Diritto e Fisco | Articoli

Come conoscere la PEC (posta elettronica certificata) gratis e da casa

11 Giugno 2014
Come conoscere la PEC (posta elettronica certificata) gratis e da casa

Il registro Ini-Pec consente una rapida e veloce consultazione di tutti gli indirizzi pec di imprese e professionisti.

Come noto, professionisti e aziende sono obbligati, per legge, ad avere una PEC, ossia un indirizzo di posta elettronica certificata. Tale strumento consente la trasmissione di messaggi email con valore legale, al pari di una raccomandata a.r.

In pratica, la Pec è la versione digitale della raccomandata con ricevuta di ritorno. Come la raccomandata, la Pec garantisce la certezza della data di spedizione, nonché del giorno e dell’ora di ricevimento della comunicazione da parte del destinatario. L’unica condizione è che sia il mittente che il destinatario dispongano di una casella di posta elettronica certificata presso uno dei gestori autorizzati iscritti all’elenco pubblico tenuto dall’Agenzia per l’Italia Digitale.

Poiché la spedizione e la ricezione avviene – al pari di qualsiasi altra email – attraverso un normale computer, la Pec consente la trasmissione di comunicazioni (anche formali e ufficiali) senza alcun costo (se non quello della normale connessione della linea internet).

Così, una diffida, una lettera interruttiva della prescrizione, la richiesta di un pagamento, ma anche la notifica di cartelle esattoriali da parte dell’Agente della riscossione, possono avvenire, già da oggi, attraverso la posta elettronica certificata, senza spese e senza file alla posta.

È necessario però conoscere l’indirizzo Pec del soggetto destinatario della comunicazione che intendiamo spedire.

Un tempo esistevano le pagine bianche per chi doveva cercare il numero di telefono di un abbonato. Per le Pec, invece, c’è il cosiddetto “Registro INI-Pec”, che mette a disposizione degli utenti gli indirizzi dei professionisti e delle imprese presenti sul territorio italiano. In pratica, INI-Pec è l’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata istituito dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Ini-PEC è stato, dunque, pensato per chiunque voglia ottenere l’indirizzo di PEC di un operatore economico, sia esso un’impresa o un professionista appartenente a un ordine o ad un collegio.

Il registro INI-Pec può essere consultato gratuitamente da casa, attraverso un normale computer. La home page si trova al seguente indirizzo web: https://www.inipec.gov.it. Invece, la pagina delle ricerche è questa https://www.inipec.gov.it/cerca-pec

Per effettuare le ricerche, non c’è bisogno di autenticazione o di programmi aggiuntivi, né tantomeno di abbonamenti o di essere un professionista o un’impresa. Ciascun privato cittadino può liberamente accedere alla sezione di ricerca del portale e cercare l’indirizzo di posta elettronica certificata di proprio interesse.

Se l’azienda o il professionista cercato è presente nell’indice, il registro Ini-Pec vi fornirà in chiaro il suo indirizzo Pec, che può anche essere letto sulla stessa pagina web del sito oppure scaricandolo in formato .csv.

L’indice viene aggiornato costantemente con i dati provenienti dal Registro Imprese (ove le aziende hanno l’obbligo di comunicare la propria Pec), dagli Ordini professionali e dai Collegi di appartenenza (ove, invece, i professionisti devono fornire tale indirizzo). Pertanto, i dati presenti nel registro sono, di norma, attendibili.

Vuoi sapere come funziona una Pec? Leggi questo articolo

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter

note

Autore immagine: 123rf com


1 Commento

  1. Io ce l’ho da 2 anni e non esisto, per loro 🙁
    Mi sono cercato in mille modi…ma nulla: ho la Cns, la casella bla bla bla…ma nulla ….non esisto.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube