Diritto e Fisco | Articoli

Assegnazione della casa dopo la separazione: chi paga le tasse

11 Giugno 2014
Assegnazione della casa dopo la separazione: chi paga le tasse

Regime per il pagamento dell’IMU e della TASI in caso di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio e conseguente assegnazione della casa coniugale.

La casa assegnata al coniuge a seguito di provvedimento del giudice di separazione legale, annullamento o divorzio, è assimilata all’abitazione principale. Quindi, non vi sono dubbi sull’obbligo del pagamento Imu da parte dell’ex coniuge assegnatario.

Più problematico è, invece, l’inquadramento della ai fini della Tasi, posto che il legislatore, a differenza dell’Imu, non ha individuato nell’assegnatario l’unico soggetto passivo della nuova tassa. Cerchiamo di comprendere la questione più nel dettaglio.

Una preliminare precisazione. Le regole sulla casa coniugale valgono, in ogni caso, dalla data dell’omologa della sentenza, al giorno in cui si verifica un fatto estintivo del diritto di godimento della casa, il che accade non solo quando i figli acquisiscono l’autosufficienza economica, ma anche quando l’assegnatario non abiti o cessi di abitare nella casa familiare, oppure quando conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio.

 

Imu

La legge [1] ha stabilito che, ai soli fini dell’Imu, l’assegnazione giudiziale dell’ex casa coniugale si intende, in ogni caso, effettuata a titolo di diritto di abitazione. Tale norma ha così assegnato al coniuge assegnatario la soggettività passiva dell’IMU, a prescindere da una sua eventuale percentuale di proprietà sull’immobile. L’assegnatario, quindi, fruisce dell’esenzione dal pagamento dell’imposta della casa di residenza (tale essendo l’attuale disciplina dell’Imu).

Soggetto passivo resta l’assegnatario anche nel caso in cui il fabbricato, durante il matrimonio, fosse detenuto in comodato gratuito, ma non anche nell’ipotesi di locazione [2].

Oggi nulla è cambiato in ordine alla soggettività passiva dell’imposta e, pertanto, l’esclusione continua a riguardare solo l’assegnatario.

L’unico elemento di novità [3] consiste nell’aver escluso la tassazione della casa coniugale (purché non di lusso) anche nell’ipotesi in cui l’assegnatario abbia la dimora abituale o la residenza anagrafica in altro luogo.

Tasi

Considerato che soggetti passivi della Tasi sono i possessori e i detentori, che se non coincidono nella stessa persona sono tenuti singolarmente al pagamento del nuovo tributo nelle misure fissate dal Comune, si dovrebbe arrivare alla conclusione che anche nel caso di specie trovi applicazione la regola generale di ripartizione del tributo tra possessore e detentore.

Conseguentemente, in caso di comproprietà, l’imposta, calcolata con l’aliquota prevista per l’abitazione principale, è dovuta da entrambi i coniugi in base alle rispettive quote di possesso, in relazione alle quali va computata anche l’eventuale detrazione riconosciuta dal Comune.

Diversamente, nel caso in cui l’assegnatario non sia titolare di alcun diritto di proprietà (o altro diritto reale) sull’unità immobiliare, egli è tenuto a versare l’imposta (sempre con l’aliquota dell’abitazione principale), nella misura prevista dal regolamento comunale (e nella stessa percentuale gli spetta la detrazione). La restante parte è a carico del possessore, cui compete la detrazione nella stessa misura.

Di diverso avviso è invece il Mef, il quale, in risposta ad uno specifico quesito [4], ha affermato che “il coniuge è titolare del diritto di abitazione e, indipendentemente dalla quota di possesso dell’immobile, è il solo che paga la Tasi con l’aliquota e la detrazione, eventualmente prevista, per l’abitazione principale. Se, invece, la casa assegnata fosse in locazione (esempio casa in locazione abitata dai coniugi prima della separazione, poi assegnata dal giudice della separazione ad uno di essi), la Tasi deve essere calcolata dal proprietario con l’aliquota prevista dal Comune per gli immobili diversi dall’abitazione principale e l’importo ottenuto verrà pagato in parte dal proprietario e in parte dal locatario, in base alle quote deliberate dal Comune”.

I dubbi creati dalla disorganicità delle norme potrebbero trovare una soluzione nel regolamento comunale al quale sarà opportuno che i contribuenti si adeguino anche al fine di evitare un possibile contenzioso con il comune.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter


note

[1] Art. 4 comma 12-quinquies del Dl 16/2012.

[2] In quanto, in tale situazione, l’assegnatario gode dell’utilizzo dell’immobile in virtù di quanto sancito dall’articolo 6 della legge 392/1978. Cfr. risoluzione MEF n. 5/Df del 28/3/2013.

[3] Desumibile dal combinato disposto degli articoli 13, comma 2, del Dl 201/2011 e 1, comma 1, lettera a) del Dl 16/2014.

[4] MEF quesito n. 22 delle Faq Imu/Tasi.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. la spiegazione data e troppo blanda non c’e’ chiarimenti su chi deve pagare le tasse imu, tasi ecc. grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube