Diritto e Fisco | Articoli

Assicurazioni: indennizzo anche se la malattia era sconosciuta

9 Giugno 2014 | Autore:
Assicurazioni: indennizzo anche se la malattia era sconosciuta

Malattia ancora sconosciuta dall’assicurato e non dichiarata al momento della firma della polizza sulla vita: nessuna riduzione dell’indennizzo.

Il lavoratore dichiarato inabile al lavoro ha diritto all’indennizzo anche se, al momento della stipula della polizza assicurativa, non ha dichiarato la malattia perché inconsapevole di averla.

È quanto affermato da una recente sentenza della Cassazione [1].

Chi stipula una polizza assicurativa sulla vita è tenuto a dichiarare le proprie condizioni di salute in quanto esse sono determinanti nella valutazione del rischio e, quindi, delle condizioni contrattuali stabilite dalla compagnia assicurativa. Difatti la legge prevede determinate conseguenze nel caso in cui l’assicurato dichiari informazioni inesatte o incomplete relative a circostanze fondamentali per il contratto di assicurazione.

Se la reticenza [2] o l’inesattezza è dovuta a dolo o colpa grave dell’assicurato (il quale, per esempio, ha omesso volontariamente di dichiarare uno stato di salute grave) il contratto di assicurazione può essere annullato [3].

Qualora, invece, la reticenza o l’inesattezza delle informazioni non sia dovuta a dolo o colpa dell’assicurato, la compagnia assicurativa può recedere dal contratto [4].

Inoltre, la compagnia assicurativa può ridurre la somma dovuta all’assicurato, qualora il sinistro si verifichi prima che essa venga a conoscenza della reticenza o dell’inesattezza delle dichiarazioni[5].

La Cassazione ha preso in esame il caso dell’assicurato che non dichiari la propria patologia alla compagnia assicurativa poiché al momento della stipula della polizza avverte solo lievi sintomi senza ancora conoscerne il motivo.

Questa ipotesi non rientra fra quelle di dolo o colpa grave in quanto l’assicurato tace sulle proprie condizioni salute negative in quanto non ne è consapevole.

L’inconsapevolezza della malattia, secondo i giudici, non rientra neppure fra le ipotesi di reticenza che comportano la riduzione dell’indennizzo: l’assicurato non avrebbe comunque potuto in alcun modo dichiarare una patologia non ancora diagnosticata al momento della stipula della polizza.

Il lavoratore ha dunque diritto all’intero indennizzo anche quando non ha fatto presente alla compagnia assicurativa l’esistenza di una malattia che lo ha poi inabilitato al lavoro, se al momento del contratto i lievi sintomi non erano riconducibili ad una malattia specifica e non erano mai stati considerati rilevanti dai medici.

Per i giudici l’inconsapevolezza di una condizione di salute che si manifesta solo successivamente alla stipula della polizza non è reticenza e pertanto non va sanzionata con la riduzione dell’indennizzo.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter


note

[1] Cass. sent. n. 12838 del 6.06.2014.

[2] La reticenza consiste nel nascondere una circostanza che si conosce e si dovrebbe dichiarare.

[3] Art. 1892 cod. civ.

[4] Art. 1893 cod. civ.

[5] Art. 1893, c. 2, cod. civ.

Autore immagine: 123rf . com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube