Diritto e Fisco | Articoli

Quando il coniuge divorziato ha diritto al mantenimento

16 Settembre 2021
Quando il coniuge divorziato ha diritto al mantenimento

L’assegno divorzile spetta solo quando il coniuge, per ragioni oggettive, non è in grado di raggiungere da solo l’indipendenza economica e l’autosufficienza.

A seguito di alcuni storici interventi della Cassazione, intervenuti tra il 2017 e il 2018, i casi in cui il coniuge divorziato ha diritto al mantenimento sono stati fortemente ridimensionati, così come ridimensionato è stato l’ammontare dello stesso assegno. Questo perché, secondo il nuovo orientamento sposato dai giudici supremi, il contributo mensile versato dal coniuge benestante in favore dell’ex non deve più mirare a garantire «lo stesso tenore di vita» che quest’ultimo aveva durante il matrimonio ma solo la sua «autosufficienza economica». Sicché se il richiedente, con i propri redditi, ha già raggiunto tale autosufficienza o se questi, per le proprie condizioni fisiche, di salute e di formazione, è potenzialmente in grado di procurarsi di che vivere, l’assegno divorzile non è dovuto.

Alla luce di ciò, vediamo dunque quando il coniuge divorziato ha diritto al mantenimento. Lo faremo passando in rassegna le ultime sentenze della Cassazione, partendo da ciò che prevede la legge.

Assegno di mantenimento dopo la separazione

Bisogna innanzitutto distinguere la disciplina prevista per l’assegno di mantenimento, quello cioè versato a seguito della separazione e fino al giorno del divorzio, dall’assegno divorzile, che invece opera a partire dal divorzio in poi.

Ad oggi, la Cassazione ritiene che l’assegno di mantenimento debba garantire all’ex lo stesso tenore di vita che aveva durante la convivenza matrimoniale. Ciò significa che i redditi complessivi dei due coniugi vengono di fatto divisi in quote pressappoco uguali, in modo che gli stessi possano avere lo stesso potenziale economico. 

L’assegno di divorzio invece non ha più questo stretto legame con il tenore di vita mantenuto in precedenza dalla coppia, ma deve solo mirare a garantire l’indipendenza economica del beneficiario. Da ciò consegue che potrebbero essere del tutto irrilevanti, ai fini della quantificazione dell’assegno, le agiate condizioni economiche del coniuge tenuto a versare l’assegno. 

Qualche giudice, in verità, sta iniziando ad applicare all’assegno di mantenimento la disciplina disposta per quello di divorzio.

In ogni caso, secondo le Sezioni Unite della Cassazione [1], è sempre dovuto l’assegno di mantenimento in favore del coniuge che, rinunciando al lavoro per dedicarsi alle esigenze della casa e della famiglia, ha perso ogni prospettiva di carriera, garantendo però all’altro la possibilità di concentrarsi sulla propria attività, con correlato aumento della ricchezza.

Assegno di divorzio: cosa prevede la legge?

In base all’articolo 5, comma 6, della legge n. 898 del 1970, al momento del divorzio, il giudice deve effettuare una ridistribuzione della ricchezza fra i coniugi a favore di quello più debole ed in forma di contribuzione periodica al suo mantenimento, a condizione che il beneficiario non abbia mezzi adeguati o, comunque, non sia in grado di procurarseli per ragioni oggettive. 

La determinazione dell’assegno deve tenere conto delle condizioni personali dei coniugi, del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio comune o dell’altro, del reddito di entrambi e della durata del matrimonio. 

Quando il coniuge divorziato non ha diritto al mantenimento

Il coniuge divorziato non ha diritto al mantenimento quando:

  • ha già un reddito che, per quanto più basso rispetto a quello dell’ex, gli consente l’indipendenza economica. Si pensi al caso di un’insegnante che percepisce già uno stipendio adeguato a mantenersi da solo [2];
  • ha una capacità lavorativa – dovuta all’età e/o alla formazione o alle pregresse esperienze – che gli consentono di rendersi indipendente;
  • non dà prova di ragioni oggettive (di cui parleremo più avanti) che gli impediscono di raggiungere l’autosufficienza economica;
  • la brevissima durata del matrimonio non ha potuto ingenerare alcuna aspettativa per il futuro, sicché non si è neanche avuto il tempo per solidificare un tenore di vita diverso da quello che si aveva prima delle nozze (si pensi a un matrimonio durato solo pochi mesi).  

Non ha mai diritto all’assegno di mantenimento il coniuge che ha subìto il cosiddetto addebito ossia a cui è imputabile la responsabilità per la fine del matrimonio (ad esempio perché ha tradito, ha abbandonato la casa coniugale o si è reso responsabile di gravi reati o altri comportamenti ai danni dell’ex).

Quando il coniuge divorziato ha diritto al mantenimento

Alla luce di ciò, il coniuge divorziato ha diritto al mantenimento tutte le volte in cui:

  • non è in grado, per ragioni oggettive, di procurarsi di che vivere o il suo stipendio è insufficiente a tal fine;
  • non ha alcun legame con il mondo del lavoro perché, per molto tempo, si è dedicato alla casa, ai figli, al ménage domestico.

Vediamo quali sono le ragioni oggettive che possono giustificare il mancato raggiungimento dell’autosufficienza economica. Innanzitutto, vi sono l’età e le condizioni di salute. È risaputo che dopo 40-45 anni è molto più difficile trovare un impiego; così come potrebbe essere impossibile il collocamento per una persona, ancorché giovane, portatrice di una grave invalidità.

Vi è poi il caso di chi, nonostante la buona volontà, non riesce a trovare un’occupazione. Di ciò però bisogna fornire la prova: è necessario cioè dimostrare di aver battuto ogni strada per ottenere un lavoro (onde evitare che l’assegno vada a finire nelle mani di chi invece vorrebbe essere mantenuto senza fare nulla). Così il richiedente è tenuto a partecipare a bandi e concorsi, iscriversi al collocamento, inviare il curriculum e chiedere dei colloqui con le aziende private.

Assegno di mantenimento al marito

Anche se i numeri vedono in netta prevalenza l’assegno di mantenimento assegnato in favore delle donne (a dimostrazione di come il reddito più importante in famiglia sia ancora ad appannaggio degli uomini), non mancano tuttavia sentenze che attribuiscano il contributo mensile all’ex marito quando questi non abbia l’autosufficienza economica. E ciò succede in caso di disoccupazione o di gravi condizioni di salute [3].

Quando spetta l’assegno di mantenimento: i chiarimenti della Cassazione 

Secondo il nuovo orientamento della Cassazione, a giustificare l’attribuzione dell’assegno non è, quindi, di per sé, lo squilibrio o il divario tra le condizioni reddituali delle parti, all’epoca del divorzio, né il peggioramento delle condizioni del coniuge richiedente l’assegno rispetto alla situazione (o al tenore) di vita matrimoniale, ma la mancanza della “indipendenza o autosufficienza economica” di uno dei coniugi, intesa come impossibilità di condurre con i propri mezzi un’esistenza economicamente autonoma e dignitosa.

Per determinare la soglia dell’indipendenza economica non ci si può riferire alla soglia della pura sopravvivenza né eccedere il livello della normalità.

Se tanto la moglie quanto il marito lavorano e sono titolari di uno stipendio che consentirebbe loro di essere autonomi e indipendenti, non ci può essere il riconoscimento di un assegno di mantenimento per il solo fatto che l’uno guadagna più dell’altro (anche se questa disparità è netta). L’attribuzione e la quantificazione dell’assegno non dipendono solo dalla differenza del livello economico-patrimoniale tra gli ex coniugi o dall’alto livello reddituale del coniuge obbligato.

L’assegno divorzile mira a garantire solo l’autosufficienza economica; sicché, se questa è già raggiunta dal richiedente o potenzialmente raggiungibile, non conta lo squilibrio tra la condizione dei coniugi.

In applicazione di tale principio, il giudice deve quantificare l’assegno rapportandolo, dunque, non al pregresso tenore di vita familiare, ma in quella misura adeguata innanzitutto a garantire l’indipendenza economica del coniuge non autosufficiente (intendendo l’autosufficienza in una accezione non circoscritta alla pura sopravvivenza) ed inoltre, ove ne ricorrano i presupposti, a compensare il coniuge economicamente più debole del sacrificio sopportato per aver rinunciato a realistiche occasioni professionali-reddituali, attuali o potenziali [4].

Dopo le sezioni Unite del 2018, bisogna quindi riconoscere l’assegno divorzile quando le aspettative professionali di uno dei due coniugi sono state sacrificate, in l’accordo con l’altro coniuge, per avere dato un particolare e decisivo contributo alla formazione del patrimonio comune e dell’altro coniuge, come nel caso della moglie che si è dedicata alla famiglia, ai figli e alla casa. 


note

[1] Cass. SU sent. n. 18287/2018.

[2] Cass. sent. n. 22499/21.

[3] Cass. sent. n. 22537/21.

[4] Cass. sent. n. 26594/19. Cass., sent. n. 21228/19.

Autore immagine: depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube