Diritto e Fisco | Articoli

Il verbale dell’assemblea condominiale: istruzioni per l’uso

9 Giugno 2014 | Autore:
Il verbale dell’assemblea condominiale: istruzioni per l’uso

Scheda informativa essenziale per l’amministratore ed i condomini sulle regole fondamentali per la corretta redazione di un verbale di assemblea condominiale.

 

Il verbale dell’assemblea condominiale ha la funzione essenziale di mettere per iscritto ciò che nel corso della riunione assembleare si è deciso.

Esso, dunque, ha lo scopo di documentare in maniera fedele tutte le attività compiute nel corso dell’assemblea affinché ogni condomino (compresi gli assenti) possa controllare la regolarità della convocazione, dello svolgimento e delle decisioni adottate.

È necessario che il verbale sia redatto per iscritto: a ciò provvederanno il presidente ed il segretario dell’assemblea nominati all’inizio della riunione dai presenti secondo quanto di regola prescrivono i regolamenti condominiali.

Innanzitutto il verbale dovrà chiaramente riportare i nominativi dei condomini presenti (anche per delega) alla riunione con chiara indicazione dei millesimi delle relative quote di proprietà.

Questa iniziale indicazione dei presenti è assolutamente essenziale perché è l’unico modo perché anche gli assenti possano poi controllare che siano state rispettate le maggioranze previste dalla legge sia per la validità della costituzione dell’assemblea che per la validità delle decisioni che sono state adottate.

In mancanza della indicazione dei presenti e dei relativi millesimi, il verbale potrà essere impugnato entro trenta giorni dalla data della riunione per i dissenzienti oppure entro trenta giorni dalla data della comunicazione del verbale per gli assenti.

Ulteriori requisiti necessari per la corretta compilazione del verbale sono:

– l’indicazione delle modalità con cui i condomini sono stati invitati;

– l’ordine del giorno;

– il modo scelto per votare con l’indicazione, per ogni votazione, dei condomini favorevoli, contrari o astenuti.

Si dovranno poi, in modo riassuntivo, indicare tutti gli argomenti trattati ed i condomini potranno chiedere ed ottenere che siano verbalizzate le loro osservazioni sui punti all’ordine del giorno.

Infine, se si dovessero votare preventivi o consuntivi di spesa gli stessi dovranno essere inseriti per esteso nel verbale.

Il verbale è bene che venga redatto al termine dell’assemblea e che sia letto alla presenza di tutti i condomini.

Successivamente andrà comunicato (per fax, raccomandata o pec) ai condomini presenti e ovviamente anche agli assenti e da tale momento decorrerà il termine di trenta giorni per un’eventuale impugnazione dinanzi al Tribunale.

Non è necessario che il verbale venga sottoscritto da tutti i presenti, ma è utile che tale adempimento sia assolto.

La legge prevede, poi, che il verbale sia trascritto nel registro tenuto dall’amministratore [1].

 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter


note

[1] Art. 1136 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube