Diritto e Fisco | Articoli

Bollo auto: riscossione anche senza accertamento

11 Giugno 2014
Bollo auto: riscossione anche senza accertamento

Legittima la liquidazione delle tasse automobilistiche anche se manca l’accertamento: non conta la notifica dell’infrazione perché l’imposta non colpisce più l’illecita circolazione dei veicoli.

Le amministrazioni locali possono procedere al recupero forzoso delle tasse automobilistiche semplicemente inviando l’avviso di liquidazione, senza bisogno che quest’ultimo venga preceduto dall’accertamento.

A mettere il punto sulla questione è la Cassazione con una sentenza di questa mattina [1].

Insomma, il contribuente potrà vedersi notificato, di punto in bianco, l’avviso di liquidazione con la cartella esattoriale, per il recupero delle tasse automobilistiche, senza che ciò venga preceduto dalla notifica di accertamento dell’infrazione.

Tutte le volte in cui gli uffici del Pra [2] comunicano all’amministrazione finanziaria le notizie occorrenti per l’applicazione della tassa automobilistica e per l’individuazione del proprietario del veicolo, non è obbligatorio [3] redigere un processo verbale di accertamento della violazione e (quindi) notificare quest’ultimo all’interessato prima della notificazione dell’ingiunzione.

E, questo, sia perché la tassa non colpisce più l’illecita circolazione delle automobili, con la conseguenza che non occorre più accertare l’infrazione, essendo diverso il presupposto dell’imposta, che ora consiste nel possesso dell’autoveicolo, sia perché l’Aci non è più titolare dello specifico potere impositivo.

Come funziona il bollo auto?

Si tratta di un tributo annuale dovuto per il possesso di un veicolo o di un rimorchio o per la circolazione di un ciclomotore. Tenuto a pagare è, rispettivamente, chi risulta intestatario del mezzo e chi pone il ciclomotore in circolazione.

Sembrano principi semplici, ma lo sono solo in apparenza: in realtà, tra leggi nazionali, circolari, giurisprudenza e varianti regionali, la situazione è ben più complessa, almeno riguardo al concetto di possesso.

In tutta Italia, tranne che in Lombardia e Piemonte, il presupposto dell’imposta è il possesso all’ultimo giorno utile per provvedere al pagamento. Cioè, di norma, la fine del mese successivo a quello in cui è scaduto il bollo precedente.

In caso di acquisto di veicolo nuovo (oppure usato da un rivenditore professionale che lo ha posto in regime di esenzione dal bollo in attesa della rivendita), la fine del mese di immatricolazione (per l’usato, la fine di firma dell’atto di vendita da parte del rivenditore); se l’immatricolazione o la firma avvengono negli ultimi giorni del mese, si può pagare anche entro la fine del mese successivo. In Lombardia e Piemonte, invece, il possesso si determina il primo giorno del periodo d’imposta (cioè quello di immatricolazione del nuovo o di firma dell’atto di vendita dell’usato; per i rinnovi da parte dello stesso proprietario è il primo del mese successivo al mese di scadenza del precedente).

Tutto questo vale nell’ipotesi più semplice, cioè quando il possessore effettivo del mezzo coincide con l’intestatario al Pra. Ma c’è tutta una serie di situazioni in cui c’è differenza. Per esempio quando un passaggio di proprietà non è stato registrato o quando il mezzo è stato rubato o demolito e non è stata fatta annotare la relativa perdita di possesso. In linea generale, la normativa nazionale consente all’intestatario di presentare “idonea documentazione” per dimostrare di non essere più proprietario e idonei sono ritenuti gli atti di data certa (come gli atti di vendita con firma autenticata o le denunce alle forze dell’ordine).


note

[1] Cass. sent. n. 13147/14 dell’11.06.14.

[2] Art. 5, comma 39 , della 1. n. 53/1983.

[3] Previsto nell’art. 2 della l. n.27/1978.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Salve la mia moto è stata rubata nel 2007 il 15 gennaio, ho fatto la regolare denuncia. .ma nn ho comunicato nulla al PRA.oggi in data 12 settembre 2014 mi è arrivata una cartella di equitalia, che notifica il pagamento del bollo 2008/2009 della moto.la devo pagare? Aiutatemi nn so cosa fare e come agire . grazie.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube