Diritto e Fisco | Articoli

Multa: il raddoppio della sanzione non scatta per il mancato pagamento delle spese

8 Giugno 2014
Multa: il raddoppio della sanzione non scatta per il mancato pagamento delle spese

Mancato pagamento delle spese postali e del procedimento: possibile chiedere lo sgravio e bloccare la procedura di recupero coattivo in caso di riscossione di una somma pari al doppio della sanzione.

Hai pagato la multa, ma non hai versato fino all’ultimo centesimo le spese postali? Non ti preoccupare: questo minimo inadempimento non ti costerà il raddoppio dell’importo in verbale. Al massimo, il Comune potrà tentare di recuperare le somme mancanti, ma senza aggiungere balzelli. Lo ha evidenziato l’Associazione Nazionale Comuni d’Italia (Anci) dell’Emilia Romagna con un parere divulgato ieri e finalizzato a mutare radicalmente l’attività dei comandi di polizia stradale.

Tutto parte da una recentissima sentenza della Corte di Cassazione [1] di cui abbiamo parlato in un precedente articolo (leggi: “Multe: il pagamento in misura ridotta esclude le spese postali”).

 

La vicenda decisa dalla Cassazione

Per non aver pagato l’intero importo contenuto in una multa, un automobilista aveva ricevuto una cartella esattoriale particolarmente salata, pari al doppio della sanzione. In pratica, il mancato versamento dell’esatto ammontare indicato nel verbale, ha comportato il raddoppio della multa.

La Suprema Corte, sradicando una consolidata tradizione, ha accolto il ricorso presentato dal cittadino, ritenendo che è artificioso condizionare una pretesa esosa “al mancato versamento integrale di una soma che va oltre al pagamento in misura ridotta e che ingloba le spese nella sanzione”.

In buona sostanza, a parere della Cassazione, il legislatore ha posto una netta differenziazione tra importo della sanzione e spese del procedimento.

Come specifica la legge [2], qualora nei termini non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, la multa di fatto raddoppia. Ma non c’entrano affatto le spese del procedimento: il raddoppio scatta solo nel caso di mancato pagamento della multa e non anche delle spese del procedimento. Estendere l’area della sanzione alle spese del procedimento – a parere dei giudici – non risulta coerente con il principio di legalità [3]. Inoltre questa interpretazione, anche se generalizzata nella pratica operativa, penalizza allo stesso modo chi non paga la multa e chi invece, per errore, effettua un pagamento leggermente inferiore.

In un momento come questo, spiega l’associazione dei Comuni, l’interpretazione fornita dalla Corte è assolutamente corretta e opportuna. Per questo motivo, l’Anci ha invitato tutti i comandi emiliani a rivalutare le procedure di recupero coattivo delle somme non pagate alla luce delle nuove regole.

Così, chi ha ricevuto una cartella esattoriale con il doppio della sanzione, per il solo fatto di non aver pagato le spese della procedura, potrà fare un’istanza di sgravio in autotutela, anche se i termini per proporre il ricorso sono ormai scaduti.


note

[1] Cass. sent. n. 9507 del 30.04.2014.

[2] Art. 203 cod. str.

[3] Richiamato dall’art. 1 della L. 689/81.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube