Diritto e Fisco | Articoli

Non si può vietare all’inquilino di installare la linea ADSL e telefono

9 Giugno 2014
Non si può vietare all’inquilino di installare la linea ADSL e telefono

L’installazione di una rete telefonica con i cavi, anche per sfruttare la connessione a internet, non si considera una miglioria o modifica dell’immobile: pertanto non è necessaria l’autorizzazione del padrone di casa.

 

Nel XXI secolo, internet è come l’acqua potabile o la luce elettrica. Senza una connessione, l’abitazione non può essere goduta appieno.

È quello che giustamente pensa il Tribunale di Caltanissetta che, in una recente sentenza, ha dato ragione a un inquilino il quale, senza consultare il padrone di casa, aveva installato una rete telefonica con i cavi per l’ADSL, nonostante il contratto di locazione vietasse ogni modifica all’immobile senza il previo consenso del locatore.

Se anche il contratto di affitto impone al conduttore, prima di apportare qualsiasi miglioria o modifica all’immobile, di chiedere l’autorizzazione al titolare dell’appartamento – pena la risoluzione del contratto stesso e l’impossibilità di chiedere la restituzione della somma spesa – ciò non vale per quelle opere necessarie per lo stesso godimento dell’immobile. Potrebbe essere, per esempio, il caso della serratura di casa o, appunto, della connessione a internet.

Secondo il giudice siciliano, l’installazione di linee telefoniche o adsl in un appartamento locato costituisce una normale esecuzione del diritto di pieno godimento sulla cosa. Per questo tali opere non possono essere considerate migliorie o modifiche dell’immobile, tali da giustificare – in applicazione della clausola contenuta nel contratto – la risoluzione per fatto e colpa del conduttore.

Al massimo si potrebbe avere un’ipotesi di inadempimento del conduttore se le modalità di installazione dell’opera hanno recato pregiudizio all’appartamento (per esempio, se i tecnici, nell’installare i cavi, hanno forato le parenti e rovinato i muri). Tuttavia, il conduttore potrebbe evitare a monte il sorgere di tale problema chiedendo, preventivamente, al conduttore dove collocare l’impianto. A questo punto, se quest’ultimo non si cura di rispondere, allora la non corretta posa dei cavi non può più considerarsi inadempimento del conduttore.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube