così, almeno a prima vista. Infatti, se hai frequentato un corso di scuola guida ed hai conseguito la patente sai bene che c’è l’obbligo di dare precedenza a chi arriva da destra o nei casi imposti dal relativo segnale (il famoso triangolo rovesciato con la punta in giù, i bordi rossi e il centro bianco). Quando poi c’è lo stop, bisogna fermarsi in ogni caso e accertarsi che non stiano sopraggiungendo veicoli prima di poter passare.

Ma queste nozioni elementari e risapute non bastano per capire come attribuire la responsabilità giuridica in caso di incidente: qui, bisogna ricorrere alle norme stabilite dal Codice civile sulla ripartizione del concorso di colpa tra i conducenti coinvolti in un sinistro e, come vedrai tra poco, le cose cambiano parecchio. Se quello che ti stiamo dicendo ti ha incuriosito, prosegui la lettura e scoprirai cos’è e a chi spetta la precedenza di fatto. Questo concetto ti sarà utile per capire come comportarti quando arrivi ad un incrocio, o sei in una rotonda, e trovi una vettura antagonista che si immette passando senza fermarsi, dunque senza rispettare la “classica” precedenza, quella che già ben conosci ma in questi casi serve a poco. Però, non bisogna mai giungere a conclusioni affrettate, perché, nonostante sia vero che la regola della precedenza di fatto serve talvolta a dirimere le controversie stradali, la ragione non è di chi se la prende; altrimenti sarebbe troppo facile ed anche ingiusto.

Come si ripartisce la responsabilità di un incidente stradale?

Il Codice civile [1] stabilisce la presunzione di pari responsabilità di ciascuno dei conducenti coinvolti nel sinistro. È la famosa, e fondamentale, regola del concorso di colpa al 50%, che però soggiace a due importanti limiti:

  • è una presunzione relativa, ossia superabile dalla prova contraria offerta da uno dei due conducenti che dimostra l’assenza di propria responsabilità (o un grado di colpa minore del 50%) oppure la totale, o comunque maggiore, responsabilità altrui nella causazione dell’incidente;
  • è una regola sussidiaria, che opera – come afferma la Cassazione [2], «soltanto nel caso in cui le risultanze probatorie non consentano di accertare in modo concreto in quale misura la condotta dei due conducenti abbia cagionato l’evento dannoso e di attribuire le effettive responsabilità del sinistro».

In sostanza, quando non ci sono elementi per stabilire che uno dei due conducenti ha più ragione, o più torto, dell’altro, ci si “accontenta” di ripartire la responsabilità in grado uguale tra i due; ma basta poco per far pendere la bilancia in favore dell’uno o dell’altro. Infatti, la conseguenza pratica più importante dell’applicazione della regola del concorso di colpa – temperato dalle due peculiarità che abbiamo appena visto – è che il conducente che riesce a fornire la prova liberatoria a proprio favore andrà indenne da responsabilità: se dimostra – come prescrive la legge [3] – «di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno», la colpa sarà attribuita integralmente all’altro soggetto.

Questa prova liberatoria può essere fornita in qualsiasi maniera, purché con elementi chiari e convincenti: dunque, mediante testimonianze, filmati, ricostruzioni cinematiche della dinamica dell’incidente, verbali della polizia intervenuta per eseguire i rilievi descrittivi della scena del sinistro e per contestare infrazioni ai conducenti dei veicoli coinvolti.

Precedenza agli incroci: quali regole?

La regola di fare tutto il possibile per evitare il danno è assoluta e vale nei confronti di entrambi i guidatori dei veicoli coinvolti nel sinistro stradale. Questo comporta che il giudice deve valutare se essa è stata rispettata anche da chi, tra i due conducenti, ha dimostrato una minore responsabilità dell’altro nel provocare l’incidente. Questo è proprio il caso di chi viola il normale diritto di precedenza spettante a chi sopraggiunge in prossimità di un incrocio [4]: nonostante ciò, il conducente che si vede tagliare la strada deve comunque cercare di evitare lo scontro, e se invece lo provocherà ne sarà responsabile.

Quindi, tieni presente che neanche all’incrocio con diritto di precedenza si può correre. Anzi, se il veicolo con diritto di precedenza sopraggiunge all’incrocio a velocità eccedente il limite imposto in quel tratto, o comunque non commisurata alle concrete condizioni di visibilità e di traffico, il suo conducente si vedrà attribuita una quota – pur minoritaria, a seconda dei casi – di responsabilità per l’incidente. Un esempio chiarirà come funziona il meccanismo e perché la precedenza non dà sempre la ragione al conducente in favore del quale è stabilita.

Una bicicletta che proviene da una strada laterale non si ferma all’incrocio, ed invade una strada statale senza concedere la dovuta precedenza ai veicoli che stanno passando. Una macchina che corre troppo forte, ben oltre i limiti, la investe e uccide il ciclista. Il conducente dell’autovettura, pur avendo diritto di precedenza, sarà sicuramente corresponsabile dello scontro: procedendo a una velocità inferiore avrebbe potuto compiere una manovra di emergenza, come una frenata o una sterzata, in modo da evitare l’impatto o, almeno, ridurne le conseguenze.

La regola della precedenza di fatto: come funziona?

La regola della precedenza di fatto non è stabilita dalla legge ma è una creazione giurisprudenziale, adottata per contemperare un’applicazione troppo rigida delle consuete norme. Il concetto di fondo è molto semplice: chi arriva per primo acquisisce il diritto di passare, anche se non gli spettava in base al Codice della strada. Nella pratica, la regola della precedenza di fatto si applica più frequentemente a chi proviene da sinistra e si immette nella sede stradale, così violando l’obbligo di dare precedenza a chi sopraggiunge da destra.

Per invocare in proprio favore la precedenza di fatto occorre, però, rispettare le due seguenti ed essenziali condizioni:

  • aver impegnato l’incrocio con sufficiente anticipo rispetto al veicolo dotato di precedenza ai sensi del Codice della strada (non si può invocare la precedenza di fatto se si irrompe in un incrocio mentre altre auto stanno già passando);
  • intraprendere l’attraversamento dell’incrocio, o del diverso tipo di intersezione ove è stabilita una precedenza (una confluenza, una rotonda, ecc.), in condizioni di sicurezza, in modo da poter completare il proprio passaggio prima dell’arrivo dei veicoli con diritto di precedenza.

Queste due condizioni devono essere osservate congiuntamente: non basta, cioè, aver impegnato in anticipo l’incrocio se non ci si è accertati di poter sgomberare la carreggiata in tempo. Dunque, per invocare la precedenza di fatto occorre, come afferma la Cassazione [5], che l’attraversamento sia quasi completato quando arriva il veicolo al quale spetterebbe la normale precedenza di diritto.

La Suprema Corte ricorda che la precedenza di fatto «ha carattere eccezionale» e non esime nessuno dal dovere «di prestare comunque attenzione agli altri veicoli». Nella giurisprudenza di merito, una recente sentenza del tribunale di Brindisi [6], applicando la regola della precedenza di fatto, ha superato la presunzione di colpa e ha dato ragione piena al conducente di un quadriciclo (microcar) che, pur provenendo da sinistra, al momento dello scontro si trovava già al centro dell’incrocio e, a quel punto ed in quella posizione, «nulla avrebbe potuto fare per evitare l’impatto».


note

[1] Art. 2054 Cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 12884 del 13.05.2021.

[3] Art. 2054, co.1, Cod. civ.

[4] Art. 145, co. 2, Cod. strada: «Quando due veicoli stanno per impegnare un’intersezione, ovvero laddove le loro traiettorie stiano comunque per intersecarsi, si ha l’obbligo di dare la precedenza a chi proviene da destra, salvo diversa segnalazione».

[5] Cass. ord. n. 8138 del 23.04.2020.

[6] Trib. Brindisi, sent. n. 1097 del 02.08.2021.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube