Diritto e Fisco | Articoli

Bonus occhiali da vista: a chi spetta e quando scade

13 Settembre 2021 | Autore:
Bonus occhiali da vista: a chi spetta e quando scade

Come funziona l’agevolazione, a quanto ammonta e quali requisiti servono per avere il voucher come sconto sull’acquisto o per scaricare dalle tasse la somma spesa.

Se hai problemi di vista e quest’anno hai acquistato, o stai per acquistare, un paio di occhiali o delle lenti a contatto ti farà piacere sapere che è prevista un’agevolazione statale per rimborsarti parte della spesa sostenuta presso il negozio di ottica. In questo articolo ti spiegheremo a chi spetta e quando scade il bonus occhiali da vista, indicandoti i beneficiari, i requisiti e le condizioni per ottenerlo.

Devi sapere subito che il “vero” bonus occhiali da vista per il 2021 (chiamato anche, in breve, bonus vista) è ancora ai nastri di partenza, perché, pur essendo già stato introdotto dal Governo con la legge di Bilancio valevole per quest’anno [1], mancano ancora i decreti attuativi che indicheranno come usufruirne. Intanto, nell’attesa è possibile “accontentarsi” dell’agevolazione fiscale che consente la detrazione del 19% della spesa dall’Irpef da pagare, ma con una franchigia di 129 euro che però riguarda tutte le spese mediche e non solo gli occhiali o le lenti. Il nuovo bonus, infatti, sarà cumulabile con la consueta detrazione annuale che permette di scaricare la spesa dalle tasse. Ma in questo caso bisogna fare presto, perché la scadenza è vicina.

Adesso, entriamo nei particolari e vediamo in dettaglio come funziona il bonus occhiali da vista: a chi spetta, quando scade e quali requisiti occorrono per beneficiarne. Ti anticipiamo che se vuoi portare la spesa in detrazione dalla dichiarazione dei redditi hai tempo fino al 30 settembre 2021, che è il termine finale per la presentazione. Il voucher, invece, potrà essere ottenuto anche successivamente.

Bonus occhiali da vista: a chi spetta e a quanto ammonta?

Il bonus occhiali da vista riguarda gli acquisti di questi prodotti – ed anche di lenti a contatto correttive – avvenuti durante l’anno 2021 o entro i due anni successivi. È una misura riservata alle famiglie con Isee fino a 10mila euro, riferito all’anno in corso; quindi non è più valido l’Isee 2020 e va presentata una nuova Dsu, la Dichiarazione sostitutiva unica (leggi qui come compilare la dichiarazione Isee).

Il bonus occhiali consente di ottenere un voucher per un importo di 50 euro, che può essere utilizzato come sconto immediato, praticato dall’esercente al momento dell’acquisto degli occhiali o delle lenti correttive da vista. Ciascun contribuente potrà usufruirne una tantum, cioè una volta sola durante l’anno. Il contributo è riservato a chi compra occhiali per la vista o lenti correttive; sono esclusi, quindi, gli altri tipi di occhiali, come quelli da sole, e di lenti, come quelle colorate.

Bonus occhiali da vista: come ottenerlo?

Come ti abbiamo anticipato all’inizio, al momento manca ancora il principale decreto attuativo, che dovrà essere emanato prossimamente, in forma congiunta, dal ministero della Salute e dal ministero dell’Economia e delle Finanze. Il provvedimento stabilirà i modi concreti per usufruire dell’agevolazione.

Intanto, in base alle previsioni della legge già emanata, si sa soltanto che:

  • il contributo sarà valido per gli acquisti effettuati nel triennio 2021-2023, dunque non solo per l’anno in corso;
  • il bonus è finanziato dallo Stato con lo stanziamento di 15 milioni di euro (5 milioni all’anno) nell’apposito «Fondo per la tutela della vista»; quindi, sarà valido fino ad esaurimento dei fondi (salvi eventuali e successivi rifinanziamenti);
  • la domanda dovrà essere presentata in via telematica attraverso il sito del Governo, con le modalità che verranno chiarite nel prossimo decreto;
  • è indispensabile il rilascio dello scontrino fiscale “parlante”, cioè completo del nome del cliente che ha chiesto il beneficio e della dichiarazione che il prodotto acquistato è marcato Ce.

Bonus occhiali e lenti a contatto: la detrazione Irpef

L’acquisto degli occhiali e delle lenti a contatto da vista è scaricabile in parte dall’ammontare delle tasse da pagare. Precisamente, ogni contribuente italiano può usufruire della detrazione Irpef nella misura del 19% della spesa sostenuta semplicemente indicandola nella dichiarazione dei redditi. La detrazione utilizzabile è calcolata al netto di una franchigia di 129,11 euro, che però comprende tutte le spese mediche effettuate nell’anno (comprese quelle della visita oculistica che prescrive l’uso degli occhiali o delle lenti, e quelle del controllo dell’optometrista per la misurazione della vista).

Quindi, la spesa per comprare gli occhiali o le lenti confluisce in tutte le altre spese mediche detraibili e la soglia minima di 129 euro, al di sotto del quale non si può usufruire della detrazione, si applica al loro totale. Infatti, ai fini fiscali, i vari tipi di spese ammesse alla detrazione vengono considerati allo stesso modo, senza distinzioni. Ecco un semplice esempio.

Antonio ha speso in un anno complessivamente 500 euro, di cui 100 euro per l’acquisto di occhiali da vista, 150 per la visita oculistica ed il resto per altri controlli e prestazioni sanitarie. La detrazione Irpef spettante sarà pari al 19% della differenza tra 500 euro e la franchigia di 129,11 euro, e quindi ammonterà a circa 70 euro di imposta in meno da pagare.

Bonus occhiali e lenti a contatto: scadenza

Mentre per il bonus occhiali introdotto dalla manovra finanziaria 2021 non è previsto un termine per l’utilizzo (in quanto occorrono i decreti attuativi che ancora devono essere emanati), per portare in detrazione dall’Irpef la spesa per l’acquisto di occhiali o lenti a contatto la scadenza è fissata al 30 settembre 2021. È questa, infatti, la data entro la quale i contribuenti devono presentare il modello 730; invece, per il modello Redditi presentato in via telematica la scadenza è il 30 novembre 2021.

Tieni presente, però, che in entrambi i casi la spesa detraibile è quella riferita agli acquisti compiuti e pagati nel 2020, non a quelli fatti nell’anno in corso (le detrazioni per le spese effettuate nell’anno 2021 potranno essere fruite l’anno successivo e cioè nel 2022).

Spese per occhiali e lenti: condizioni per la detrazione Irpef

Tutte le spese effettuate per l’acquisto di occhiali da vista o per lenti a contatto correttive sono detraibili anche se sono state sostenute dal contribuente nell’interesse dei suoi familiari a carico, come il coniuge ed i figli.

Per poter beneficiare della detrazione Irpef del 19% non è necessario che la spesa per l’acquisto di occhiali e lenti sia stata pagata con metodi tracciabili, cioè con carta di credito o di debito, con bonifico bancario o mediante assegno bancario o postale: infatti, gli occhiali da vista e le lenti a contatto rientrano tra i dispositivi medici che fanno eccezione alla regola della tracciabilità dei pagamenti detraibili (come anche le prestazioni sanitarie rese in strutture pubbliche o in quelle accreditate presso il Servizio sanitario nazionale). Perciò, occhiali da vista e lenti a contatto correttive possono essere anche pagati in contanti senza far perdere il diritto alla detrazione fiscale, ovviamente a condizione che l’esercente abbia emesso il documento fiscale (fattura o scontrino fiscale riportante le specifiche del prodotto acquistato).


note

[1] Art. 1, co. 437, L. n. 178 del 30.12.2021.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube