Diritto e Fisco | Articoli

Eccesso di velocità: multa nulla se il verbale non indica la dinamica

11 Giugno 2014
Eccesso di velocità: multa nulla se il verbale non indica la dinamica

Orientamento nuovo sul codice della strada: la Cassazione dice stop ai verbali generici e prestampati: la percezione di chi accerta l’illecito pericoloso dev’essere circostanziata.

Sarà più facile, da oggi, contestare le multe per eccesso di velocità e guida pericolosa? Così sembra, almeno da una lettura rapida dell’ordinanza della Cassazione di qualche ora fa [1]. Secondo, infatti, la Suprema Corte, il verbale è invalido se l’agente non indica con precisione la dinamica dell’infrazione.

L’orientamento appena espresso dai giudici sembrerebbe, dunque, quello di dire basta ai verbali tutti uguali e prestampati. Non è sufficiente, in pratica, che l’agente accertatore riporti nella multa il fatto che il conducente andava a velocità sostenuta o guidava in modo pericoloso: le dichiarazioni del vigile su punto non hanno fede privilegiata fino a querela di falso. Il che contraddice quanto sino ad oggi sempre predicato dalla Cassazione.

Insomma – dice a chiare lettere la sesta sezione della Corte – tutto ciò che comporta una valutazione da parte dell’agente – in questo caso la pericolosità della condotta dell’automobilista – deve essere dettagliatamente descritto nel verbale.

In generale, nelle cause di opposizione contro le multe, il cittadino può contestare quanto dichiarato dall’agente e fornire le prove a proprio vantaggio solo su quelle circostanze di fatto della violazione che, nel verbale, non sono avvenute alla presenza del pubblico ufficiale.

Diverso è il caso del passaggio con il semaforo rosso, o il superamento dei limiti attestato dall’autovelox, o il mancato uso delle cinture che sono eventi non richiedenti una valutazione della polizia, ma oggettivi e, come tali, sono dotati di fede privilegiata.

Quanto, invece, alla pericolosità della guida essa va desunta dalle caratteristiche e dalle condizioni della strada e del traffico e da ogni altra circostanza di qualsiasi natura. Per cui non costituisce un fatto storico, che possa essere attestato, ma è una valutazione soggettiva del vigile. In

altri termini, il giudizio di pericolosità implica un’attività di elaborazione da parte dell’agente accertatore, che deve rilevare i fatti che stanno avvenendo (condizione del veicolo, della strada, del traffico) e sottoporli a critica, per desumerne la valutazione di congruità ai criteri di buona condotta di guida o, appunto, di pericolosità.

Appunto, tale valutazione è oggetto di contestazione e non ha fede privilegiata. La conseguenza è che se il verbale non è circostanziato e motivato, ma risulta un semplice fac-simile, come tanti altri, in cui il pubblico ufficiale si limita a rilevare la violazione della norma, la multa può essere annullata dal giudice di pace.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento?

Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter


note

 

[1] Cass. sent. n. 13264/14 dell’11.06.14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube