Diritto e Fisco | Articoli

Quanti avvocati non sono iscritti alla Cassa Previdenza?

9 Giugno 2014
Quanti avvocati non sono iscritti alla Cassa Previdenza?

Un avvocato su cinque non è iscritto alla Cassa di previdenza: la maggior parte sono giovani donne.

Sono 53mila gli avvocati non ancora iscritti alla Cassa di Previdenza: si tratta, cioè, di circa il 20% del totale degli iscritti. Di questi, il 56% ha meno di 40 anni e la maggioranza è di sesso femminile.

I dati – agghiaccianti – sono stati forniti, in via ufficiale, dalla Cassa Forense, con un aggiornamento alla data del 31 dicembre 2013.

In Italia, quando le cose vanno male, tutto ciò che si riesce a fare è costituire una Commissione di Studi. E difatti, sul tema, il Comitato dei Delegati ha immediatamente costituito una Commissione di studio “ad hoc” che ha analizzato i dati di partenza e ipotizzato le soluzioni più idonee per gestire il fenomeno, senza ripercussioni sulla sostenibilità dell’Ente.

Si è così scoperto – con stupore – che più del 50% degli avvocati che non ha una previdenza sono giovani al di sotto dei 40 anni, a maggioranza femminile. Il che è confermato dal fatto che quasi il 49% dei “senza-cassa” si è iscritta all’Albo da meno di 5 anni e addirittura il 74% da meno di 10 anni.

Le punte più elevate dei non iscritti alla Cassa riguarda – anche in questo caso, con enorme meraviglia – le regioni del Sud  come Campania, Puglia, Sicilia e Calabria.

Le soprese non finiscono qua. Degli avvocati iscritti alla Cassa, all’inizio del 2014 circa un sesto dichiara un reddito al di sotto di 10.300 euro.

Il meglio deve ancora arrivare. Alla data dell’agosto 2011, circa 40mila sono state le diffide inviate dalla Cassa per il recupero coattivo di contributi non versati anche da chi è già iscritto alla previdenza.

Ecco gli altri dati.

Il numero degli iscritti alla Cassa, alla fine del 2013, si è attestato 177.088 unità di cui 12.535 pensionati attivi.

La spesa complessiva per pensioni si è attestata, nel 2013, a € 707.409.613,24 con un incremento, rispetto allo scorso esercizio, di circa il 5,2%, frutto del naturale invecchiamento degli iscritti.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter

Clicca sull’immagine per ingrandire e leggere la statistica

Schermata 2014-06-09 alle 19.19.29


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube