Diritto e Fisco | Articoli

Se l’Inps sbaglia nel calcolo dell’assegno e poi vuole la restituzione dei soldi

3 Luglio 2014
Se l’Inps sbaglia nel calcolo dell’assegno e poi vuole la restituzione dei soldi

L’Inps mi ha chiesto la restituzione di alcune migliaia di euro per errato calcolo, da parte dell’Istituto stesso, di importi erogatimi tra il 2012 e il 2013, a cui non avevo diritto, superando quanto mi sarebbe spettato come pensione. Questi soldi, però, non li ho più avendoli spesi volta per volta. Come posso difendermi?

È stato l’Inps stesso a fornire una risposta al problema dei cosiddetti indebiti pensionistici per importi erogati successivamente al 1° gennaio 2001 [1].

In particolare, l’Istituto di Previdenza ha chiarito che, qualora l’errore compiuto al momento della liquidazione o della riliquidazione della pensione, non sia da imputare al comportamento doloso dell’interessato o ad una omessa o incompleta segnalazione, da parte di quest’ultimo, di fatti, anche diversi dalle situazioni reddituali, che incidano sul diritto o sulla misura della “pensione goduta”, le somme indebitamente erogate in conseguenza di tale errore non sono recuperabili da parte dell’Inps.

Pertanto, se si è trattato di un semplice errore materiale dell’Inps, quest’ultimo non ha diritto a chiederne la restituzione.

Quando invece l’indebito pensionistico sia stato determinato a causa di un comportamento dello stesso pensionato (doloso o per una omessa o errata comunicazione), quest’ultimo sarà tenuto alla restituzione.


note

 [1] Inps, circolare n. 31/2006.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube